Nuove ricette

Ristorante Komi: Komi - Quello era qualcosa

Ristorante Komi: Komi - Quello era qualcosa

Sedersi per scrivere questa recensione del ristorante è stato scoraggiante. In secondo luogo, Komi non consente la fotografia nel loro ristorante, quindi non ho foto del cibo da mostrarti. In terzo luogo, cosa potrei dire che non sia già stato detto su questo ristorante molto popolare? Quello che posso dirti è che ne vale assolutamente la pena e ne vale assolutamente la pena.

Komi è un moderno ristorante mediterraneo che serve un pasto predeterminato di più portate. I camerieri ti dicono che "cucinano solo per te". Questo e il layout incredibilmente piccolo e semplice del ristorante ti fanno sentire come se fossi appena stato invitato a casa di uno chef per un pasto di qualunque cosa volessero farti quella notte. Questo cibo è tutto tranne che cucinato in casa, è sorprendente, creativo ed eccitante. Il primo corso era un antipasto di brioche al vapore, crème fraiche e uova di salmone. È stato bellissimo, i sapori hanno funzionato perfettamente come un boccone e ha creato l'intero stato d'animo del pasto. Quel boccone era uno dei bocconi di cibo migliori e più eccitanti che abbia mai avuto. La brioche al vapore era leggera e soffice, la crème fraiche dolce e cremosa e le uova di salmone esplodevano con i sapori del mare mentre lo mordevi. Ho sentito chef e critici parlare di strati di sapori prima, ma non l'ho mai capito fino a quel boccone di cibo. Dopodiché, ero incredibilmente eccitato per i prossimi 11 corsi e sicuramente non sono rimasto deluso.

Il menu di Komi cambia e non saprai mai cosa riceverai finché non ti verrà servito il cibo. Quindi quello che ho mangiato probabilmente non sarà quello che mangi tu lì, ma posso dirti che ogni singolo corso era delizioso ed eccitante. I corsi progrediscono perfettamente da leggeri a pesanti. Alcuni dei piatti leggeri includevano l'antipasto con cui è iniziato il pasto, la loro versione della spanakopita (che, per il suo centro liquido, si consiglia di mangiare anche in un boccone), e una capesante all'alloro leggermente scottata con solo un tocco di limone, un piatto semplice fatto così bene da affiancare in modo impeccabile le portate più creative e robuste. Da lì, il pasto si sposta su piatti più ricchi e saporiti come i datteri ripieni di mascarpone serviti ben caldi, il foie gras in due modi, un piccolo piatto di pasta e un grande piatto di capra con pita e condimenti vari. Il pasto si conclude con i decadenti dessert al cioccolato conditi con la giusta quantità di sale per bilanciare il dolce.

Komi offre un abbinamento di vini che hanno permesso a me e mio marito di dividerci poiché nessuno di noi voleva provare a bere da 6 a 7 bicchieri di vino e birra insieme al nostro pasto di 12 portate. L'abbinamento dei vini è fatto dal loro sommelier che ti serve ogni portata prima che arrivi il cibo e fornisce una breve spiegazione di cosa berrai. L'abbinamento ha funzionato molto bene, tutto si è complimentato a vicenda e ci siamo goduti i diversi tipi di vini che stavamo provando. Poi, dopo un paio di portate, la cameriera è venuta a pulire i nostri piatti e bicchieri e ha messo due bicchieri rotondi molto grandi, che ricordano i bicchierini di brandy, davanti a noi per la portata successiva e con un luccichio negli occhi ha detto: "Noi ti sto lanciando una palla curva adesso." Il sommelier è poi passato e ci ha versato una birra belga, che ci ha colti entrambi alla sprovvista. La birra è stata abbinata a una mousse di coniglio su un crostini di pasta madre, ed è stata una delle cose più strabilianti che abbia mai visto. Vorrei poter pensare a un modo per descriverlo senza usare la frase strabiliante, ma lo era davvero. Io e mio marito ci siamo seduti lì a guardarci, lasciando che quei sapori si posassero nelle nostre bocche e siamo rimasti letteralmente senza parole. Era così buono. Stavamo ancora parlando di quel corso il giorno dopo; è stato così memorabile.

A parte il cibo delizioso e gli abbinamenti perfetti, il servizio di Komi è impeccabile. Ogni portata esce da te in tempi senza soluzione di continuità, la tua tavola viene costantemente pulita e risistemata con nuovi utensili, piatti e bicchieri e il tuo bicchiere d'acqua non si svuota mai. Il personale sembra generalmente entusiasta di ciò che ti sta servendo. Mentre si chinano per mettere il nuovo piatto sul tuo tavolo, inclinano la testa per descriverti il ​​piatto in un sussurro. I loro occhi brillano di eccitazione e le loro labbra si piegano in sorrisi diabolici. Il loro atteggiamento e il loro entusiasmo comunicano quanto sarà buono ogni corso e quanto sanno che lo adorerai.

Se hai intenzione di visitare Komi durante un viaggio a Washington come abbiamo fatto noi, la posizione è molto comoda, a circa due isolati dalla stazione della metropolitana più vicina. Abbiamo camminato da dove alloggiavamo all'Hotel Madera e ci sono voluti solo una decina di minuti che non ci importava dato che la passeggiata è attraverso strade alberate e case a schiera da sogno. Quando si pianifica di mangiare lì, è necessario effettuare la prenotazione con un mese di anticipo rispetto alla data di calendario. Inoltre, assicurati di dire loro tutto ciò a cui sei allergico o non ti piace mangiare in modo che possano prepararsi adeguatamente per il tuo pasto. Il mio consiglio più grande se stai programmando un viaggio a Komi: vieni affamato. Anzi, vieni affamato. Questo è un sacco di cibo e parte di esso è cibo pesante, avrai bisogno della stanza!

Il ricordo del mio pasto al Komi sta già iniziando a svanire come fanno tutti i grandi momenti; diventando una sfocatura di immagini, suoni e gusti. Mangiare da Komi è proprio questo, mangiare, ma è anche un'esperienza. È una di quelle volte nella tua vita che non puoi spiegare a qualcuno che non c'era. Ma puoi ricordare la sensazione, quanto era grande per te, e puoi dire loro, che mi ha fatto amare l'atto di mangiare; che mi ha reso entusiasta del cibo. Era qualcosa.


Johnny Monis di Komi

Lo chef prodigio Johnny Monis è cresciuto in giro per La Casa, la pizzeria di Alessandria di proprietà dei suoi genitori. All'età di 24 anni, ha aperto un ristorante, Komi, al largo di Dupont Circle, dove dà una svolta moderna alla cucina mediterranea. Un anno e mezzo dopo Monis sta cavalcando gli allori della critica e una nomination al premio Rammy come miglior nuovo chef, conferita dalla DC's Restaurant Association.

Sei sempre stato interessato al cibo?

Mia nonna parla di quando avevo sette anni e le chiese se voleva fare colazione. Ho preparato le uova strapazzate per lei e mio fratello.

Mi piaceva molto mangiare ed ero interessato al cibo. Ogni estate andavo in Grecia, da dove vengono i miei genitori. Vedevo dove crescevano le verdure e raccoglievo le uova ogni mattina con mio nonno. È stato molto pratico e ha continuato.

Hai cucinato per gli amici che crescono?

È stato solo quando sono arrivato alla James Madison University che ho iniziato a cucinare per gli amici. Pranzavamo la domenica e invitavamo 15 persone a casa e cucinavamo. Più hanno iniziato a fidarsi di me, più libertà sentivo di avere. Doveva avere un buon sapore.

Alla fine ho lasciato la JMU dopo tre anni e ho frequentato la scuola di cucina alla Johnson & Wales a Charleston. Ho lavorato da McCrady a Charleston e ho finito per lasciare Johnson & Wales perché stavo imparando molto di più al ristorante. La scuola di cucina ti offre una buona base per quanto riguarda i fondamenti. Ho solo preferito essere più pratico.

Qualche primo disastro in cucina?

Non disastri. Ma ricordo il mio peggior lavoro in cucina. Stavo lavando i piatti a Harrisonburg. Se vuoi cucinare in questo ristorante, devi fare il tuo tempo alla stazione dei piatti. Quindi salvavamo le bucce di carote e patate e gli scarti, e quando un piatto tornava dalla sala da pranzo lo raschiavamo in questo grande secchio. All'una di notte dovevamo tirare fuori il secchio della brodaglia e conservarlo, e al mattino un allevatore di maiali lo raccoglieva per dar da mangiare ai suoi maiali.

Come hai affrontato la pressione dell'apertura di un ristorante che aveva molto brusio all'inizio?

Non si è mai trattato di questo. Si è sempre trattato di creare un luogo con un'anima. Ho cercato di creare il ristorante in cui vorrei mangiare. Sono qui per ogni singolo piatto che esce da questa cucina.

Da dove deriva il nome Komi?

Komi è una spiaggia sull'isola greca di Chios, dove sono nati i miei genitori. È l'ispirazione per il ristorante: le taverne che costeggiano la costa servono gli ingredienti più freschi in un'atmosfera confortevole.

Da dove ti è venuta l'idea di servire i lecca-lecca a fine pasto?

Ho pensato che sarebbe stato divertente dare alle persone qualcosa che potessero prendere e ricordare loro che erano qui. La prima volta che ho provato a farli era l'1 del mattino, e abbiamo pasticciato con lo zucchero e le temperature, e abbiamo fatto un casino completo. Sembrava taffy dappertutto. Ero pronto a rinunciare a loro, ma ho dato un'altra possibilità e sono usciti.

Di quale utensile da cucina non potresti vivere senza?

Amo il coltello del mio chef. Io uso un Misono UX-10. È il coltello più bello che abbia mai messo nelle mie mani.

Qual è la tua pazzia gastronomica preferita?

Il tartufo bianco è inspiegabile quanto siano fantastici.

Adoro i Fritos al barbecue. Sono sempre più difficili da trovare. Ora ci sono colpi di scena e miele ranch e sapori che non mi piacciono.

Qualche ristorante d'infanzia che frequenti ancora?

Quattro sorelle nella chiesa di Falls. Ogni volta che sono là fuori prendo il pranzo e lo porto per il mio staff. Prendo ciotole di riso-vermicelli con maiale alla griglia e involtini primavera croccanti.

Il miglior pasto che hai avuto nell'ultimo mese?

L'ultimo pasto che ho fatto a Palena. Ho avuto l'hot dog, che è fantastico. E gli gnocchi [lo chef Frank Ruta] con la zucca.

Qualche aspirazione di Iron Chef?

È divertente da guardare. Ma non ho alcun desiderio di farlo, almeno non credo.


Ristorante Komi: Komi - Quello era qualcosa - Ricette

Prima di leggere questo post, leggi i miei post più recenti su Komi. Questo post è seriamente obsoleto. Komi è ora il mio ristorante numero 1 in cui mangiare. Se leggi i miei post più recenti, capirai perché.

Dopo aver letto la recensione del Post su Komi, Amy era così incuriosita che abbiamo chiamato lo stesso fine settimana per effettuare una prenotazione. "Nessuna prenotazione disponibile". Accidenti, che sorpresa: il ristorante in primo piano del Post è stato prenotato per tutto il fine settimana.

Il prossimo fine settimana, abbiamo deciso di riprovare con il mio amico di lavoro, Mike e la sua ragazza Jen. Questa volta, tuttavia, Amy ha chiamato mercoledì e ha prenotato non per il prossimo fine settimana, ma per il a seguire Il sabato.

Abbiamo condiviso un taxi per il ristorante sulla 17th St. NW. Il tassista ha cercato di fregarci con la tariffa -- tipico. Quando DC andrà in un dannato sistema di misurazione? Comunque. Questo è qualcosa per tutto un altro blog.

Quando siamo entrati, non c'era molto di un ingresso. Eravamo in anticipo di 20 minuti, ma fortunatamente il tavolo era pronto. Il ristorante aveva un aspetto moderno ed elegante. Lungo e stretto, senza niente alle pareti, e un grande forno in pietra nella parte posteriore. Abbiamo giurato tutti di essere in qualche bistrot chic di Manhattan. Eravamo tutti vestiti per andare a ballare più tardi e ci siamo adattati perfettamente.

Una volta che ci siamo seduti, il server si è presentato rapidamente e ci ha fornito i menu. Per tutta la notte c'erano tre diversi server che ci davano cibo e bevande. L'unica cosa negativa del servizio che ho notato è che i camerieri avevano la tendenza a lasciare che i nostri drink si svuotassero e rimanessero così, con nostro grande fastidio. Avevamo sentito dire che la lista dei vini era una delle migliori della città, ma abbiamo optato per i mojito. Non troppo raro, ma degno di nota, è il fatto che Komi non ha un bar completo. Mike ha ordinato un Manhattan e non ce l'hanno fatta.

C'erano molte scelte diverse nel menu che ci interessavano: vitello, quaglia, agnello, coniglio. Pizza cotta a legna? Gli antipasti erano interessanti, ma abbastanza tipici per questo tipo di ristorante alla moda. Abbiamo iniziato con l'insalata di pere arrosto, noci e gorgonzola e un'insalata di barbabietole molto interessante. Ho ordinato il vitello e Amy ha ordinato la bistecca di Buffalo.

Una volta che ordini, un altro cameriere arriva con pane fresco fatto in casa (focaccia e lievito naturale), e poi un altro arriva con una piccola tazza da tè piena di qualcosa di verde. "Cavolfiore arrosto e mele è la nostra zuppa di oggi", disse la cameriera. Abbiamo anche assaggiato un po' di curry. Yum. In tutto il ristorante hai visto i commensali inclinare la testa all'indietro per prendere ogni goccia di zuppa dalla tazza.

Quando i camerieri hanno portato le insalate, sembravano molto "carino". Il cibo sembrava come se un artista avesse messo ogni foglia di lattuga nel piatto. Era buono, ma mi ha lasciato desiderare di avere la versione di questa insalata del Little Fountain Café.

Il primo commento di Mike sulla quaglia che ha ordinato è stato: "È un uccellino minuscolo, vero?" Non fraintendetemi, il cibo aveva un sapore eccellente, ma non ce n'era molto. Il mio vitello era il taglio di carne più tenero che abbia mai mangiato, ma c'erano solo tre piccoli pezzi di carne nel mio piatto. Le porzioni erano della dimensione perfetta per la mia metà migliore, che in realtà ha ripulito il suo piatto. Sorprendente!

Le piccole porzioni significavano. ta-da! Avevamo tutti molto spazio per il dessert. Abbiamo ordinato tutti le ciambelle fatte in casa alla cannella e la cioccolata calda messicana. Col senno di poi, probabilmente non abbiamo avuto bisogno di avere tutti il ​​nostro ordine, ma date le dimensioni degli antipasti, mi aspettavo di vedere un'altra porzione molto piccola. Nessuno di noi avrebbe rischiato di lasciare questo posto ancora affamato. Come si è scoperto, tuttavia, ogni porzione aveva due ciambelle e i loro buchi. Le teste si voltarono a fissare il nostro tavolo: Wow. Maiali. Ma a chi importa? Le ciambelle erano fantastiche.

La cioccolata calda era più da inzuppare che da bere. Era densa come la zuppa che avevano tirato fuori prima. Quando i camerieri hanno portato fuori le nostre ciambelle, una cameriera ha commentato: "Mescoliamo un po' di amido di mais per addensarlo, quindi sentiti libero di mangiarlo con un cucchiaio". Amy si sentiva un po' assonnata per tutto il cibo e ordinò un caffè. che, come un bel tocco, arriva in una stampa francese che lasciano al tuo tavolo. Dopo un po' di quello, stava rimbalzando sui muri. Caffeeeeinnnneee!

Nel complesso, sono rimasto abbastanza soddisfatto del nostro viaggio a Komi. L'unica cosa che avrei cambiato era la dimensione della porzione e la quantità di alcol che ho consumato. Ma onestamente, probabilmente non ne ho nemmeno bisogno, quindi è stato per il meglio.

Il conto totale per i quattro utenti è arrivato a poco più di $200 prima della mancia con una media di un drink e mezzo ciascuno, quattro insalate, quattro antipasti, quattro dessert e un caffè.

Komi
1509 17th St NW
Washington, DC 20036
(202) 332-9200

Commenti

Un po' buono, un po' schifoso. Alcuni dei piatti sembravano essere il risultato della sperimentazione per il gusto di farlo, al diavolo il gusto, proprio come un bambino di nove anni in cucina da solo. La nostra divertente zuppa prima di cena era il cappuccino ai funghi e cioccolato. Bleaaggh, anche se la mia commensale (finta?) ha detto che le piaceva. Dato che Komi era la mia raccomandazione ed è costosa, penso che volesse essere ottimista. Le ostriche sono arrivate con una lunga spiegazione da parte di uno degli eleganti ventenni glam su come non erano quelle che il ristorante aveva ordinato ma erano ANCORA MIGLIORI e avevano una meravigliosa salsedine. Ho sentito che ha protestato un po' troppo, stava cercando di farci percepire come positivo il loro sapore troppo forte di salsedine oceaniche. I cracker fatti in casa avevano troppe spezie strane che semplicemente non avevano un buon sapore - va bene i cracker all'anice sono creativi ma in realtà non voglio mangiarli. E le trame non erano ancora state perfezionate. Alcuni di questi piatti sono come sfilate di moda artistica con vestiti che si sa che nessuno indosserà. È per questo che Tom S. ha dato 3 stelle, perché è annoiato?
Ma il lato positivo è che i due antipasti vegetariani che ho avuto, i funghi con le papardelle (le papardelle erano un po' dure) e gli asparagi grigliati erano molto buonissimi, e le ciambelle sono eccezionali. Ho trovato i server un po' freddi e scortesi e un po' pieni di sé, specialmente. visto che vivono ancora con la mamma. Grandi complimenti per i prezzi molto ragionevoli del vino al bicchiere e l'eccellente lista. Opera potrebbe prendere appunti su questo.

Visto che Komi è classificato n. 1 sul tuo sito, ho finalmente deciso di provarlo nonostante la mancanza di sito web/pubblicità del ristorante. Avendo un'aspettativa molto bassa sul suo servizio, ero già sorpreso quando ho effettuato la prenotazione per telefono che la persona dall'altra parte fosse piuttosto amichevole. Sono rimasto sorpreso di essere riuscito a ottenere una prenotazione per la cena il sabato sera successivo.
Quando sono arrivato a Komi, io e i miei amici non abbiamo trovato molto attraente l'ingresso. Tuttavia, quando siamo entrati nel ristorante, l'arredamento semplice ma moderno ci ha fatto cambiare idea.
I server erano proprio come pubblicizzati dal Post: le cameriere di Teen Vogue che conoscono il menu al contrario. Il servizio è stato ottimo, hanno sicuramente continuato a riempire i nostri bicchieri d'acqua ogni tanto (anche se è pieno per 3/4) Il nostro server è stato anche molto gentile a spiegare tutto sul menu.
L'unica cosa che non mi piace del menu sono gli antipasti. Per questo ristorante, non pensavo che gli antipasti fossero molto speciali, quindi non ne abbiamo ordinato nessuno. Per antipasto, abbiamo preso il branzino, le capesante, la quaglia e il tonno. La spigola è venuta fuori un pesce intero, il che era fantastico. Il tonno è stato cotto bene con la pelle fritta la quaglia, come detto su questo sito, è piuttosto piccola. Le capesante erano nella media, ho decisamente mangiato di meglio.
Per quanto riguarda i dessert: abbiamo avuto il dessert alla fragola, tre terrine al cioccolato, ciambelle greche e cupcake al limone. La mia terrina di cioccolato era abbastanza buona all'inizio. Ero sbalordito dal fatto che ci mettessero sopra l'olio d'oliva, ma con mia sorpresa c'era una sfumatura di menta dall'olio e in realtà funzionava molto bene con il cioccolato/frollini. Gli altri dolci non erano male.
In realtà mi aspettavo che i prezzi fossero un po' più economici, ma direi sicuramente che vale ogni centesimo (tranne forse rendere le porzioni più grandi).


Recensione del ristorante: Tail Up Goat

Ci sono molti modi in cui Komi, il minuscolo ristorante con menu degustazione a Dupont Circle, si distingue come un'anomalia. È stato il numero uno nella nostra lista dei 100 ristoranti migliori più di qualsiasi altro posto. Il proprietario Johnny Monis abbandonò la scuola di cucina e in qualche modo trascorse un periodo da Chef Geoff in una carriera come uno dei migliori chef del paese. Il servizio di Komi, raffinato e nitido ma allo stesso tempo rilassato e cordiale, è il migliore della città.

Ma ecco la cosa strana che ho notato dopo aver mangiato lì anno dopo anno: vedo sempre gli stessi server.

In una città in cui crescono continuamente nuovi ristoranti e in un settore non noto per la lealtà, questo è raro: i camerieri e il resto del personale tendono a rimbalzare come moscerini. Non solo se lavorano al Komi o al suo ristorante gemello, il Little Serow incentrato sulla cucina thailandese. Prendi i proprietari dietro Coda di capra, in Adams Morgan: direttore delle bevande Bill Jensen (nove anni da Komi e Little Serow), chef Jon Sybert (8 anni e mezzo in cucina da Komi), e direttore del servizio Jill Tyler (quasi quattro anni alla Serow). Naturalmente, alla fine hanno lasciato Monis. Ma il loro lavoro da solista mostra che non li ha lasciati.

Da sinistra a destra: Bill Jensen, proprietario e direttore delle bevande Jon Sybert, proprietario e chef Jill Tyler, proprietario e direttore del servizio. Fotografia di Scott Suchman

Ci sono alcune allusioni ammiccanti all'alma mater dei proprietari: le pareti azzurro pallido ricordano il Little Serow color piscina, un mucchio abbondante di costolette di agnello condivisibili evoca la generosità e lo spirito comune del piatto di capretto a Komi, ma soprattutto cosa ha portato avanti sono lezioni più grandi: un servizio intelligente e caloroso, una cucina premurosa con radici nel Mediterraneo e una dedizione al mestiere di fare pane, pasta e persino crème fraîche.

Ogni pasto inizia con un arbusto che stimola il palato, una bevanda analcolica e acetata prodotta da Jensen che si presenta in sapori come mela-rabarbaro e sedano. (Quest'ultimo offre Cel-Ray soda, l'alimento base della gastronomia ebraica, una seria concorrenza. Alla fine ho ordinato un full-size.)

Il menu elimina antipasti e primi a favore di un piacevole assemblaggio di snack, pasta e piatti per due di carne e pesce. Gli stuzzichini condivisibili, molti presentati su piatti della nonna blu e bianchi, sembrano adatti per un cocktail party direttamente dalle pagine opache di kinfolk rivista. E nella maggior parte dei casi, i loro sapori sono all'altezza della loro presentazione.

Piccoli ravanelli primaverili crudi vengono svuotati, conditi con yogurt greco macchiato di dragoncello e rifiniti con pan di zenzero sbriciolato. Ero tentato di accumulare tutti e sei. Un tepee di spiedini con noccioli di salsiccia di coniglio e maiale e foglie di radicchio marinato dall'acidità corroborante. ("Usiamo qualunque agrume si trovi intorno al bancone", dice Sybert.) Per finire è una passata di finocchio piccante mostarda—Sybert cuoce i finocchi per cinque giorni. Il mio preferito, però, è qualcosa che non vorrai condividere: una brioche delle dimensioni di un cursore con mortadella fatta in casa e aïoli al limone conservato piccante. È il miglior panino che ho mangiato tutto l'anno.

Una piccola sezione del menu è dedicata ai pani, il progetto per passione del sous chef Jared Dalby. Cioccolato e segale sono due gusti che Sybert aveva in un biscotto anni fa, e lui e Dalby hanno deciso di ricrearli sotto forma di pagnotta. Non c'è niente di dolce - o davvero, tutto quel cioccolato - sulla segale croccante al cioccolato carbonizzato che ne è risultata, e costituisce una base formidabile per le sardine grasse e cotte al sale che arrivano con esso. Spalmare il pane con burro morbido, ricoprirlo con barbabietole sott'aceto, quindi completare con pezzi di pesce sorprendentemente poco pescato. Gli chef diventano ancora più creativi con gli accompagnamenti per il pane di riso integrale dalla consistenza setosa, che viene fornito con rape fermentate e crude e nocciole Picada, un condimento a base di aglio, spezie e menta. Ogni boccone è di volta in volta terroso ed elettrico. Meno successo: una pasta madre alle alghe con un cappello spesso di ciccioli, una crema di maiale grassa e insipida.

Ravioli di carote con albicocca. Fotografia di Scott Suchman

La cucina non lascia sprecare il pane - è il modo del sud del Mediterraneo - quindi lo vedrai comparire anche nella seconda metà del menu. Un antipasto di funghi di bosco affumicati è finito con una salsa di pane bruciato leggermente amara. Le briciole tostate aggiungono una sottile croccantezza alla pasta come le lasagne di capra o i ravioli meravigliosamente dolci ripieni di carota e mascarpone e cosparsi di rampe. Entrambi sono scommesse migliori dei maltagliati pubblicizzati dai server, stracci di pasta inzuppati in quello che sa di una tazza di burro.

Molti piatti non devono mancare nel menu di Sybert. Ma se ce n'è uno che davvero, davvero non puoi saltare, sono quelle costolette di agnello, servite su un piatto per due (anche se in realtà potrebbero sfamare tre o quattro). Sybert chiama il piatto "un po' gonfio, è un taglio piuttosto grasso". I suoi comproprietari lo hanno convinto che valeva la pena inserire nel menu, ora buona fortuna a toglierlo. Sybert mitiga il grasso delle costine cuocendole in forno, quindi dando loro una finitura croccante sulla griglia. Le costine sono accatastate su un piatto con manciate di menta, prezzemolo e aneto e magari fave o barbabietole. Ogni boccone cattura qualcosa di diverso: un'erba profumata o una cipolla marinata con sommacco. Ci si sente buttati via, il tipo di cosa che ti potrebbe capitare durante un pranzo alcolico lungo l'Adriatico (poi sogna a lungo dopo la fine delle vacanze), ma ogni ingrediente è lì per un motivo ben ponderato.

Come lo stesso Tail Up Goat, il piatto è generoso, affascinante e appagante allo stesso tempo. Questo è il tipo di magia che accade con l'esperienza, non per caso.


Ristorante Komi: Komi - Quello era qualcosa - Ricette

Aggiungo ufficialmente Komi alla mia categoria Esperienze gastronomiche. Come mai? Lasciatemi spiegare.

In realtà, prima lascia che ti dia un po' di background. era il compleanno di Amy (27 dicembre) e non c'era nessun altro ristorante in cui lei volesse andare più di Komi. Così, quando ho provato a prenotare lunedì scorso per stasera, ho appreso che Komi sarebbe stato chiuso per due settimane per lavori di ristrutturazione. "ATTENDERE NO!! Non puoi esserlo!"

Non sarebbe stato un grosso problema se questo non fosse successo a noi ogni anno nel giorno del compleanno di Amy. Ogni anno, cerchiamo di uscire per il suo compleanno e il ristorante in cui vogliamo andare è chiuso per qualche motivo. Il suo compleanno arriva di domenica, o il ristorante è chiuso la settimana dopo Natale, o l'intero ristorante prende l'influenza.

Ho scritto alcune e-mail veloci alla nostra babysitter, "Ehi, ci sarai questa settimana? Ogni possibilità che tu sia libero di fare da babysitter QUALSIASI sera questa settimana. " Fortunatamente per me, lei lo era.

Quindi giovedì sera siamo andati a cena a Komi. Era passato un po' di tempo dall'ultima volta che eravamo stati lì, probabilmente almeno due mesi e molto era cambiato, ma alla fine era sempre lo stesso vecchio Komi.

Il cambiamento più evidente è stato il menu. C'erano molti nuovi piatti nel menu, tutti che volevo provare. Fortunatamente per me, c'era un menu degustazione disponibile. Per $ 57 a persona, ottieni una serie di piccoli piatti (che in pratica finiscono per essere piccole porzioni di tutti gli antipasti del menu), la tua scelta di pasta e cena, un corso di formaggio e la tua scelta di dessert. Abbiamo anche chiesto un abbinamento di vini che ti costerà $ 40 in più a persona, ma ne vale la pena perché praticamente non lasciano mai vuoto il tuo bicchiere.

Il nostro primo piatto sono state solo alcune olive che lo chef Johnny Monis e la sua ragazza hanno scoperto durante il loro viaggio in Italia la scorsa estate. Avevano un sapore delicato e succosi al punto in cui li addentavi, i succhi ti schizzavano in bocca.

Dopo le olive, c'era un altro antipasto e molto probabilmente il cibo più perfetto del mondo: due datteri, riscaldati appena prima del punto di carmelizzazione, riempiti con formaggio mascarpone e conditi con olio d'oliva e un tocco di sale marino. C'è così tanto in questo: sapori di dolce, salato, cremoso, liscio. È un enorme piatto di contrasto e semplicità in quattro piccoli morsi.

Poco dopo aver terminato i datteri, è arrivata la Burrata di Bufala, che è arrivata condita con pangrattato croccante, una fetta di acciuga fresca e la giusta quantità di sale marino. Se non hai mai mangiato la burrata prima, è un tipo di mozzarella molto cremoso e ricco di sapore - e piuttosto difficile da trovare. Mi è piaciuto molto il fatto che il formaggio fosse condito con il pangrattato croccante. Normalmente la burrata è ottima da sola, e non pensavo fosse possibile farla meglio.

Successivamente, sono stati portati fuori due piatti contemporaneamente. Il primo era un pane grigliato condito con prosciutto e fichi - un perfetto contrasto tra dolce e salato - ed è rappresentativo del menu di Johnny che abbraccia influenze della cucina italiana e greca. Il secondo era un crostini condito con una fetta di uovo alla diavola. Entrambi erano fantastici e niente che avrei mai pensato di fare da solo.

Questi piatti sono stati seguiti da una palla di ricotta fritta, che era buona, ma un po' troppo salata per i miei gusti. Andare avanti.

Dopo la palla di ricotta è stato probabilmente uno dei piatti più avventurosi e diversi che ho mangiato tutto l'anno: una panna cotta al cavolfiore e al tallegio. Mi ci è voluto un po' per capire questo piatto, ma una volta ho trovato la sorpresa dell'uovo di quaglia al centro della panna cotta - che trasudava quando l'avevi affettata con la forchetta - e l'ho mescolata con la rutabega rasata e ( di tutte le cose!) fette di arancia rossa, mi sono reso conto che Johnny Monis ha alzato l'asticella culinaria per i piatti a Washington. Assolutamente delizioso!

Una delle cose belle di Komi è il ritmo del pasto. Quando ordini il menu degustazione, la cucina spazia bene ciascuna delle portate per darti il ​​tempo di digerire il cibo. Ho approfittato di questo tempo per liberare la mente dalla panna cotta, finire il mio bicchiere di vino e permettermi di passare al nostro prossimo corso di pasta. Fortunatamente per me, anche il nostro corso di pasta era eccellente.

Ho scelto di andare con la zuppa di pane con cavolo riccio e salsiccia di agnello fatta in casa, che mi era piaciuta molto durante il nostro ultimo viaggio a Komi quando Amy l'aveva ordinata. Questo è stato oscurato, tuttavia, dai ravioli di ricotta con funghi e mandorle che Amy ha ordinato. Dopo aver provato i ravioli, la zuppa di pane non sembrava buona come l'ultima volta che l'avevo mangiata. Devo ancora mangiare qualcosa con i funghi al Komi che non ho amato.

Passando ai nostri antipasti, ho deciso di ordinare l'unica cosa che non ho mai mangiato al Komi: un filetto di agnello alla griglia con lenticchie e rutabega. L'agnello era piuttosto complesso. L'insalata di lenticchie e rutabega sul lato era condita con qualcosa di piccante - molto probabilmente un curry di qualche tipo, che si sposava bene con l'agnello. Ancora una volta, Amy è andata con il suo preferito, il Bronzini Me Harti - e perché non dovrebbe? Esso era il suo compleanno per l'amor di Cristo. I bronzini sono un pesce molto leggero e soffice che viene semplicemente condito con olio d'oliva, limone e sale e servito con patate fingerling e alcune verdure fresche.

A questo punto ero abbastanza pieno, nonostante il distanziamento del pasto. Eravamo lì da quasi due ore e avevamo ancora i corsi di formaggio e dessert. Fortunatamente, il corso di formaggio non era molto grande con tre piccoli pezzi di formaggio, uno dei quali era un blu deliziosamente puzzolente. Il formaggio ci è stato servito con un bicchiere di Vin Santo, un tradizionale vino da dessert del centro Italia.

Abbiamo avuto la nostra scelta di qualsiasi dessert nel menu, che è stata una scelta difficile. "Devo prendere la strada sicura e ordinare le ciambelle?", chiesi ad Amy.

"Le ciambelle sono buone" rispose Amy. "Ma non puoi sempre scrivere delle ciambelle. Dovresti provare qualcosa di nuovo."

Potrebbe essere stato perché eravamo così pieni, ma i dessert non ci hanno lasciato l'impressione che il resto del pasto l'abbia fatto. Ho provato il Flan di zucca che era denso e dolce, ma avrei davvero voluto ordinare le ciambelle fatte in casa, perché non c'è dessert in città che sia migliore.

Sin dal nostro primo viaggio a Komi, il servizio non è mai stato un problema, e questa volta non è stato diverso. Come al solito, l'intero ristorante ha lavorato come una squadra per rendere il nostro pasto perfetto. Nessuna lamentela lì.

Secondo me, Komi è un valore estremamente buono se consideri ciò che stai ricevendo. Il cibo compete facilmente con quello di Citronelle e Maestro di Michelle Richard e in quei posti hai la garanzia di spendere il doppio di quello che pagherai al Komi. Il nostro assegno è stato di $200 prima della mancia e delle tasse. Ciò includeva il menu degustazione e l'abbinamento dei vini per entrambi. Credo che quando io e Amy siamo andati a Citronelle per il mio compleanno, l'assegno è arrivato più del doppio e Amy non stava nemmeno bevendo in quel momento.

Un'ultima cosa che voglio aggiungere (e per quelli di voi che stanno ancora leggendo, vi ringrazio): per ogni persona con cui parlo che mangia lì dietro mia raccomandazione e lo adora, c'è qualcuno che proprio non lo capisce, e ecco il motivo per cui penso che non lo capiscano. Vanno e ordinano dal menu come se fosse un normale antipasto, antipasto e dessert. Questo, a mio modesto parere, è un errore. Hai davvero bisogno di ottenere almeno quattro corsi a Komi per ottenere davvero l'esperienza completa.

Komi
1509 17th St NW
Washington, DC 20036
(202) 332-9200
Carta geografica

Ore:
Chiuso domenica e lunedì.

Codice di abbigliamento: Business Casual
Parcheggio: nessuno, nada, zip - il parcheggio in strada è raro a Dupont. Neanche un cameriere. Consiglio di prendere un taxi. Oppure prendi la metropolitana fino a Dupont Circle e cammina per pochi isolati.
Fumo: non consentito.
Closest Metro: Dupont Circle
Reservations: Taken
Amy's Bathroom rating: Immaculate.


Mascarpone and Yogurt Filled Dates

How many appetizers do you make when you prepare a date night in dinner? Yes, appetizers. Plural.

Appetizers are awesome and a great way to tide your appetite until the main course is ready. They&rsquore also a great way to experiment with new ingredients and flavors with little risk since you, hopefully, have something else amazing coming. I love simple apps that can be thrown together quickly, so as soon as Batman finishes riding 4-wheelers in Oklahoma and eats his last hot dog and pizza in New York (as you can see, we don&rsquot read stories in our house, we make them up!), we can be eating something to go with our wine or cocktails in less than 15 minutes.

These dates are my go-to and they crush it every time. As The BakerMama would say, &ldquoA creamy and slightly tart mascarpone filling surrounded by a warm, sweet toasted date topped with a drizzle of rich olive oil and a pinch of sea salt combine so many amazing flavors in something so simple that you won&rsquot be able to eat just one.&rdquo Yeah, what she said. ?

I first had these at the restaurant Komi in Washington DC celebrating the end of a project with one of my teams. (Side note: If you are looking for an unforgettable meal in DC, look no further than Komi. One of the top 5 meals I&rsquove ever had.) After my first bite, I knew I had to recreate them at home, which is something you&rsquoll see quite a bit from me. The key to recreating these is the Greek yogurt. Without the yogurt, you don&rsquot get that slight tartness and mascarpone cheese alone may be a bit too runny out of the oven. Make sure you also use fresh whole dates as the pre-pitted dates are usually dried out and not nearly as flavorful.

cuore solido cuore solido icona


Cooking with Truffles: Valentine’s Vegetarian Menu

Feb 13, 2012

For any foodie on a mission to maximize his or her eating pleasure, Valentine’s Day presents a special challenge. The perennial question is, How do you hit a new high and top last year’s memory?

Truffles are often overlooked as the star attraction of a home-cooked meal because of their price tag. Back in the day, Brillat-Saverin described them as "the luxury of grands seigneurs and kept women" (also, perhaps, hinting at their aphrodisiac qualities). In all honesty, those qualities have yet to be scientifically confirmed, but I don't think anybody would deny the sensuousness of any truffle-specked dish…

The truth is, like many of you, I had never cooked with fresh truffles before. Truffle salt, yes. Truffle oil, yes. But not with fresco truffles. I decided to explore the possibilities and find a reasonably cost-effective way for me and my husband to indulge. I did a bit of research, and found out that this time of the year, we are primarily talking about winter black truffles of European origin (French or Italian). In the DC area, you can find them at Arrowine in Arlington (perhaps somewhere else as well), and online.

The cheapest source I found is Urbani truffles which also offers a wide variety of other truffle products (truffle paste, truffle oil, truffle butter, etc.) The smallest amount one can purchase is 1oz ($75), which happens to be enough to pull off a truffle dinner. I supplemented fresh truffles with white truffle oil, black truffle salt, and black truffle butter (which I made myself with the leftover truffle shavings). A nice local source of truffle salt is the Spice & Tea Exchange in Georgetown.

Given the fact that most Valentine's Day restaurant prix-fixe options run $60-90 per person, I felt like putting together the coveted truffle dinner was really no more extravagant than eating out (besides, my husband is vegetarian, which makes the choices rather limited). Another myth I wanted to debunk is that that cooking with truffles has to be complicated and time-consuming (stuffed pigeon breast with chanterelles and truffles, homemade puff pastry with braised sweetbreads and truffles all sound fantastic, but there are other delicious, easy and fast options). You don’t really want to spend the entire Valentine’s night in front of the stove, do you?

The theme I chose is "casual minimalist with a twist." No 10 or 20-step recipes, very few ingredients per dish, and simple preparation to showcase the truffles and keep the flavors subtle.

My truffles arrived via Fedex about 24 hours after I placed the order online. They arrived in a cooler, in kind of a matryoshka doll setup: the truffles are in a napkin inside a plastic sleeve inside a paper sack inside a styrofoam cooler inside a cardboard box. As for my truffle tools, I did buy a mandoline, but after reading rather graphic reviews I was too terrified to use it without a No-Slice rubber body suit. Luckily, I found a small sharp paring knife (I have small hands!) to be the perfect tool for dealing with the truffles (both for cutting and shaving).

Truffle salad with frisee, haricots verts, tarragon, endives, fennel (seasoned with truffle sea salt, Meyer lemon juice, and white truffle oil). Blanch haricots verts for no more than 2 minutes.

Truffle sandwiches on sourdough (I love using the 69 cent sourdough rolls from WholeFoods) with a nice layer of European-style butter and truffle sea salt. You can stick the bread slices in the toaster oven for 30 seconds, if you like the sensation of eating warm bread.

Fresh WholeFoods-brand asparagus & fontina ravioli served with truffles, truffle butter, and truffle sea salt.

Seared scallops with truffles and truffle butter on a bed of celeriac & potato puree (made with truffle butter, a touch of cream, and truffle sea salt) -– perfect for a pesceterian or meat eater! I prefer a 50/50 celeriac to potato ratio, in order to keep the mashed vegetable flavors subtle. Make a slit in the middle of the scallop, and insert a truffle slice prior to cooking (1-2 min on each side on high, depending on the size of the scallops).

Cheese course: Sottocenere (truffled cow’s milk cheese with an ash rind), or/and Cacio al Tartufo (sheep's milk cheese with truffle sprinkles)

And for dessert - you guessed it – truffles, in my case, purchased from Cocova (formerly known as Biagio Fine Chocolates). There is a very wide variety of exquisite individual truffles for $2 each. Have them box it up for you, get on one knee, and present Her with a little cute box…

P.S. In case you did not use up all of your truffles, in the morning you can share a soft-poached egg with truffles, and a fresh ricotta and truffle honey toast with your coffee.


Fine dining and a romantic resaurant in DuPont Circle area

My wife and I are planning a trip to DC in mid February. We will arrive the day after Valentine's day, which is also her birthday, and we are taking this trip as our anniversary gift to one another. So I was hoping to take her out to a really great night out, but I have never been to DC and am a little lost on a few things with the dining around where we are staying at DuPont Circle.

The restaurants that I was considering were:

Plume
Komi
2100 Prime
Obelisco
Cafe DuPont
Tabard Inn

I have heard that the Tabard Inn and Cafe DuPont may be better for brunch than dinner.

I am really unsure as to what the dress code is for these restaurants (especially at Plume, Komi, Obelisk) and just how expensive of a bill I should expect at most these places. I don't want to be stuck with a big shocker on our big night out so I need to be prepared with enough cash to get anything she wants.

We've done the fine dining in Arkansas but DC is a whole different level in comparisons and i really want to wow my wife. Can anyone give me a comparison of some of these restaurants and especially how I should tell my wife to dress and if I need a jacket and tie as well.

I want to be sure to get reservations so fast replies are appreciated! Grazie a tutti!


Komi Can't Communicate - Reviews

Before anything else, it must be stated that there are excellent moments in this manga, especially in the first half when the jokes and characters are still fresh and adorable. But around maybe chapter 150 or 160, the scenarios start losing their luster. Chapters become more uninteresting and dull, storylines start feeling a lot more repetitive and uninspired, and the 100-friends aspect starts feeling like it's just straining things. There are various subgroups of friends--sometimes cross-pollinated--that the story has to keep tabs on in addition to trying to introduce new chuckle-worthy personas. Perhaps it's just fatigue, but a lot of classmates and characters introduced later in the series just feel lazily done. There are also some characters that truly shine when they first appear, but then just settle into a role of providing a quick nostalgia-gag (I say "nostalgia-gag" because the weak jokes seem to be feeding off of recognition that the character's done similar things in the past). Katai is a good example. When Katai was first introduced, fe was absolutely adorable. Fe brightened my day and brought me genuine happiness. But then, the novelty wore off or something, and fe just became another face doing these passing gags.

There's a similar problem that occurs with some of these recurring segments, where they'll start out amazing but then become less and less interesting the more they are used. The first couple flashback chapters showing off how the parents fell in love were adorable and greatly appreciated, but then they kept doing flashbacks periodically showing their dating progress and I was like "I don't care." Many things are good if done a single time, but not worth being repeated. Some other recurring segments I noticed include the love gossip, the game-playing, the dating fantasies, and the family visits. Chapters aren't always chronological, so they'll have these flashback chapters, seasonal events, prequels, retellings, and other stuff randomly interrupt the main storyline or whatever and then return to it. The story started at the beginning of when they were first years and is following their high school career. I assume it will eventually continue into their third year--probably introducing new classmates once again--and have a conclusion based around their graduation, with Komi having successfully accumulated 100 friends. Komi and Tadano will probably also end up together and there will probably be several other romantic couplings as well.

Tadano's ability to understand people no matter how nonexistent or misleading their communicative abilities are is a gem. I enjoy seeing fem interacting with non-talkers like Katai's parents or comprehend garbled grunts or whatever. It doesn't really seem to get old. But that aspect has been ruined with the inclusion of the love triangle and with Tadano somehow not recognizing that Rumiko and Komi are interested in fem. Like, when they were unsure about their feelings for fem, it made sense for fem to also be unsure about how to interpret their mannerisms. But once they knew they liked fem, shouldn't fe have instantly picked up on that? Why is fe being portrayed as oblivious when that directly contradicts feir primary character trait and what makes fem beautiful? Is the author simply incapable of writing a story where someone is aware that someone else likes fem?

The art does a good job of portraying both the ideal which people see and the inner feelings of Komi. Though it feels like it stops trying to make jokes with that contrast somewhere along the line and largely just shows Komi in feir chibi cute form with eyes that take up like three-fourths of the face. Komi gets cat ears sometimes, when fe's curious or psyching femself up (going "hmmph hmmph" and puffing out air). It's cute when fe shivers like a chihuahua, feir entire body quaking. There's almost a pop style in how some of the fashionable clothes are shown off, with thick outlines. I appreciate there can be some good background deets in the art, and food and stuff is drawn to look appetizing. I absolutely loathe--and I mean LOATHE--Rumiko's eyes when they're closed. I dislike most of the closed eyes in general, but feirs are disgustingly ugly in their verticality and get used far too often.


Disclaimer

La registrazione o l'utilizzo di questo sito implica l'accettazione del nostro Accordo con l'utente, dell'Informativa sulla privacy e dell'Informativa sui cookie e dei diritti sulla privacy della California (Accordo per l'utente aggiornato il 21/01/21. Informativa sulla privacy e Informativa sui cookie aggiornato il 1/5/2021).

© 2021 Advance Local Media LLC. Tutti i diritti riservati (Chi siamo).
Il materiale su questo sito non può essere riprodotto, distribuito, trasmesso, memorizzato nella cache o altrimenti utilizzato, salvo previa autorizzazione scritta di Advance Local.

Le regole della community si applicano a tutti i contenuti che carichi o invii in altro modo a questo sito.


Guarda il video: SECLUDED IN THE FRENCH COUNTRYSIDE. Abandoned Brother u0026 Sisters Farm House (Ottobre 2021).