Nuove ricette

Torta del deserto Anka

Torta del deserto Anka

Per prima cosa ho iniziato con i controsoffitti, è un po' di cura cuocerli singolarmente, ma volevo avere più trame del controsoffitto.

Top 1 con noce: Forma a torta del diametro di 28 cm, foderata con carta da forno, solo sul fondo della forma, perché non è un top alto. Ho amalgamato bene gli albumi con un pizzico di sale, poi ho aggiunto lo zucchero e ho impastato fino ad ottenere una meringa forte, ho aggiunto anche i tuorli e li ho incorporati con movimenti lenti dal basso verso l'alto. Alla fine ho incorporato le noci tritate e la farina, con movimenti lenti dal basso verso l'alto. Ho messo la composizione a forma di torta e ho modellato il forno preriscaldato a 180 gradi (forno elettrico) per circa 10 minuti. Essendo un top sottile, cuoce velocemente. Togliete dalla padella e lasciate raffreddare.

Primi 2 bianchi. Ho amalgamato bene le 2 uova con un pizzico di sale, ho aggiunto lo zucchero e ho impastato fino a far sciogliere lo zucchero, ho aggiunto l'olio ed infine la farina e ho impastato per circa 2 minuti. Ho rivestito la tortiera con carta da forno, ho messo la composizione nello stampo e ho infornato lo stampo per circa 10 minuti. Togliete dalla padella e lasciate raffreddare.

Top 3 con noci e cacao Ho mescolato le 2 uova con sale in polvere e zucchero fino a far sciogliere lo zucchero, poi ho aggiunto le noci macinate, la farina e il cacao e ho impastato per circa 2-3 min. Ho la carta da parati a forma di torta con carta da forno, ho messo la composizione nella forma e l'ho modellata in forno per circa 10 minuti. Togliete dalla padella e lasciate raffreddare.

Bianchi superiori 4. Ho amalgamato bene le 2 uova con un pizzico di sale, ho aggiunto lo zucchero e ho impastato fino a far sciogliere lo zucchero, ho aggiunto l'olio ed infine la farina e ho impastato per circa 2 min. Togliete dalla padella e lasciate raffreddare.

Top 5 con le noci Ho amalgamato bene gli albumi con un pizzico di sale, poi ho aggiunto lo zucchero e ho impastato fino ad ottenere una meringa forte, ho aggiunto anche i tuorli e li ho incorporati con movimenti lenti dal basso verso l'alto. Ho messo la composizione a forma di torta e l'ho infornata per circa 10 minuti. Togliete dalla padella e lasciate raffreddare.

Sciroppo: lascio scongelare le ciliegie e scolo lo sciroppo. Ho fatto bollire lo sciroppo ottenuto con 2 cucchiai di zucchero, poi ho lasciato raffreddare.

Crema: Crema dolce per crema fredda da frigo l'ho impastata con 4 bustine di zucchero vanigliato, ho amalgamato fino ad ottenere una crema soda. La panna deve contenere oltre il 30% di grassi. Ho messo la crema ottenuta in frigo e l'ho tirata fuori quando ho iniziato a fare le creme.

Crema di ciliegie 1: ho scongelato e sgocciolato le ciliegie insieme allo zucchero fino ad ottenere una purea. Ho trasferito la purea in una ciotola di acciaio inox, ho aggiunto i 2 tuorli. A parte metto i fogli di gelatina ad idratare in acqua fredda. Ho messo la ciotola su un bagno di vapore e ho mescolato per circa 3-4 minuti poi ho aggiunto il cioccolato tritato e ho mescolato fino a quando il cioccolato si è sciolto. Ho preso la ciotola dal bagno di vapore, ho strizzato bene la gelatina e l'ho incorporata alla panna, poi ho aggiunto 100 g di panna montata. Dopo aver fatto la crema alle ciliegie ho condito la forma della torta in cui ho infornato le cime in carta stagnola e ho messo la parte superiore 1 con la noce, l'ho sciroppata, ma pochissimo e poi ho versato la crema 1 alle ciliegie, l'ho modellata nella congelatore per circa 1 ora. Dopo che la crema si è indurita, ho iniziato a fare la crema 2.

Crema al mascarpone e latte condensato caramellato: ho amalgamato il mascarpone e la panna montata per circa 3 minuti. Ho idratato i fogli di gelatina in acqua fredda.In una ciotola di acciaio inox ho messo i 2 tuorli e il latte condensato caramellato, ho mescolato bene e poi ho messo la ciotola sul bagno di vapore, ho aggiunto il cioccolato tritato e ho mescolato fino al cioccolato fuso. Ho preso la ciotola dal bagno di vapore, ho strizzato bene la gelatina e l'ho incorporata alla panna, ho incorporato la crema ottenuta nel composto di mascarpone e panna montata. Ho tirato fuori dal freezer la forma della torta e ho posizionato la parte superiore bianca 2, l'ho sciroppata pochissimo poi ho messo 2 crema al mascarpone con latte condensato caramellato. Ho rimodellato il congelatore per circa 1 ora. Dopo 1 ora ho iniziato a fare la crema alle 3 ciliegie.

Crema di ciliegie 3. Ho scongelato le ciliegie tritate e scolate insieme allo zucchero fino ad ottenere una purea. Ho tolto la forma della torta dal freezer, ho messo sopra 3 cucchiai di cacao e noci, l'ho sciroppata pochissimo e poi ho messo 3 ciliegie nella crema. Ho rimesso la forma in freezer per circa 1 ora. Dopo 1 ora ho iniziato a fare 4 creme al mascarpone con latte condensato caramellato.

Crema 4 mascarpone con latte condensato caramellato.Ho mescolato il mascarpone e la panna montata per circa 3 minuti. Ho tirato fuori la forma dal freezer, ho messo i 4 bianchi da banco, l'ho sciroppata un po', ho messo 4 crema al mascarpone e latte condensato caramellato e l'ho modellata in freezer per circa 30 minuti, dopo 30 minuti ho preso la forma fuori dal freezer e ho messo l'ultimo piano di lavoro, il piano di 5 noci, un po' sciropposo. Ho messo la forma in frigo e l'ho lasciata fino al mattino in cui ho iniziato a decorare la torta.

Guarnire la crema: In una ciotola ho messo panna acida, mascarpone, zucchero semolato e ness e ho mescolato fino ad ottenere una crema soda.

Ho tolto la torta dal frigo, l'ho tolta dallo stampo e l'ho messa su un piatto e poi l'ho decorata mentre mi passava per la testa. Questa volta non sono stata molto ispirata, probabilmente perché sono una nonna insopportabile, nebbiosa e piovosa.... :))))))))))))))))))))))))))) ) Spero di compiacere il celebrante. Buon compleanno, Anka!


Torta Dessert Anka - Ricette

Sono cresciuto, suppongo, rendendomi conto che la cucina britannica non aveva la migliore reputazione di fronte ad altri paesi e che eravamo messi in ombra dalla cucina francese. La cucina britannica è stata ridicolizzata e in qualche modo sono cresciuto con quell'immagine. Ora so che, in effetti, qui nel Regno Unito abbiamo molti prodotti stagionali di qualità provenienti dal cielo, dalla terra, dai fiumi e dal mare. Abbiamo anche meravigliose tradizioni in tutto il nostro territorio in termini di cucina regionale. Gli inglesi sono benedetti con un fine senso dell'umorismo e la capacità di divertirsi. Devo essere cresciuto con le famose barzellette sulle "British Railways" e le loro orribili torte di maiale, tè o toast combinate con i treni in ritardo! Una storia dal blog del National Railway Museum mi ha fatto sorridere: "Come le ferrovie britanniche hanno limitato il burro ai suoi panini e altre storie dalla stazione" (https://blog.railwaymuseum.org.uk/how-british-rail -limited-the -burro-su-i-suoi-panini /)

Sono anche cresciuto guardando i campionati di tennis di Wimbledon in televisione, durante i quali le migliori fragole e panna venivano servite a casa, con un senso di decadenza e orgoglio. Mia madre e mio padre sono cresciuti in famiglie della classe operaia, mia madre nel Norfolk, circondata da terreni agricoli con maiali e tacchini, e mio padre nelle colline e nelle valli gallesi circondate da campi di pecore. La loro infanzia in tempo di guerra, con risorse limitate e una cucina semplice, ha influenzato il loro atteggiamento nei confronti del cibo e li ha portati a praticare lo spreco zero. Mia madre una volta mi disse che il "pane gocciolante" & # 8211 che era grasso di carne refrigerata e spalmato sul pane & # 8211 era una delizia rara e ricercata. Una “delizia” che da bambina trovavo oltraggiosa!

Entrambi i miei genitori aspiravano a far parte della classe media, quindi hanno ricevuto l'istruzione di cui avevano bisogno per diventare insegnanti. Si sono conosciuti mentre insegnavano in una scuola nel Lancashire, nel nord dell'Inghilterra, e hanno lavorato duramente per possedere una casa propria. La mia prima casa con i miei genitori era a Glasgow, in Scozia, e la mia seconda casa con loro era a Weybridge, nel Surrey, un posto molto ricco. Il cibo con cui sono cresciuto è stato preparato da mia madre. Molte delle ricette provengono da un libro fornito da mio padre quando si sono incontrati per la prima volta! Era una cucina inglese semplice, di solito a base di carne e due verdure, servita quasi sempre con patate sbucciate e sempre seguita da un dolce, fatto in casa o comprato. Avevo un soggiorno con un tavolo di quercia lungo e sottile che era appartenuto ai genitori di mio padre. Il posto di suo padre era a capotavola. Mia madre si è seduta a mangiare molto tempo dopo che abbiamo iniziato.

Nei giorni feriali la cena veniva servita alle 18:00. I piatti erano preriscaldati, poiché mio padre doveva ricevere il cibo molto caldo. I nostri pasti spesso prevedevano patate bollite, come ho detto prima! I preferiti erano la casseruola di agnello con carote ed erbe aromatiche, braciole di maiale alla griglia con salsa di mele, torta di pastore con purea croccante sopra, bastoncini di pesce fatti in casa con patatine e piselli con ketchup, e casseruola di manzo macinato (alla bolognese) servito, ancora, con bollito patate.

L'insalata non era considerata cibo!!

Il sabato mattina facevo esercizi di ginnastica. La rumena Nadia Comaneci è stata l'eroina della mia infanzia. Dopodiché andai a pranzo in un club associato al servizio di mio padre. Avevano una specie di ristorante e mensa e io ordinavo sempre petto di pollo fritto, patatine fritte e coca cola, seguito da gelato. Oppure, a volte, invece, tornavamo a casa, dove mio padre cuoceva delle bistecche con una frusta e mia madre preparava le patatine fritte.

La domenica mia madre e mio padre uscivano la mattina: mia madre giocava a tennis, mio ​​padre giocava a golf. Facevamo sempre un pranzo domenicale tradizionale, ogni settimana con una carne diversa che veniva fritta e servita con patatine fritte, verdure di stagione e salsa, a seconda di come si abbinavano.
Per esempio:

Settimana 1 & # 8211 pollo fritto con pangrattato

Settimana 2 & # 8211 Bistecca di manzo (stracotta) con salsa di rafano

Settimana 3 & # 8211 Bistecca di agnello fatta in casa con salsa alla menta

Settimana 4 & # 8211 maiale fritto (essiccato) con salsa di mele.

Il maiale era quello che mi piaceva di meno. Quando la carne in questione fu pronta e “riposata”, mio ​​padre fu chiamato in cucina per tagliare la carne con l'apposito coltello e forchetta passato alla sua famiglia. Il cibo veniva messo in cucina su piatti individuali prima di essere portato in tavola. A differenza di altre coltivazioni, nel nostro Paese non esiste un servizio al tavolo comune, fatta eccezione per il sugo e complementi come sale e pepe.

Io e mio fratello non abbiamo fatto molta colazione. Forse mio fratello Mark stava prendendo un'altra ciotola di cereali o una fetta di pane tostato, ma niente di sostanziale. Non ho mai avuto fame prima delle 11 del mattino e per la maggior parte lo sono rimasta oggi, con una rarissima eccezione. Non ricordo che la tua colazione sia mai stata incoraggiata. Sicuramente mai incoraggiato come aspetto sociale, a sedersi a tavola insieme. Per i miei genitori, invece, la colazione era un rito. Papà si è svegliato prima di sua madre ed è sceso al piano di sotto. Preparò una teiera di tè inglese e portò una tazza su per le scale da dare a sua madre a letto ogni giorno della loro vita insieme. Mia madre l'ha servita con il latte e una zolletta di zucchero! Penso che fosse una specie di condizione del loro matrimonio!! Un buon affare, se me lo chiedi! Poi mio padre tornava in cucina e prendeva il tè da solo e una ciotola di cornflakes, seguito da prosciutto, uova, funghi e talvolta patatine fritte o patatine fritte e il tutto innaffiato con ancora più tè. Mangiava sul bancone della cucina.

Alle 7 del mattino mio padre è partito per prendere il treno per Londra dove lavorava e io ho salutato la finestra della camera dei miei genitori. Poco dopo la partenza di mio padre per lavoro, mia madre scende in cucina in vestaglia per fare colazione, di nuovo sola. Mangiava un'arancia tagliata in quarti o un pompelmo mezzo affettato, seguito da pane tostato con burro e la sua meravigliosa marmellata fatta in casa, che faceva una volta all'anno a gennaio, in un vasetto apposito per marmellata. A volte mangiava prosciutto e uova. Poi ha messo dei bigodini caldi nei suoi lucenti capelli neri lunghi fino alle spalle e ha creato un'acconciatura immacolata degli anni '70 prima di andare a lavorare dove lavorava come insegnante di scuola superiore.

Ogni tanto mangiavo anche dei toast con marmellata e ancora oggi rimangono una fonte di conforto che conservo per i giorni in cui mi sento abbattuta. In quelle mattine, il tè con pane tostato e marmellata fa miracoli! Fino agli ultimi anni mia madre mi offriva un vasetto all'anno, a gennaio, che ho gustato con cura fino all'anno successivo. Ma lei non condivide la ricetta con me, quindi ora faccio la mia marmellata.

Non ho bevuto tè (nero) fino a quando non sono diventato adulto, anche se molti bambini nel Regno Unito lo bevevano. Ora ogni tanto bevo tè grigio con latte e miele, che è molto non convenzionale, ma delizioso!

Ho frequentato una scuola materna a Glasgow, ma non ricordo l'ora in cui venivano serviti i pasti, motivo per cui sospetto che saremmo tornati a casa a mezzogiorno. Non mi piaceva essere lì e questo può essere un fattore! Tuttavia, dall'età di quattro anni, quando ci siamo trasferiti nel Surrey, nel sud dell'Inghilterra, abbiamo pranzato alla scuola elementare. Ricordo barattoli con diversi formati di pasta e spaghetti che sarebbero stati strumenti di apprendimento in classe. Io e la mia amica Teresa ci stavamo buttando addosso! Ricordo anche che per la pausa portavamo una clementina o un satsuma, e insieme a Teresa li affettavo e li “cuocevo” sul generatore di calore esterno!! Clementine grigliate. Yum!

La scuola elementare mi sembrava piuttosto noiosa. L'unica lezione utile è stata quando abbiamo coltivato l'acetosa in alcune tazze per alcune settimane, poi è arrivato il giorno magico in cui abbiamo dovuto cogliere l'acetosa e fare dei panini con le sue foglie durante la lezione! In realtà sembrava la cosa più deliziosa che abbia mai mangiato e #8230 Penso che fosse persino burro spalmato su quella dura fetta di pane bianco! A quei tempi, i pasti scolastici venivano serviti dall'altra parte della strada, in una mensa con un passavivande.

A mia madre è stato detto di non scegliere di mangiare troppo.

Tuttavia, i budini caldi e i pan di spagna erano accettabili e ricordo persino di aver perso il mio secondo dente in profondità nel pan di spagna con crema al cioccolato!

Quando ho compiuto sette anni, ho iniziato a frequentare la scuola media, che era una scuola conventuale cattolica (anche se i miei genitori non erano cattolici). Continuando a non fare colazione, ho portato con me una mela o il famoso cubo di manzo osso [1] che ho tenuto in tasca e che mi è arrivato fino a mezzogiorno & #8230 Appiccicoso e schiacciato nella tasca del mio blazer, questa gioia umami era un conforto paradisiaco che leccavo direttamente dal suo guscio d'argento durante la pausa, nelle giornate fredde. Seguì l'odore disgustoso della sala da pranzo del monastero. Le suore servivano una varietà di generi alimentari, tra cui zuppa, semolino e un inferno di budino di riso, servito con un mucchio di marmellata di fragole gettata sopra.

Fortunatamente per me, in palestra c'era un circolo di scuola di ginnastica, che mi ha nutrito molto di più, al di là di questi pranzi insipidi & #8230 C'era anche un chiosco dove fino alle 19:00 potevo comprare una borsa mare di bacchette di patate aromatizzato con sale e aceto, quindi tutto era OK Inoltre, il negozio di dolciumi locale era un must per snack e snack post-corso.

In casa, tra la fine degli anni Settanta e l'inizio degli Ottanta, le cene, soprattutto in occasioni speciali con parenti o amici, erano fortemente influenzate dalle ultime tendenze culinarie. È iniziato con cocktail di gamberi serviti in bicchieri di vetro o mezzo pompelmo fritto con zucchero di canna (molto strano!). C'erano piatti esotici che mia madre sperimentava in questo periodo, come la moussaka greca. Era qualcosa a cui potevo davvero relazionarmi, ma solo da adulta ho scoperto le mie radici mediterranee. Mia madre ha sempre avuto un debole per i dolci e si è specializzata in budini e dessert, forse influenzata da scrittori alla moda e molto amati con programmi TV come Delia Smith. Mia madre ha iniziato a sperimentare in cucina, soprattutto il sabato. Ha fatto le torte dell'Alaska, le meringhe e le torte al limone, deliziose 'sciocchezze' [2] che abbiamo mangiato direttamente dal cucchiaio in frigo! Oh, la zuppa inglese di mia madre era così deliziosa e #8230pandish imbevuto di vino di Madeira, con pesche in scatola, strati di panna montata e gelatina di lamponi tritata sopra. Adorabile! Ha fatto anche una torta gelato al cioccolato, che è stato poi fuso con cioccolato al latte mescolato a biscotti digestivi tritati e poi rimesso in frigo.

Questi magici giorni d'estate negli anni '70 sono stati alcuni dei giorni più felici della mia vita. Erano giorni caldi e l'aria era piena di simpatiche coccinelle e scarafaggi che atterravano nel nostro giardino. Andavamo in una fattoria locale dove potevamo raccogliere frutta e scegliere more, lamponi, fragole o ribes. Quello che non abbiamo mangiato sul posto è stato pesato e pagato. A casa mia madre li lavava e li sceglieva con cura tra i frutti e poi li asciugava prima di congelarli per l'inverno. E oh, le torte di more e ribes & # 8230 o le deliziose torte calde friabili [3] con mele e more, servite con gelato sciolto.

Pancake Day o Martedì del Perdono

Il martedì del perdono è una festa cristiana, molto popolare in Inghilterra, che segna l'inizio della Quaresima consumando il latte e le uova rimanenti. La nostra casa non ha fatto eccezione! Ci guardiamo indietro dalla scuola e nostra madre ci preparava i pancake. Io e mio fratello ci sedevamo a tavola e nostra madre ci portava pancake dopo pancake fino a quando non eravamo pieni e non riuscivamo a mangiare. Mark detiene il record, eppure è mio fratello maggiore! Il mio record di quattro pancake è abbastanza buono anche adesso! Li mangiavamo sempre con succo di limone appena spremuto e zucchero bianco. Non abbiamo arrotolato i pancake, li abbiamo mangiati piatti, con coltello e forchetta.

Non eravamo una famiglia religiosa. I miei genitori erano vagamente cristiani, ma celebravano le feste tradizionali. La domenica di Pasqua è stato un giorno in cui ci siamo svegliati con i piccoli cestini pieni di uova di cioccolato appesi alle porte della nostra camera da letto! Le uova di cioccolato ripiene di caffè erano le mie preferite. Poi ho pranzato in famiglia con mia zia, mio ​​zio e mio cugino Peter, un pasto così lungo e noioso. In questi incontri, i bambini dovevano essere "visibili e non ascoltati" e sedersi e tollerare le noiose conversazioni degli adulti.

Il Natale è stato un po' più vivace e più divertente per noi bambini. Mia madre si è preparata in anticipo, in modo molto organizzato. Lavorare a maglia un maglione di Natale per papà molto tempo prima. Ogni anno, una tonalità di blu leggermente diversa! L'albero di Natale veniva sempre decorato per il compleanno di mio fratello il 9 dicembre. I regali sono stati incartati e posti sotto l'albero e le congratulazioni sono state appese alla ringhiera delle scale.

Mia madre preparava sempre il suo budino di Natale [4] ripieno di sugna [5], alcool e frutta secca. Fece anche un'enorme torta quadrata con frutta e uno spesso strato di pasta di mandorle, decorata con glassa bianca che rappresentava figurine invernali e alberi di Natale. Preparava anche torte tritate [6] e burro al brandy, che si metteva sotto il coperchio della torta e si scioglieva in bocca o deliziosi involtini di salsiccia fatti in casa e avvolti in un impasto croccante e friabile. Mentre scrivo tutto questo, mi rendo conto di quanto fosse una meravigliosa cuoca di casa mia madre. Tuttavia, la cucina era molto il suo territorio e spazio creativo, dove non c'era spazio per me.

Di tanto in tanto, potevo girare o leccare una spatola mentre ero seduto sulla piccola sedia arancione.

Alla vigilia di Natale, i vicini adulti sono stati invitati per bevande e ciliegie e le torte tritate sono state distribuite tra gli ospiti. La mattina di Natale ci siamo svegliati per scoprire un calzino appeso alle porte della nostra camera da letto! Il momento che aspettavo da un anno intero. Piccoli regali e cioccolatini ripieni nel calzino. Aprivo il mio a letto e poi le clementine "premio estremo" nascoste in fondo al calzino. Un gusto deciso e dolce.

Mentre ero comodamente seduta a letto, circondata dalla carta da pacchi e dall'aroma delle bucce d'arancia, mia madre era già in cucina! Erano le 7 del mattino e aveva un tacchino al forno e un budino fumante. Il pranzo è stato servito cerimoniosamente alle 13:00 con la stessa zia Jose, lo zio Noel e il cugino Peter. Mia madre camminò fino in capo al mondo, coprendo il tavolo con candele rosse e vischio. C'erano anche petardi di Natale da sparare, pieni di stupidi cappelli di carta da indossare e barzellette da raccontare. C'erano animali smaltati o altri oggetti affascinanti in loro. Con i cracker, la nostra festa è iniziata insieme.

La maggior parte del cibo di Natale non era di mio gradimento da bambino.

Non mi è mai piaciuto il ripieno di carne o i cavoletti di Bruxelles.

E non mi piaceva nemmeno la torta di Natale o le torte tritate o il budino di Natale!

Solo tacchino fritto, patatine fritte e salsa di pane erano i miei preferiti!

Nel pomeriggio, siamo andati tutti in giro e abbiamo giocato a giochi da tavolo. Oppure stavo facendo una breve passeggiata nel freddo invernale. Poi, come se non ci fosse abbastanza cibo, mia madre rimette a posto la tavola e mette ovunque bellissime candele!

Panini con pangrattato e salsa di tacchino (oh sì, per favore!)

Le torte tritate e la temuta torta di Natale sono apparse tutte da qualche parte.

Il panino al tacchino e il pangrattato mi sarebbero bastati!

Alla fine, i parenti se ne sono andati e abbiamo ringraziato i genitori per i nostri giocattoli e regali di Natale.

Quando avevo 10 anni, ero molto apprezzato dalla scuola media e il mio amato club di ginnastica mi ha mandato in un liceo molto accademico, solo per ragazze. Non solo ho dovuto cambiare la mia uniforme blu navy con una combinazione di rosso e grigio, con pantaloni a vita alta, ma i miei pasti scolastici sono peggiorati?

Non dimenticherò mai il primo pranzo lì. Siamo stati portati in una sala da pranzo dalla forte eco e abbiamo regalato tavole rotonde per otto persone, essendo destinati a pranzare insieme per i prossimi cinque anni! Le signore in cucina si sono presentate con i carri e hanno immerso un enorme vassoio di metallo al centro del nostro tavolo. Hamburger di manzo grigi e unti, conditi con cipolle fritte nell'olio, mi guardavano dall'alto in basso. Era vero? Panini senza panini. cosa? & #8230. purè di patate in polvere?

Ma man mano che le nostre amicizie crescevano e si approfondivano, abbiamo imparato a goderci il tempo insieme. Le risate e le battute di adolescenti erano divise tra budino al cioccolato e crema di uova con pojghiţa formata sopra o la sfortunata insalata di involtini di aringhe marinate che solo Heidi osava mangiare! Una volta ogni due settimane, a turno, ci godevamo la spruzzata di polpette nell'enorme ciotola di vetro dell'insalata con il dorso del cucchiaio da portata. Oh, com'era felice! Venerdì con pesce e patatine fritte era decente & # 8211 soprattutto le patate. Quando ho compiuto 14 anni, siamo stati spostati in un lungo tavolo dall'altra parte della sala da pranzo. I nostri appetiti erano alti adesso, crescendo così tanto. Mangiavo un panino per le pause mattutine, ma non era mai abbastanza, così la mia cara amica Julia Richards ha generosamente condiviso con me la sua merenda. Ha portato due fette croccanti di pane di segale (ryvita), che sono state avvolte in burro di arachidi o burro e pentole. Dopo essere state avvolte nella pellicola, hanno perso la loro grinta fino alla rottura, ma erano particolarmente curve e gommose. Oh, felicità!

Così arrivò e se ne andò l'estate del 1986. & #8230 Nel settembre 1986, a soli 16 anni, mi trasferii a Londra dove ricevetti una borsa di studio per una scuola di danza.

Appaiono nuove avventure e # 8230 seguiranno!

[1] Cubo salato e aromatizzato utilizzato nel Regno Unito come base per zuppe o cibo.

[2] Dolce inglese con frutta, biscotti sciroppati al vino, budino di uova e vaniglia, servito con panna montata sopra.

[3] Un tipo di torta inglese, cotta in forno, con frutta alla base e una pasta di farina d'avena croccante e friabile in cima.

[4] Un dolce britannico, specifico della serie natalizia. Si tratta di un dolce con frutta secca, che tradizionalmente contiene 13 ingredienti per simboleggiare la presenza di Gesù e dei 12 apostoli.

[6] Una torta di origine inglese, ripiena di frutta secca e spezie, specifica per il Natale.


La misteriosa apparizione di & # 8220Napoleon & # 8221

Ci sono diverse varianti della provenienza di questa meravigliosa ricetta:

  1. Secondo la prima versione, è stato inventato a Mosca nel 1912. La preparazione di una torta era prevista per il centenario della vittoria nella guerra patriottica del 1812. Hanno chiamato il dolce in onore dell'imperatore francese Napoleone Bonaparte, che perse questa battaglia. Ed è stato servito, tagliato in pezzi triangolari, a simboleggiare il francese.
  2. Secondo la seconda versione, la ricetta della prelibatezza è stata creata in Italia, nella città di Napoli. Originariamente prendeva il nome dalla città & # 8220Napolitano & # 8221, e nel tempo il nome è stato leggermente distorto e trasformato in & # 8220Napoleon & # 8221 a noi noto.
  3. Secondo la terza versione, il dolce sarebbe stato chiamato dai francesi, anche in onore di Napoleone Bonaparte. La leggenda narra che un marito trovò l'imperatore con uno dei servi d'onore e il sovrano, per giustificare la situazione piccante, disse che dettò la ricetta del dolce. Il giorno dopo, tutta la Francia fece un trattamento secondo la prescrizione dell'imperatore.

Le versioni sono diverse e quale di esse sia vera ora non lo so, la cosa principale è che questa deliziosa torta è stata inventata.

ingredienti Numero di
farina & # 8211 600 g
fino & # 8211 400 g
uova & # 8211 2 pezzi.
acqua fredda & # 8211 150 g
aceto & # 8211 3 cucchiai. cucchiai
sare & # 8211 pizzico
crema di latte & # 8211 1 litro
crema di zucchero & # 8211 400 g
crema gialla & # 8211 8 pezzi.
farina di panna & # 8211 100 grammi
vaniglia per crema & # 8211 per il gusto
Tempo di cottura: 720 minuti Calorie per 100 grammi: 328 Kcal

È ora di passare dalle parole ai fatti e iniziare a cucinare una torta classica & #8220Napoleon & #8221 con una ricetta passo-passo.

  1. Il primo passo è mescolare le uova con un pizzico di sale, non è necessario montare a neve, è sufficiente mescolare il tuorlo e le proteine ​​in un pasto.
  2. In una ciotola a parte (vetro), mescolare acqua fredda e aceto, versare il composto nelle uova e mescolare bene.
  3. Versare tutta la farina sulla superficie preparata (può essere un tavolo da cucina). Metti il ​​burro sulla farina. Deve essere prima schiacciato (può essere grattugiato) o semplicemente tagliato a cubetti.
  4. Mescolare la farina e il burro. Alcune persone lo fanno con un coltello, come l'olio da taglio o da taglio, ma puoi maneggiarlo con le mani.
  5. Fare una fontana con la farina e, senza rallentare ad impastare (tagliare con un coltello), aggiungere l'acqua con le uova, lavorare l'impasto.
  6. La consistenza dell'impasto dovrebbe essere ripida, ritardata dietro la superficie del tavolo, se necessario, puoi versare più farina in piccole porzioni fino a raggiungere il risultato desiderato.
  7. Tagliare l'impasto in 10-12 parti, formare delle palline, ripiegare in una ciotola, coprire con pellicola e togliere per qualche ora al freddo.
  8. È ora di cuocere le torte. Per fare questo, raggiungiamo dal vassoio del frigorifero. Ruotare le palline di pasta con un mattarello su una superficie strofinata in uno strato sottile, di circa 3 mm. Usando qualsiasi forma, che si tratti di un coperchio o di un piatto, ritaglia dei cerchi.
  9. Adagiate una teglia, ricoperta di pergamena, e assicuratevi di aver fatto dei buchi con una forchetta lungo il perimetro.
  10. Cuocere in forno preriscaldato alla temperatura di 180 gradi per circa 10 minuti, la torta dovrà essere leggermente dorata. Facciamo lo stesso con tutte le palline. Dopo aver cotto le torte, si raffredda.