Nuove ricette

Suggerimenti e trucchi per preparare cocktail caldi

Suggerimenti e trucchi per preparare cocktail caldi


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Se sei da qualche parte nel nord-est in questo momento, lo sai: è una grande ciotola di zuppa e una tazza calda di qualcosa da bere ogni giorno. Ma se hai dovuto affrontare lo stress e le ripercussioni che portano diversi metri di neve fuori dal tuo controllo, è probabile che tu stia cercando qualcosa con un po' più di energia rispetto alla tua normale bevanda calda .

A tal fine, abbiamo raccolto alcuni suggerimenti utili da tenere a mente durante la creazione di quel perfetto cocktail per il clima invernale.

Fate sobbollire per insaporire

Liquori sobbollire come brandy, rum e whisky, intensifica i loro sapori e aromi - fai solo attenzione a non farli raggiungere l'ebollizione.

Fai come un cappuccino e vaporizza!

Per creare il suo Tè Applejack Chai cocktail, comproprietario e mixologist dell'Hotel Griffou, Johnny Sweet, si avvicina alla bevanda come fosse un cappuccino, scegliendo di vaporizzarla. Utilizzando questa tecnica si ottiene il cocktail alla giusta temperatura senza doverlo annacquare.

Il metodo può essere utilizzato anche per riscaldare il bicchiere prima di aggiungere la bevanda, come si fa per La figlia del contadino di Five Leaves cocktail.

Il tè nero è il migliore

Un consiglio utile per Toddy caldo bevitori: Se hai intenzione di essere spillare il tuo tè con uno spirito, meglio optare per una potente varietà nera come Ceylon o Darjeeling. I tè più leggeri possono essere facilmente sopraffatti dal liquore e da altri ingredienti.

Rendilo un piatto appena preparato

Per quei fan del sempre popolare Caffé irlandese, ricorda che il caffè appena fatto ti darà un sapore migliore. Tieni anche presente che gli arrosti forti e audaci daranno alla bevanda più profondità e resisteranno meglio all'alcol.

I migliori compagni di caffè brioso

Alla ricerca dei migliori distillati da aggiungere per realizzare il tuo caffè solo per adulti? Pensa ai sapori di nocciola (come Frangelico o Amaretto), alla consistenza cremosa (come la Bailey's Irish Cream) o a qualcosa per fornire un tocco di dolcezza (come Butterscotch Schnapps). Certo, non puoi sbagliare con un semplice whisky.

Spezie per vin brulè: intere o macinate?

Cannella, noce moscata, cardamomo, chiodi di garofano, pepe in grani, baccello di vaniglia: hai raccolto tutte le spezie di cui hai bisogno per prepararti una tazza calda di vin brulè, ma una domanda rimane. Per macinare le spezie, o no? Non preoccuparti, non c'è una risposta sbagliata qui. Se stai usando spezie macinate, scalda il vino e poi aggiungile in modo che si dissolvano. Se preferite le spezie intere, una tecnica migliore è farle bollire per pochi minuti in poca acqua con lo zucchero, quindi aggiungere il vino.

Il vino giusto per il brulè

Scegliere il vino giusto da bere a cena può essere difficile di per sé, quindi possiamo capire lo stress nel scegliere il migliore da utilizzare in un cocktail caldo come il vin brulé. Ecco la risposta breve e semplice: scegli un rosso deciso e corposo. E se hai intenzione di optare per un vino liquoroso, come il porto, ricordati di ridurre la quantità di zucchero che usi nella ricetta.

Scegliere la vetreria appropriata

Se ti capita di avere un bicchiere di Irish Coffee nella tua collezione, ottimo, usalo. In caso contrario, andrà bene qualsiasi vetro temperato o tazza con manico. E non pensare di non poter usare un bicchiere da vino - non stiamo dicendo di usare il tuo miglior cristallo, ovviamente, ma lo stelo ha una funzione simile al manico di una tazza.


Suggerimenti e trucchi per cucinare con le lenticchie

La lenticchia è originaria dell'Asia sudoccidentale ed è probabilmente il più antico legume coltivato. Oggi, la maggior parte delle lenticchie proviene dall'India, dal Canada e dalla Turchia. La lenticchia è un piccolo legume umile che racchiude un pugno sia di sapore che di sostanze nutritive, inoltre sono facili sul budget. Dal punto di vista nutrizionale, le lenticchie sono ricche di fibre e proteine. Con 12 grammi di proteine ​​in 1/2 tazza, le lenticchie sono un ottimo sostituto della carne se abbinate a un prodotto integrale. Le lenticchie sono anche ricche di acido folico (folato), potassio e ferro. Per quanto riguarda la versatilità, le lenticchie possono essere utilizzate nei piatti, dalle frittate e insalate alle zuppe e ai risotti.


Suggerimenti e trucchi per preparare frullati, senza bisogno di ricette

Questa è una guida per aiutarti a ottenere i frullati più deliziosi possibili nel tuo frullatore, anche senza usare ricette. Parleremo degli ingredienti preferiti, dell'importantissima consistenza del frullato, dei componenti aggiuntivi per proteine ​​e dolcezza e dei suggerimenti per ottenere il massimo dalla tua attrezzatura. Discuteremo di regolari frullati a base di frutta e altri dolci, oltre a frullati salati, e risponderemo a molte domande su come far funzionare per te quegli onnipresenti frullati verdi, a volte dall'aspetto pericoloso.

Suggerimenti per il gusto: frutta e altri frullati dolci

Cominciamo con una buona notizia. Se ti viene in mente un dolce da forno, un gusto di gelato, un frappè, un succo di frutta o un gusto di limonata, una bevanda a base di caffè o tè o qualsiasi altro dolcetto che ti piace, puoi trasformarlo in un frullato. E puoi trasformarlo in un frullato ragionevolmente o anche molto buono per te con alcune sostituzioni premurose. Invece di creme, pensa allo yogurt o agli anacardi mescolati con acqua. Invece di zucchero o caramello, pensa ai datteri (e controlla la sezione sull'addolcimento di seguito). Invece del cioccolato in tavoletta zuccherato, prova il cacao in polvere crudo.

Puoi aggiungere interesse con spezie come cannella, noce moscata, chiodi di garofano, zenzero e pimento, proprio come faresti in una ricetta al forno. ma in quantità molto minori.

Ingredienti ottimi per frullati dolci

  • liquidi: Acqua, latte lattiero caseario e non*, caffè, tè e tisane preparati, kefir, acqua di cocco, latte di cocco con il grasso scremato (in modo che non si coaguli a freddo), succhi freschi appena fatti, limonata
  • Frutta: Bacche, ciliegie, banane, meloni, mango, pesche, nettarine, albicocche, zucca cotta e altre zucche invernali
  • Erbe e spezie: Vaniglia, cannella, noce moscata, pimento, chiodi di garofano, cardamomo, anice, menta, basilico, coriandolo

*Se hai un frullatore ad alta velocità, un ottimo sostituto del latte di noci è 1/4 di tazza di noci crude e 1 o 2 tazze di acqua. Se hai un frullatore normale, va bene anche un cucchiaio di burro di noci per tazza d'acqua.

Gusto: Frullati Verdi

Amali o lasciali, i frullati verdi sono sicuramente una cosa cosa proprio adesso. E sono qualcosa che può avere un sapore piuttosto grottesco o davvero delizioso, a seconda di quanto ne sai. Affronterò la questione critica della consistenza un po' più tardi per ora, affrontiamo il gusto.

Ci sono due approcci ai frullati verdi. Uno è nascondere alcune verdure in un frullato altrimenti dolce. Gli spinaci funzionano benissimo qui, poiché il gusto è facilmente sovrascritto con altri sapori. L'altro approccio è quello di abbracciare il verde e bilanciare i sapori come faresti con un succo. Scegli un approccio dolce o salato (per il salato, salta la frutta e aggiungi un pizzico di sale o anche una spruzzata di salsa di soia, se ti piace). Quindi pensa agli ingredienti che farebbero una buona insalata o zuppa, e probabilmente avranno un buon sapore insieme. I frullati verdi salati sono un ottimo posto per sperimentare con le erbe a foglia.

Come abbiamo detto la scorsa settimana nella nostra raccolta di suggerimenti e trucchi per fare il succo, il colore del nostro cibo e delle nostre bevande influisce sul loro sapore per noi. Le combinazioni intelligenti di ingredienti, quelle che non producono bevande grigie o marroni, fanno molto per fare buoni frullati. Una volta ho preparato un frullato "verde" che è risultato essenzialmente nero. Un consiglio basato su quell'esperienza: No.

Ottimi ingredienti per frullato verde

  • liquidi: Acqua, tè verde, acqua di cocco, succhi freschi che hai appena preparato
  • Frutta: Mele, pere, ananas, meloni chiari, pesche, nettarine, uva
  • verdi: Cetriolo, cavolo riccio, spinaci, lattuga, bietola, rucola, senape, barbabietola, dente di leone, acetosa
  • Erbe aromatiche: Basilico, coriandolo, menta, cerfoglio, zenzero, aneto, erba cipollina, aglio, maggiorana, prezzemolo, timo, dragoncello

Come migliorare la consistenza del tuo frullato

Un buon frullato di frutta ha un freddo soddisfacente e cremoso, ma non è particolarmente freddo. Dovrebbe essere in grado di mantenere la sua consistenza ed emulsione mentre si scalda un po' in modo da non doverlo inalare nei primi otto secondi. E se lo lasci, dovrebbe essere in grado di indurti a pensare che stai bevendo un delizioso dessert. Un buon frullato verde dovrebbe essere assolutamente, perfettamente liscio, con un po' di peso da ingredienti più grassi. Ecco i miei migliori consigli per raggiungere quel livello di beatitudine frullato.

Congelare!

Frullare alcuni cubetti di ghiaccio con i tuoi ingredienti va bene in un pizzico, ma può rendere difficile ottenere una buona consistenza, quindi se riesci a congelare alcuni degli ingredienti del tuo frullato in anticipo, dovresti farlo. Stimerei che la migliore consistenza per un frullato di frutta di solito derivi dall'utilizzo di due terzi di ingredienti congelati, ove possibile. Il chilometraggio individuale del frullatore varierà, quindi gioca per vedere cosa funziona meglio.

Per la maggior parte, la frutta è un gioco da ragazzi. Banane, bacche e ciliegie sbucciate intere o affettate, frutta a nocciolo affettata, frutti tropicali, uva e molti altri frutti si congelano magnificamente e si fondono ancora bene in un normale frullatore, purché tu li tagli piccoli e aggiunga abbastanza liquido. I frullatori ad alta velocità possono gestire grandi pezzi di frutta congelata senza troppi problemi, purché ci sia del liquido per avviarli.

A seconda della potenza del tuo frullatore, può anche valere la pena congelare una parte degli ingredienti liquidi. Latte di frutta a guscio, yogurt, caffè (con o senza latte aggiunto) e persino succhi possono essere congelati in vaschette per cubetti di ghiaccio e aggiunti direttamente al frullatore. Alcuni di questi potrebbero diventare un po' ghiacciati, ma se c'è una scelta tra l'aggiunta di cubetti di succo congelati e normali cubetti di ghiaccio a base d'acqua a una ricetta, vale la pena congelare il succo per non diluire il sapore.

Ingredienti da aggiungere per una migliore consistenza

Burri di noci: Niente porta un dolce frullato da cremosità zero a eroe con la stessa facilità con cui un cucchiaio o due di arachidi, mandorle o altro burro di noci o semi di tua scelta.

Avocado: è un secondo contendente per il più magico fornitore di cremosità per i frullati, ed è di gran lunga la scelta migliore per i frullati verdi. Puoi anche aggiungere mezzo avocado all'ultimo minuto per aggiustare la consistenza di un frullato che non funziona come speravi. Addolcisce anche i sapori. Non aver paura di provare il trucco dell'avocado anche con i frullati di frutta.

Farina d'avena cotta: In entrambi i frullati dolci e salati, alcuni cucchiai di farina d'avena cotta fanno miracoli per aggiungere una consistenza cremosa. L'ho scoperto quasi per caso, ed è uno dei migliori trucchi che conosco.

Yogurt greco: In quasi tutti i tipi di frullato, un po' di yogurt greco riempie magnificamente la consistenza.

Olio di cocco: Nei frullati verdi in cui gli ingredienti non sono troppo freddi, un cucchiaio o due di olio di cocco vergine aggiunge una buona cremosità e un buon sapore di cocco al mix.

Dolcificanti: il potente dattero Medjool, la banana follemente matura e altro ancora.

Per quanto mi riguarda, la regina dei dolcificanti per frullati è la Appuntamento Medjool. È super dolce e simile al caramello, e devo ancora trovare un frullato che abbia bisogno di dolcezza i cui sapori fossero incompatibili con quelli della regina.

Se stai lavorando con un frullatore ad alta velocità - le nostre recensioni dei migliori sono qui - rimuovi il pozzo e inserisci l'intera data, senza fare domande. Altrimenti, vale la pena conoscere il tuo frullatore. Alcuni frullatori normali possono gestire bene un dattero tritato, ma altri non lo otterranno mai completamente liscio. Se il tuo rientra in quest'ultima categoria, prova a immergere un dattero tritato finemente in un po' d'acqua tiepida o un po' del liquido richiesto nella ricetta del frullato, quindi frullalo in una pasta di datteri sciolta prima di aggiungere il resto degli ingredienti del frullato.

Un altro ottimo metodo per dolcificare i frullati con le banane è semplicemente quello di usare banane davvero, davvero mature. Sembra un po' ridicolo, ma in realtà è una parte importante del mio regime di preparazione dei frullati. Una volta ogni due mesi compro una grande quantità di banane e le faccio maturare quasi all'oblio, che è il punto perfetto della dolcezza. Poi li sbuccio e li congelo interi o tagliati a metà in sacchetti con chiusura lampo.

Di solito non addolcisco i frullati al di fuori di questi metodi, ma se lo desideri, i dolcificanti liquidi sono tuoi amici e ti aiuteranno a evitare una consistenza granulosa. Prova lo sciroppo d'acero se pensi che aggiungerà un sapore complementare, miele, agave se ti piace, o anche semplice sciroppo.

Altri componenti aggiuntivi per frullati

C'è una vasta gamma di presunti superfood e altri ingredienti semplicemente deliziosi da aggiungere ai tuoi frullati. Alcuni dei miei preferiti sono semi di lino macinati, semi di chia, maca, cacao crudo e matcha.

Poi, ovviamente, ci sono le proteine ​​in polvere. Le polveri proteiche sono un affare complicato, che varia enormemente in termini di qualità degli ingredienti, gusto e consistenza. Sono rimasto lontano da loro per anni, ma alla fine ho scoperto una proteina di pisello e una proteina di riso integrale che soddisfano le mie esigenze su tutti quei fronti nei giorni in cui voglio un po' di forza in più nei miei frullati. Se trovi un prodotto che soddisfa i tuoi obiettivi nutrizionali e non ha un gusto distinguibile o una consistenza gessosa, le polveri proteiche possono essere aggiunte alla maggior parte dei frullati senza troppi aggiustamenti. Potresti scoprire di aver bisogno di un po' di liquido in più per assorbire la polvere e che è meglio bere quei frullati in tempi relativamente brevi dopo la miscelazione.

Una parola sull'attrezzatura: frullatori normali e ad alta velocità

Come i forni, i frullatori normali - questi sono i nostri preferiti sotto i 200 dollari - variano ampiamente e ognuno ha la propria personalità e abilità. Alcuni mescolano abbastanza bene i datteri e persino le verdure, e alcuni, come il mio vecchio (abbastanza costoso), preparano un'insalata tritata invece di un frullato verde e poi ti guardano negli occhi come se tutto andasse bene.

Molte persone sembrano voler salire sul carro dell'alta velocità (Vitamix, Blendtec, ecc.) Ma non sono sicure che valga il prezzo elevato. Ne ho uno da un paio d'anni senza rimpianti, tranne che una volta ha spaventato a morte la mia vicina di due anni, e non l'ho più vista sul balcone per diversi giorni. Uso il frullatore quasi ogni giorno, almeno tanto per condimenti per insalate, salse e zuppe quanto per i frullati. Nel mio caso i frullati verdi erano un problema con un frullatore normale, ma anche per i frullati di frutta penso che l'alta velocità dia un risultato migliore poiché può gestire un rapporto più elevato tra frutta congelata e liquido.

Se acquistare o meno un frullatore ad alta velocità è davvero una decisione personale, dettata tanto dai tuoi schemi di cottura quanto da quelli di preparazione dei frullati. Piuttosto che dare consigli generici, sono felice di rispondere a qualsiasi domanda specifica su questo argomento (e sulla maggior parte degli altri) nei commenti.

Buona fusione, gente. Spero che questo post ti aiuti a trovare il tuo groove liquido freestyle.


In che modo i baristi ricordano centinaia di ricette di cocktail?

Abbiamo chiesto ad alcuni dei migliori baristi del paese come mantengono tutti quei drink in ordine.

Wayne Curtis

Illustrazione fotografica di Elizabeth Brockway/The Daily Beast

Circa un decennio fa, il barista Brad Farran si è trasferito a Brooklyn per aiutare ad aprire Clover Club, l'innovativo cocktail lounge di Julie Reiner. Tra i suoi primi compiti: memorizzare una lunga lista di ricette di cocktail. "Mi sono fatto delle flashcard", dice. "Li studierei ogni giorno, mi chiederei al mio compagno di stanza di interrogarmi e di leggerli in metropolitana".

E li ha dominati... fino alla serata di apertura. "Non era una montagna di fagioli la prima volta che avevo tre biglietti con due drink diversi ciascuno", dice. "Sono stato subito tra le erbacce".

La memoria avviene naturalmente, la memorizzazione no. Memorizzare qualcosa è lavoro, verso l'alto. A volte si attacca, a volte no. Quindi i baristi devono modificare il processo e provare percorsi diversi per trovare metodi che funzionino per loro. "Nel corso del tempo, è diventato più facile quando ho capito come costruire bevande a livello strutturale, come bilanciarle", afferma Farran. "Questo ha reso più facile tenere le cose dritte nella mia testa."

Mentre molti dei nostri compiti quotidiani una volta dipendevano dalla memorizzazione, come comporre un telefono, guidare a casa di un amico o ricordarsi di incontrare un appuntamento per il pranzo, questi sono stati più o meno affidati a una costellazione di gadget. I baristi, tuttavia, non hanno il lusso di esternalizzare. Controllare costantemente uno smartphone (o anche uno smartwatch meno invadente) per ricordare gli ingredienti e le misure in un drink complicato spezza il ritmo dietro il bancone. E sembra poco professionale: gli ospiti penseranno che stai scrivendo messaggi e li ignori. Anche il controllo frequente delle ricette rallenta le prestazioni, il che significa meno bevande per turno, il che significa meno mance.

"Se devi fare una pausa per cercare una specifica o sfogliare Evernote, sono secondi sprecati", afferma Anu Apte-Elford, che ha contribuito a mettere Seattle sulla mappa dei cocktail quando ha rilevato il bar Rob Roy nel 2009. "Quei secondi aggiungono fino a minuti e quei minuti potrebbero aggiungere fino a ore. Pensa a tutti i suggerimenti che stai perdendo non tirando fuori le bevande velocemente. Sono i tuoi soldi e il tuo tempo".

Allo stesso tempo, la mixology si è allegramente immersa nei boschetti di una complessità sconcertante. Non solo i baristi di oggi devono ricordare quali marche di quali liquori vanno in quale cocktail, ma ora c'è un pizzico di questa tintura fatta in casa, due gocce di quell'oscuro amaro e un risciacquo di un imperscrutabile liquore.

Quindi i baristi hanno più che mai bisogno di padroneggiare l'arte della memorizzazione, proprio come facevano i loro antenati del 19° secolo. Conoscere dozzine di ricette classiche e della casa è solo un inizio, aggiungere a quel conteggio forse una dozzina di nuove bevande con ogni cambio di menu trimestrale.

"In tutta franchezza, è il mio lavoro, e non considero una grande impresa memorizzare 100 ricette", afferma Audrey Saunders, che ha aperto il pionieristico Pegu Club di New York nel 2005 e ha aiutato a formare dozzine di baristi, molti dei quali sono diventati aprire bar importanti stessi. "Allo stesso modo in cui a un pianista è richiesto di memorizzare note e musica, a un matematico equazioni, a formule scientifiche o a un attore un copione, è semplicemente quello che facciamo", dice. "Non ci sono scorciatoie. Abbiamo firmato per l'attività quando ci siamo iscritti per il lavoro.”

Ma come lo fanno esattamente? Ho parlato con una dozzina di baristi che avevano un secolo di esperienza tra loro e ho chiesto come hanno realizzato l'impresa di Odisseo di decantare un oceano di bevande nelle loro teste.

Non ci sono stati due approcci esattamente uguali al processo, ma ho trovato alcuni fili comuni, che potrebbero essere semplificati e riassunti come: meccanica, ragione e riffing.

"La cosa principale che ho fatto è stata creare flashcard e studiarle incessantemente", afferma Joaquin Simo, allievo di Death & Co. e proprietario di Pouring Ribbons a New York. “Seduto in metropolitana. Lavorerei sempre le flashcard."

Le flashcard sono una tecnologia all'avanguardia del XIX secolo: inizialmente erano chiamate "carte da lettura" e rese popolari grazie a un influente libro del 1805 sull'istruzione. Ma hanno funzionato allora e funzionano adesso. Se c'era un accordo tra i baristi, era l'utilità delle flashcard: la maggior parte sembrava averle impiegate in un punto o nell'altro della loro carriera.

Non solo sono strumenti pratici e portatili che non minacciano mai di spegnersi dopo essere scesi all'1% di potenza, ma anche l'atto di crearli è un vantaggio.

Jackson Cannon, proprietario e direttore del bar del famoso Hawthorne di Boston, afferma che i vantaggi sono molteplici. "È tanto scrivere le bevande quanto interrogarti", dice. "Le carte per appunti rimangono un modo essenziale per praticare nuove informazioni e in realtà ho bisogno di nuovo personale per farlo."

Molti altri si sono concentrati non solo sulle parole e sulle misurazioni durante la memorizzazione, ma hanno anche cercato di immaginare le loro azioni mentre preparavano la bevanda. "Immagina di eseguire i movimenti, raggiungere gli amari, le bottiglie, i bicchieri, eccetera, mentre reciti la ricetta", dice il barista e consulente Franky Marshall con Modern Bartender a New York e un allume di Clover Club e Dead Rabbit. "Trovo che la visualizzazione aiuti a rafforzare le azioni una volta che stai effettivamente preparando la bevanda". (Questa tecnica di visualizzazione è spesso impiegata da atleti, piloti di auto da corsa e fantini.)

Memorizzare ogni elemento è scoraggiante, ma come ha scoperto Farran, capire come questi frammenti lavorano insieme da una prospettiva teorica più ampia può rendere la memorizzazione meno scoraggiante. Invece di memorizzare centinaia di singole note, stai essenzialmente ricordando dozzine di accordi.

Diversi baristi hanno menzionato Gary Regan's Gioia della Mixology e il suo approccio tassonomico alle "famiglie" di bevande miste come utile aiuto per la memoria. Se padroneggi le basi (quanto spirito a quanto modificatore e dolcificante per una manciata di famiglie di bevande), puoi concentrarti sugli ingredienti specifici e passare ai rapporti "famiglia" per le misure. Ad esempio, gli acidi, incluso il Margarita o il Daiquiri, sono generalmente composti da due parti di liquore, una parte di agrumi e una parte dolce.

Tuttavia, alcune bevande si discostano da queste formule standard o includono un ingrediente che resiste all'alloggio nella mente. "Le basi sono semplici", afferma Geoff Wilson, un allievo di The Violet Hour a Chicago e attualmente con Urban Farmer a Portland, Oregon. "Sono gli ingredienti anomali che possono creare problemi, come la crema di cacao". Poi si torna spesso alla memorizzazione meccanica.

O attingendo ad altri trucchi mnemonici. Chiunque abbia frequentato il liceo scientifico ricorda dispositivi mnemonici come “Roy G. Biv” per richiamare i colori dello spettro. Alcuni li usano per bevande che non si attaccano: Apte-Elford dice che una sua nemesi era il Corpse Reviver n. 2, per il quale aveva molte richieste ma problemi a ricordare. "Finalmente ho appena iniziato a dire GLLCA - pronunciandolo GLICKA nella mia testa - e per questo mi ha aiutato a ricordare: gin, limone, Lillet, Cointreau, assenzio".

Diversi baristi hanno affermato di ricordare molti drink nel loro repertorio fondamentalmente come riff su un altro: invece di ricordare formule astratte, padroneggiano alcuni drink comuni e quindi aggiungono e sottraggono ingredienti a quelli per ricordarne altri.

"Un vantaggio di lavorare sotto Phil Ward [allume di Death and Co. e Mayahuel a New York] è che era il miglior barista Mr. Potato Head", afferma Simo, spiegando che Ward ha spesso scambiato gli ingredienti chiave per creare qualcosa di nuovo. “Tipo, è una Little Italy ma con questo invece di quello. C'erano molte build simili in cui si effettuavano sostituzioni".

Il leggendario barista e autore Dale DeGroff, ampiamente accreditato per aver dato il via al boom dei cocktail artigianali negli anni '90 dal suo trespolo alla Rainbow Room di New York, concorda sul fatto che questo approccio può essere utile per padroneggiare una lunga lista. “Il French 75 è facile perché è un Tom Collins, ma con Champagne invece della soda club e perde la ciliegia e la fetta d'arancia. Il Sidecar è un acido, e poi Between the Sheets è un Sidecar con uno spirito a base divisa: Cognac e rum.

Non sono solo la cera per baffi e le giarrettiere delle camicie: i baristi vivono nel passato in altri modi. Al lavoro vivono in una cultura orale piuttosto che scritta (non importa il digitale), e la memorizzazione è sempre stata essenziale nelle società verbali.

E più lo fai, meglio ci riesci: idealmente, le ricette dei cocktail diventano radicate, come in famiglia. "Mi ricorda la stessa paura che i non attori hanno nei confronti della recitazione", afferma DeGroff. “Non memorizzi le battute. Tu reciti la scena, ascolti e reagisci, e le battute arrivano. L'emozione e la situazione rendono le linee inevitabili, in un certo senso".


Nozioni di base sulla bevanda facile per le feste

La maggior parte dei cocktail è composta da quattro parti fondamentali. Sia che tu stia preparando margarita, martini, daiquiri o altri cocktail popolari e bevande miste, ogni elemento dà un contributo diverso al sapore di un drink. Componenti base del cocktail:

  • basi sono gli spiriti, o liquori, in una bevanda mista. Le basi per cocktail comuni includono bourbon, vodka, gin, brandy, rum e tequila.
  • Modificatori (o mixer)  migliorerà il tuo drink da festa senza sopraffarlo. I miscelatori popolari includono vermouth, tonico, soda club, succhi di frutta delicati o dolci, vini frizzanti e bevande analcoliche.
  • accenti sono ingredienti dal sapore forte. Gli accenti comuni dei cocktail party sono limone, lime, bitter, granatina e liquori complessi.
  • Guarnizioni aggiungere colore, stile e un po' di sapore ai cocktail. Olive, ciliegie e riccioli o spicchi di agrumi sono alcune guarnizioni tradizionali per cocktail.

Ricetta base del cocktail:

  • 2 parti di qualsiasi base (spirito)
  • 1 parte di modificatore o miscelatore, come il succo di frutta
  • 1 parte di accento, come un liquore aromatizzato o uno sciroppo semplice
  • Contorno

In generale, la base è il primo ingrediente posto in un bicchiere, uno shaker o una brocca. Aggiungi i modificatori, gli accenti e il ghiaccio al contenitore shake o mescola come richiede la ricetta della bevanda. Aggiungi le guarnizioni al cocktail finito appena prima di servire.


13 bellissimi libri di ricette per cocktail

Il caldo si sta avvicinando rapidamente, rendendolo un ottimo momento per perfezionare i tuoi cocktail stagionali. Tira fuori lo shaker e il jigger perché ne avrai bisogno: questi bellissimi libri di ricette per cocktail ti daranno sicuramente bevande altrettanto belle.

1. SPRITZ $ 11

Poche cose sono più rinfrescanti in una giornata calda di un cocktail frizzante. Questo libro è dedicato a uno degli aperitivi preferiti in Italia: lo Spritz. Il bellissimo volume esplora la storia del cocktail classico e fornisce 50 diverse ricette di bevande e snack da provare a casa. Ogni ricetta è affiancata da una fotografia a colori e da una tipografia elegantemente scelta.

2. IL COCKTAIL BOOK PDT $ 15

Please Don't Tell è un popolare speakeasy di New York noto per i suoi cocktail creativi. Il mixologist e operatore PDT Jim Meehan condivide alcune delle sue ricette preferite e segreti del bar in questo libro, che presenta più di 304 ricette di cocktail, con illustrazioni dai colori vivaci di Chris Gall, oltre a suggerimenti e trucchi del mestiere.

3. IL MANUALE DELLE BEVANDE DEL CONIGLIO MORTO $ 16

Ecco un altro cocktail lounge di qualità a New York City con un bellissimo libro di ricette. Il fondatore Sean Muldoon e il manager del bar Jack McGarry raccontano alcune delle storie del bar e delineano le sue ricette per i suoi cocktail, ognuna delle quali è accompagnata da una storia dettagliata della bevanda e da splendide fotografie.

4. LA FESTA DEL COCKTAIL CRAFT $ 17

L'autrice Julie Reiner è spesso accreditata per aver aiutato a far rivivere i cocktail artigianali. È comproprietaria di una selezione di cocktail bar a New York ed è stata nominata uno dei 10 migliori mixologi del 2014 da Cibo e vino. Con credenziali come queste, non sorprende che questo sia un libro di ricette serio. Con un sacco di fotografie a colori, il tomo è perfetto come libro da tavolino quando non lo fai riferimento.

5. LE CRONACHE DEL COCKTAIL $ 17

Se i libri scritti da mixologist professionisti ti intimidiscono, questa guida—scritta da Assorbire! l'editor Paul Clarke, potrebbe essere più adatto. Questo libro fornisce ricette semplici che possono essere facilmente replicate e piccole e affascinanti illustrazioni di strumenti e bevande sono nascoste nelle colonne per mantenere le cose interessanti.

6. COCKTAIL PARIGI $ 13

Risparmia sul biglietto aereo creando deliziosi cocktail parigini direttamente nel tuo salotto. Questa ampia guida include più di 100 ricette ispirate alla capitale francese. Oltre alle ricette, il libro fornisce anche suggerimenti su come organizzare feste a tema parigino e fornisce recensioni su Parigi e sui bar americani. Il tutto è ospitato in un bellissimo libro rosso con un ritaglio di un bicchiere da martini che mostra una mappa di Parigi.

7. UNA GUIDA ILLUSTRATA AI COCKTAIL $14

L'illustratrice Elizabeth Graeber dà vita alle ricette di cocktail di Orr Shtuhl con illustrazioni giocose di pinguini, volpi e altro ancora. Ogni ricetta viene fornita con un adorabile cartone animato, ad esempio, la ricetta Sidecar include un disegno di un uomo in un sidecar mentre la ricetta per Blood and Sand ha un picador e un toro.

8. COCKTAIL DEI FILM $ 13

Goditi un White Russian come The Dude o sorseggia una Champagne Cup come M. Gustave con questa utile guida ai cocktail cinematografici. Ogni ricetta viene fornita con una storia della bevanda, un contesto del film e un'illustrazione a tutta pagina del personaggio che l'ha bevuta.

9. LA GUIDA DEL BARISTA $40

Ricorri a un vecchio classico con questa ristampa di una guida ai cocktail del 1862, considerata il primo serio ricettario americano su cocktail e punch. La ristampa di Cocktail Kings ha una bellissima copertina rigida verde.

10. POZIONI DEI CARAIBI DI BEACHBUM BERRY $ 27

Jeff "Beachbum" Berry fornisce alcune informazioni su alcuni drink tropicali che catturano l'estetica del tiki bar. All'interno ci sono 77 ricette di bevande caraibiche vintage, insieme alle storie delle persone che hanno creato, servito e apprezzato le bevande. Il divertente ricettario è pieno di layout colorati, illustrazioni vintage e rare foto storiche.

11. HICKORY DAIQUIRI DOCK $ 13

Per i neogenitori: rilassati con un cocktail preparato dopo che i bambini si sono addormentati. Ognuna delle 20 ricette viene fornita con una piccola filastrocca e un'adorabile illustrazione in stile anni '50 di Eda Kaban. Il libro intelligente è dotato di pagine di cartone, quindi può nascondersi discretamente tra i libri dei tuoi bambini.

12. UNA GUIDA VISIVA PER BERE $19

Pop Chart Lab, noto per i suoi poster e oggetti in vetro altamente dettagliati, ha anche un libro. Questa guida visiva offre infografiche, mappe, grafici e ricette in formati perfettamente strutturati. Bere non è mai stato così organizzato!

13. TEQUILA MOCKINGBIRD $ 9

Questo ricettario letterario per cocktail è perfetto per qualsiasi topo di biblioteca. Offre 65 diverse ricette di bevande con nomi pungenti come "Romeo e Julep" e "A Rum of One's Own". Ogni ricetta è ben abbinata a commenti sulla storia del libro usati come ispirazione. Oltre alle bevande, il libro descrive anche vari snack da bar e giochi per bere da abbinare ai tuoi cocktail. La cosa migliore è che ci sono illustrazioni impressionanti in tutto il libro di Lauren Mortimer.


5 consigli per preparare le migliori bevande al frullatore

Abbastanza caldo per te? Con le temperature torride in tutto il paese, è ora di tirare fuori il frullatore e aggiustare i cocktail ghiacciati. Per aiutarti a rilassarti velocemente, abbiamo chiesto all'esperto di mixology tropicale Jeff "Beachbum" Berry, autore di cinque libri su bevande tiki, storia e cultura, di condividere alcuni dei suoi segreti per preparare intrugli ghiacciati, insieme a due delle sue ricette originali .

Miscela con Finezza

Per fare una granita per adulti come la Piña Colada, avrai bisogno di molto ghiaccio e di frullare per un po'. Ma puoi anche miscelare velocemente usando meno ghiaccio e pulsando abbastanza a lungo per aerare il liquido. "Otterrai una bella testa schiumosa", dice Berry.

Il ghiaccio è importante: molto

"Il peggior peccato è riempire il frullatore di ghiaccio senza considerare quanti altri ingredienti ci sono dentro", dice Berry. In genere, vuoi il doppio del ghiaccio rispetto a tutto il resto.

Anche la forma del ghiaccio è molto importante, poiché i cubetti di grandi dimensioni "uccideranno il tuo frullatore". Quindi, durante la miscelazione rapida, vai con ghiaccio tritato che si romperà facilmente. Per cocktail più densi, usa cubetti o patatine piccoli, che si polverizzano in granita.

Fresco è il migliore

Proprio come quando scuoti un classico, dovresti evitare gli ingredienti in scatola e congelati. "In una cattiva bevanda al frullatore, otterrai solo bruciature da congelamento", afferma Berry. Adora usare l'ananas fresco - puoi persino sostituirlo con il succo - ma la maggior parte dei frutti funzionerà. Tuttavia, evita i lamponi: "I minuscoli semi si incastrano tra i denti".

Non concederti il ​​lusso di un frullatore

A meno che tu non stia aprendo un bar, "non dovresti spendere una fortuna per un frullatore", dice Berry, che usa la stessa macchina da 25 anni. "È il normale Osterizer che puoi ottenere a Target." No matter what model you own, you should always run it on the highest-speed setting when fixing cocktails.

Garnish with Flair

Sure, you can use a piece of the fruit featured in a slushy recipe as a garnish: “It harmonizes with the drink and gives you an added aroma,” Berry says. But to be more creative, he likes a floating, flaming lime shell. Scrape the pulp out of a juiced lime half and add some toasted bread. Douse with lemon extract and set alight. Just don’t forget to have a fire extinguisher handy.


Herbal Cocktail Ingredients

There are nearly endless combinations for herbal cocktails based on what you have on hand and which flavors appeal to you most. Before I dive into specific cocktail recipes, here are some tips and tricks that will help you formulate your own herbal cocktail recipes using ingredients from your own garden and apothecary.

Dolcificanti

Many traditional cocktail recipes call for simple syrup, which is a 50/50 ratio of white sugar and water stirred together over low heat until they form a sweet syrup. You can add an herbal element to your simple syrup by tossing in a handful of fresh or dried leaves, flowers, or buds to your finished syrup, removing from heat, covering, and letting steep for 15 to 20 minutes before straining.

For a healthier version, consider replacing half of the white sugar with honey, so you’re working with ½ part sugar, ½ part honey, and 1 part water. If you go this route, be careful to not overheat your syrup as many of the beneficial compounds in raw honey are lost at higher temperatures.

To cut out the white sugar altogether, you can make a simple herb-infused honey. Herbal honeys are delicious added to cocktails, tea, sparkling water, salad dressings, desserts, and many other recipes. For step-by-step instructions, see How to Make and Use Rose-Infused Honey .

Bitters

Herbalists and bartenders alike are familiar with bitters because of their wonderfully stimulating effect on the digestive system and the way they add depth and complexity to a cocktail. Bitters are a traditional ingredient in old-fashions, Manhattans, and mai tais.

One of most popular brands of store-bought bitters is Angostura . This brand was founded by a German-Venezuelan physician in 1824, and the bitters were originally intended as a medical formula to help alleviate his patients’ stomach troubles. The doctor’s three sons eventually reframed the bitter tincture as a cocktail ingredient and named the company after their father’s hometown of Angostura, Venezuela. What a fun example of a family’s herbal recipe becoming a long-lasting staple in homes, bars, and restaurants worldwide!

Fortunately for herbalists, bitters are surprisingly easy to make at home and often call for common ingredients, like dandelion ( Taraxacum officinale ) root and citrus peel. To make your own herbal bitters, see A Summer Bitters Recipe , featuring dandelion root, gentian ( Gentiana lutea ) root, and licorice ( Glycerrhiza glabra ) root, or Dark and Stormy Mushroom Bitters Recipe with a spicy, chocolatey taste that would blend beautifully with autumn or winter cocktails.

Tinctures

Cocktails, along with mocktails, teas, and spritzers, offer a creative and delicious way to consume tinctures, especially if you want to mask their taste behind something sweet, citrusy, or herbaceous. You can either add a dropperful or two of your favorite tincture directly to your cocktail, or you can create a custom blend with 1 part tincture(s) and 1 part honey to store in the fridge and add to drinks at your leisure. (Our recipe for the Nightcap Tonic, below, is an example of this.)

Keep in mind that an average cocktail recipe calls for between 1.5 and 2 ounces of alcohol, whereas a typical tincture dosage is 1 to 2 dropperfuls per serving (roughly ¼ teaspoon altogether). So your cocktail will not be composed entirely of tinctures, but rather a dropperful or two of your favorite tincture (or tincture blend) combined with your base alcohol of choice.

Fresh Herbs

If you have access to fresh herbs, then you’d do well to acquaint yourself with the act of “muddling.” This phrase is popular among bartenders, and it means smashing your fruit or herbs in the bottom of your cocktail glass to release the juices and aromatics. If you’re muddling fruit, then you can get fairly aggressive and really smash them up. When muddling herbs, however, use a lighter finesse. Your goal is not to smash the herbs, but rather to gently release the aromatic properties into the drink. This is a wonderful technique to utilize in your herbal kitchen, and you can enhance even the simplest sparkling water with the addition of muddled herbs.

Fresh herbs and flowers, including peppermint ( Mentha x piperita ), rosemary ( Rosmarinus officinalis ), lavender (Lavandula spp.), and borage ( Borago officinalis ) also make whimsical garnishes. (For inspiration, see our post 9 Edible Flowers and How to Use Them .)

For an extra special, crowd-pleasing move, freeze your herbs or edible flowers into floral ice cubes !

As you can see, an herbalist’s apothecary is already filled with ingredients that blend effortlessly into healthy, seasonal cocktails. In the recipes that follow, you’ll see a number of these techniques and ingredients used as simple modifications of traditional cocktails.

Franklin Rose Mojito

Fresh peppermint ( Mentha × piperita ) and mojitos go hand-in-hand. Mojitos originated in Havana, Cuba, and they traditionally include white rum, sugar, lime juice, soda water, and mint. The following recipe is from the best-selling book, Fancy AF Cocktails , written by mixologist, TV personality and Herbal Academy student, Ariana Madix , and it features rose-infused sugar for an extra special, herbal twist. Yield: 1 short glass.

Rose-Infused Sugar
Fresh rose petals from 6-8 organic, unsprayed roses
2 tazze di zucchero bianco
1 pint-sized glass jar with lid

Cocktail
¾ oz lime juice
4-5 fresh mint sprigs ( Mentha X piperita )
1 tablespoon rose-infused sugar
Crushed ice for serving
2 ounces aged rum
2 dashes bitters for garnish

  • To make the rose-infused sugar, pour 1 inch of sugar into the bottom of a sterilized, dry glass jar. Add one thin layer of rose petals, then add another inch of sugar. Continue layering rose petals and sugar until the jar is nearly full. Cap, let infuse for 2-3 weeks out of direct sunlight before straining the rose petals from the sugar.
  • To make the cocktail, muddle the lime juice, mint sprigs, and rose-infused sugar in the bottom of a short glass.
  • Fill the remainder of the glass with crushed ice.
  • Add the rum and stir.
  • Add 2 dashes of bitters for a final garnish.

Fire Cider Bloody Mary

Fire Cider is an easy-to-make, immune-boosting tonic that many herbalists already have on hand. The spicy blend of peppers, horseradish, onion, garlic, black pepper, and vinegar blend beautifully with tomato juice for a quick, herbal Bloody Mary. If alcohol isn’t your thing, then simply omit the vodka from this recipe! Yield: 1 tall glass.

1 cucchiaio di sale di sedano
1 lemon, sliced into wedges
1 tazza di ghiaccio tritato
4 ounces organic tomato juice
2 ounces vodka
2 ounces fire cider
2 dashes Worcestershire sauce
1 pinch ground black pepper
Celery stalk, green olives, or parsley sprig for garnish (optional)

  • Pour celery salt onto a small plate.
  • Rub the juicy side of the lemon wedge along the lip of a tall glass.
  • Roll the outer edge of the glass in celery salt until fully coated.
  • Fill glass with ice and set aside.
  • In a cocktail shaker, combine tomato juice, vodka, fire cider, Worcestershire sauce, and black pepper.
  • Shake to combine, then pour over ice.
  • Garnish with celery stalk, green olives, and/or parsley. Divertiti!

Chamomile and Elderflower Iced Toddy

The apple-like, floral nature of gentle chamomile ( Matricaria chamomilla o Anthemis nobilis) flowers blend beautifully with the oak undertones of aged whisky. This surprisingly lovely combination is further enhanced with St. Germain elderflower liqueur, a whimsical addition to any herbalist’s bar. Add a drizzle of honey, and you’re drinking a delightfully herbal, iced version of a classic hot toddy. Yield: 1 short class.

  • Bring water to boil in a small saucepan or kettle. Remove from heat, then pour water over dried chamomile flowers in a heat-proof container. Cover and steep for 5 minutes before straining.
  • Add honey to warm chamomile tea and stir until fully dissolved.
  • In a cocktail shaker, combine sweetened chamomile tea, whiskey, St. Germain, and ice. Shake until well combined and chilled.
  • Pour the contents from the cocktail shaker into the cocktail glass. Garnish with fresh chamomile flowers, elderflowers, or a floating lemon slice (optional).

Tulsi Lime Margarita

Tulsi, also known as holy basil (Ocimum sanctum ) leaf and lime juice are an incredibly refreshing combination for hot summer days. Because lime juice is a traditional ingredient in margaritas, this cocktail comes together beautifully with the addition of high-quality tequila. Yield: 1 short glass.

Tulsi Simple Syrup
½ tazza di miele
½ tazza di zucchero bianco
1 tazza d'acqua
1 cup fresh (1/2 cup dried) tulsi ( Ocimum sanctum , synonym O. tenuiflorum ) aerial part

Cocktail
1 cucchiaio di sale
1 lime, in quarti
Ghiaccio
2 sprigs fresh tulsi ( Ocimum sanctum , synonym O. tenuiflorum ) aerial part
2 tablespoons tulsi simple syrup
4 tablespoons lime juice
2 ounces tequila

  • To make the simple syrup, combine honey, sugar, and water in a small saucepan and heat at a low temperature, stirring constantly until the sugar and honey have completely dissolved in the water.
  • Remove from heat, stir in the tulsi leaves, cover, and let steep for 30 minutes before straining. This syrup will keep for about 2 weeks when stored in the refrigerator.
  • While the syrup is infusing, pour salt onto a small plate.
  • Rub the juicy side of the lime wedge along the lip of a short glass.
  • Roll the outer edge of the glass in salt until fully coated.
  • Muddle the fresh tulsi sprigs in the bottom of your salt-rimmed glass. (This step is optional and you can skip it if you don’t have fresh tulsi. However, it really helps bring the tulsi flavor alive.)
  • Fill glass with ice and set aside.
  • To make the margarita, combine 2 tablespoons of the tulsi simple syrup with lime juice and tequila in a cocktail shaker.
  • Shake until well combined, then pour into glass with muddled tulsi, ice, and salted rim.

NightCap Tonic

Tinctures blend beautifully into cocktails and have nearly endless combinations. This Nightcap Tonic combines a few sleepy-time tinctures, including hops, passionflower, and valerian, with honey and brandy for an easy-to-make cocktail intended to help you drift to sleep. Yield: 1 sipping glass.

Nightcap Syrup
4 ounces organic honey
1 ounce hops ( Humulus lupulus ) tincture
1 ounce passionflower ( Passiflora incarnata ) tincture
1 ounce valerian ( Valeriana officinalis ) tincture
1 ounce chamomile ( Matricaria recutita ) tincture

Cocktail
1 ounce brandy

  • To make the NightCap syrup, combine honey and tinctures in a double-boiler over very low heat. Stir constantly until well blended and then immediately remove from heat. Be careful that your temperature does not get too high because high heat will negatively affect the quality of your honey and your tinctures. Pour into an 8 oz glass jar, cap, label, and store in the fridge for up to 2 months.
  • To make your NightCap Tonic, combine 1 ounce of brandy with 1 teaspoon of NightCap syrup. Stir until well combined, and sip slowly as you blissfully drift asleep.

(Note: A nightcap is not a substitute for healthy sleeping habits. If you experience insomnia or persistent trouble sleeping, see 5 Herbal Insomnia Options for Better Sleep and 5 Lifestyle Hacks for Sound Sleep for more information.)

Orange Blossom Aperitif

Aperitifs are traditionally served before meals to help stimulate the appetite and prepare the stomach for the upcoming meal. This Orange Blossom Aperitif recipe is a super simple, effervescent way to consume bitters, and it’s inspired by the classic Italian Aperol Spritz . Yield: 1 wine glass.

  • Add orange blossom water, bitters, prosecco and sparkling water to a wine glass with ice. Stir until well combined
  • Garnish with an orange wheel.

  • 1 whole lime (cut into 8 wedges)
  • 1 tablespoon granulated sugar (optional)
  • 1.5 oz rum
  • ice
  • lime sparkling water (I prefer Key Lime LaCroix for this one)
  • 10 mint leaves (fresh)
  • 2 slices jalapeño (fresh)

Prepare your Spicy Jalapeño Mojito

  1. In your tall glass, add the limes, mint leaves, and jalapeño slices. until the mint, limes, and jalapeños are bruised and the oils/juices are released.
  2. Add the rum.
  3. Mescolare per unire.
  4. Fill the glass with ice.
  5. Fill the rest of the space with your Lime Sparkling Water.
  6. Garnish with a mint leaf, lime slice, and/or jalapeño slice.
  7. Enjoy Responsibly!


Guarda il video: Sputnik Արմենիան պատմում է ինչպես պատրաստել Վան Գոգ կոկտեյլ (Potrebbe 2022).