Nuove ricette

21 Club annuncia L'Escale Alum come nuovo Executive Chef

21 Club annuncia L'Escale Alum come nuovo Executive Chef

21 Club ha annunciato di aver nominato Sylvian Delpique, della regione della Savoia in Francia, come nuovo executive chef

L'esterno del 21 Club, decorato con fantini di cavalli, è classico, e ora l'interno subirà alcune modifiche con il nuovo executive chef.

21 Club, meta gastronomica di New York da quasi 85 anni, ha annunciato di aver nominato Sylvian Delpique nuovo executive chef. Delpique ha iniziato la sua carriera nella nativa regione francese della Savoia e più recentemente ha lavorato a L'Escale nel Connecticut. Sostituirà John Greeley, che era stato capo chef dal 2006. Un rappresentante del 21 Club ha affermato che lo chef Delpique ha intenzione di dare nuova vita ai piatti classici del ristorante del West Midtown pur continuando a "rendere rispetto e omaggio ai decenni di storia prima di lui."

Lo chef Delpique è stato negli Stati Uniti negli ultimi 14 anni, lavorando in luoghi prestigiosi come Artisanal di Terrance Brennan e il David Burke Restaurant Group. Delpique annuncerà i nuovi menu per il ristorante entro la fine della primavera.

Joanna Fantozzi è Associate Editor di The Daily Meal. Seguila su Twitter @Giovanna Fantozzi


Il famoso ristorante di New Orleans condivide la sua ricetta di mac e formaggio

Ora è un ottimo momento per iniziare a cucinare e perfezionare un vero e proprio comfort food americano classico: maccheroni e formaggio.

Con una serie di ricette che si vantano di essere le migliori, la Willie Mae's Scotch House nello storico quartiere Treme di New Orleans conosce una o due cose sul fiocco meridionale. Il preferito dal cliente racchiude tutti i sapori della cucina del Mississippi e della Louisiana.

Il famoso ristorante del grande chef Willie Mae Seaton, che è stato insignito del prestigioso James Beard Award per il ristorante classico americano per la regione meridionale, ha servito la comunità locale e ha donato pasti nel bel mezzo della pandemia di coronavirus.

Dai un'occhiata alla ricetta completa qui sotto per il comfort food classico, cremoso e di formaggio.

Mac and Cheese di Willie Mae

ingredienti

2 tazze di formaggio cheddar dolce giallo (tagliato)

2 tazze di formaggio bianco americano (tagliato)

1/4 libbra di burro fuso non salato

1 cucchiaino di pepe di Caienna

1 cucchiaino di pepe bianco

1 1/2 tazza di latte evaporato

1/2 cucchiaino di fiocchi di prezzemolo secchi o freschi

1/2 cucchiaino di aglio in polvere

2 cucchiaini di farina per tutti gli usi

Portare a ebollizione 3 1/2 litri d'acqua e poi aggiungere la pasta all'acqua salata. Far bollire per 12-15 minuti al dente. Scolare la pasta conservando una tazza di acqua della pasta.

Rimettete subito la pasta nella pentola con il formaggio, il latte, la panna e il burro, a fuoco basso mescolando spesso finché il formaggio non si sarà sciolto.

Aggiungere le spezie, la farina e versare l'acqua della pasta se necessario mescolando. Pan il mac e formaggio. Usiamo un piroscafo ma puoi mettere in forno per 15 minuti a 350 gradi.

Mac e formaggio dovrebbero essere cremosi e di formaggio. Guarnite con un rametto di prezzemolo e buon appetito!

Un liceo della Florida sta emettendo rimborsi alle famiglie dopo aver modificato le foto dell'annuario di 80 studentesse in modo che appaiano più modeste

ɺlterare la vita:' Mentre milioni di persone affrontano la perdita dell'olfatto causata dal COVID-19, i ricercatori trovano nuove spiegazioni e possibili trattamenti

Un'operaia della Croce Rossa bianca che è stata filmata mentre cullava dolcemente un migrante africano esausto afferma di essere vittima di abusi da parte di razzisti di estrema destra

Rep. Debbie Dingell ricoverata in ospedale dopo un intervento chirurgico d'urgenza per l'ulcera

Uno studente universitario di Stanford di 26 anni ha creato un semplice test per prevedere quali gravidanze potrebbero diventare parti premature

Volo Ryanair costretto ad atterrare in Bielorussia con a bordo il massimo attivista

La Bielorussia è stata accusata di "dirottamento" di un aereo di linea civile costringendo un volo passeggeri Ryanair ad atterrare nel paese utilizzando una falsa minaccia di bomba in modo che le autorità potessero arrestare un importante critico del suo leader autoritario Alexander Lukashenko. Il volo Ryanair stava attraversando lo spazio aereo della Bielorussia mentre viaggiava da Atene alla capitale della Lituania, Vilnius, quando è stato dirottato a Minsk per un atterraggio di emergenza a causa della falsa minaccia di una bomba. Un caccia bielorusso MiG-29 è stato inviato per intercettare l'aereo e lo ha scortato all'aeroporto.

Rep. Karen Bass 'speranza' sull'approvazione della riforma della polizia mentre i negoziati si intensificano

Con l'avvicinarsi dell'anniversario della morte di George Floyd, i negoziati sulla riforma della polizia si sono intensificati dopo che i legislatori hanno rivelato che il Congresso mancherà la scadenza di martedì per approvare la legislazione federale, un obiettivo che il presidente Joe Biden e i massimi legislatori speravano di raggiungere. Biden, nel suo discorso congiunto al Congresso ad aprile, ha esortato i legislatori a portare il disegno di legge sulla riforma della polizia sulla sua scrivania per firmarlo in legge entro l'anniversario della morte di Floyd. Guarda "After Floyd: The Year that Shook the World -- A Soul of a Nation Special" martedì 25 maggio, alle 22:00. ET su ABC.

Anno DominiMetti una borsa sullo specchietto dell'auto quando viaggi

Trucchi geniali per la pulizia dell'auto I rivenditori locali vorrebbero che tu non lo sapessi

Come vedere la 'Super Flower Blood Moon,' prima eclissi lunare di questo decennio

La luna piena di questa settimana sarà la seconda superluna della stagione, che apparirà più luminosa e più grande del solito. Secondo il Farmer's Almanac, la "Luna dei fiori di sangue" sarà a circa 222.000 miglia di distanza dalla Terra mercoledì mattina presto. La luna piena di maggio è conosciuta come la "Luna dei fiori" e poiché anche un'eclissi lunare totale - nota anche come "luna di sangue" poiché conferisce alla luna una tonalità rossastra - è prevista anche per accadere allo stesso tempo, è essere chiamato "Super Flower Blood Moon".

2 morti, 12 feriti in una sparatoria alla festa di compleanno del New Jersey

Una festa di compleanno all'aperto in una casa del sud del New Jersey si è conclusa sabato sera con una raffica di colpi di arma da fuoco che ha provocato la morte di due persone e il ferimento di 12, ha detto la polizia. Una massiccia ricerca dell'aggressore non identificato è continuata domenica mattina nella contea di Cumberland, dove la sparatoria di massa è scoppiata in una grande casa a Bridgeton, nel New Jersey, vicino a Fairfield, poco prima di mezzanotte, spingendo i festaioli a tuffarsi per ripararsi o scappare per salvarsi la vita. Un uomo di 30 anni e una donna di 25 sono stati uccisi a colpi di arma da fuoco e una dozzina di altri adulti feriti sono stati portati negli ospedali, di cui uno in condizioni critiche, secondo la polizia di stato del New Jersey.

GOP Sen. Susan Collins supporta la commissione del 6 gennaio, ma ha 2 problemi 'risolvibili'

La senatrice repubblicana moderata Susan Collins ha detto domenica che sostiene "fortemente" la creazione di una commissione indipendente per esaminare l'attacco del 6 gennaio al Campidoglio degli Stati Uniti, ma ci sono ancora problemi - sebbene risolvibili - con la proposta di legge che è passata alla Camera dei Rappresentanti in un mercoledì voto bipartisan. Trentacinque repubblicani si sono uniti ai democratici per sostenere l'approvazione del disegno di legge per creare una commissione in stile 11 settembre, compresi tutti e 10 i repubblicani della Camera che hanno votato per mettere sotto accusa l'ex presidente Donald Trump per il suo ruolo nell'alimentare l'insurrezione del 6 gennaio. La leadership repubblicana alla Camera e al Senato - e Trump - si è schierata contro la proposta di commissione.

Il cessate il fuoco Israele-Hamas ha messo gli Stati Uniti nella posizione di "costruire qualcosa di più positivo": Blinken

Il segretario di Stato Antony Blinken ha dichiarato a ABC's "This Week" che il cessate il fuoco di giovedì tra Israele e Hamas è stato "critico" per mettere gli Stati Uniti in una posizione "per fare un perno nella costruzione di qualcosa di più positivo", ponendo una forte enfasi sul necessità di una soluzione a due stati per la regione. Blinken ha detto domenica all'anchor di "This Week" George Stephanopoulos. Il massimo diplomatico dell'amministrazione Biden ha sottolineato l'impegno del presidente per una soluzione a due stati per Palestina e Israele come "l'unica via" per la regione, ma ha osservato che non sarebbe avvenuta immediatamente.

Sospetto in custodia dopo 2 morti, 8 feriti nella sparatoria di Minneapolis

Un sospetto è in custodia e un altro è morto, dopo una sparatoria di massa nel centro di Minneapolis sabato sera, secondo un portavoce del dipartimento di polizia di Minneapolis. Jowan Contrail Carroll, 24 anni, è detenuto presso il centro di detenzione per adulti della contea di Hennepin, l'ufficiale dell'informazione pubblica del dipartimento di polizia di Minneapolis, John Elder, ha detto a ABC News. Il dipartimento di polizia di Minneapolis ha affermato che tutte e 10 le vittime della sparatoria sono adulti, cinque maschi e cinque femmine.

Un uomo che indaga su cani che abbaiano durante la notte trova un cadavere in un fosso vicino a casa sua

Un proprietario di casa ha fatto una macabra scoperta sabato mattina presto quando ha trovato un cadavere in un fosso dopo essere andato a indagare sul perché i cani non smettessero di abbaiare durante la notte vicino a casa sua. L'incidente è avvenuto intorno alle 3:30 di sabato 22 maggio, in un quartiere suburbano nord-est di Houston, in Texas, quando l'uomo ha detto al dipartimento di polizia di Houston di aver sentito cani abbaiare per più di 10 minuti di fila nelle prime ore del mattina quando siamo andati a indagare su cosa stava succedendo, secondo la stazione di Houston KTRK di ABC News. "A parte la strana posizione del corpo e la posizione, non stiamo vedendo alcun segno importante di gioco scorretto in questo momento", ha detto HPD Lt. R. Willkens a KTRK sabato mattina mentre si rivolgeva ai media.

La madre di un bambino di 6 anni ucciso in una sparatoria in California chiede giustizia: 'Sembra che la mia vita sia finita'

La madre di Aiden Leos, 6 anni, sta parlando per la prima volta da quando suo figlio è stato ucciso a colpi di arma da fuoco in un apparente incidente stradale venerdì a Orange, in California, e chiede giustizia mentre l'assassino rimane a piede libero. "Hanno tolto la vita a mio figlio", ha detto la madre di Adien, Joanna Cloonan, a Zohreen Shah di ABC News in un'intervista in onda domenica su "Good Morning America". Cloonan stava portando Aiden a scuola a Yorba Linda venerdì mattina quando lei dice che una berlina bianca l'ha interrotta bruscamente mentre era nella corsia del carpooling che guidava in direzione nord sulla 55 Freeway.

Sospetto arrestato nell'ambito di un'indagine su un presunto crimine d'odio fuori dal ristorante di Los Angeles

La polizia ha arrestato il principale sospettato in un attacco a commensali ebrei in un ristorante di Los Angeles all'inizio di questa settimana che è indagato come un possibile crimine di odio antisemita. L'uomo, identificato come Xavier Pabon, 30 anni, è stato arrestato venerdì sera in una casa fuori città e accusato di aggressione con arma mortale, ha detto il dipartimento di polizia di Los Angeles. Gli investigatori stanno cercando ulteriori accuse per crimini d'odio e il dipartimento ha chiesto che la cauzione del sospetto sia aumentata "a causa del crimine motivato dall'odio", ha detto la polizia di Los Angeles in una nota.

Kevin Spacey si aggiudica il primo ruolo cinematografico dopo le accuse di violenza sessuale

Kevin Spacey ha prenotato il suo primo ruolo cinematografico da quando le accuse di aggressione sessuale sono emerse quasi quattro anni fa, i registi hanno confermato con ABC News. Il film italiano, intitolato "L'uomo Che Disegno Dio" - o "The Man Who Drew God" - sarà diretto da Franco Nero. Girerà in Italia e avrà come protagonista anche la moglie di Nerone, Vanessa Redgrave, hanno detto le fonti.

Il rimpatrio dei rifugiati nel campo siriano potrebbe arginare la rinascita dell'ISIS: il generale degli Stati Uniti

Il massimo comandante militare statunitense in Medio Oriente è ottimista sul fatto che il previsto rimpatrio della prossima settimana di un centinaio di famiglie irachene da un grande campo profughi in Siria potrebbe essere il primo passo per ridurre la minaccia di una rinascita dello Stato Islamico proveniente dal campo che ospita 65.000 per lo più donne e bambini, tra cui molti sostenitori dell'ISIS. Il generale Frank McKenzie, il comandante del Comando centrale degli Stati Uniti, ha rilasciato i suoi commenti ai giornalisti di ABC News e Associated Press che lo accompagnavano durante la sua visita venerdì a diverse basi statunitensi nel nord-est della Siria. Gli Stati Uniti hanno ancora circa 900 soldati americani all'interno della Siria che stanno assistendo le forze curde siriane nella loro lotta contro i resti dell'ISIS.

Marito accusato di morte per la scomparsa della mamma del Connecticut poche ore dopo che il suo corpo è stato trovato

Jessica Edwards, 30 anni, è stata dichiarata scomparsa dalla sua famiglia il 10 maggio, ha detto la polizia, il giorno dopo aver celebrato la sua prima festa della mamma. Dopo una ricerca di quasi due settimane, il dipartimento di polizia di South Windsor ha annunciato venerdì sera di aver trovato il suo corpo quel giorno all'ingresso dell'Hockanum River Linear Park a East Hartford. All'epoca non c'era una persona di interesse, il sergente. Mark Cleverdon ha detto durante una conferenza stampa, anche se si aspettavano di avere un altro aggiornamento più tardi quella notte.

Biden incontra la famiglia di George Floyd 1 anno dopo la sua morte mentre il conto della polizia si blocca

Martedì il presidente Joe Biden segnerà il primo anniversario della morte di George Floyd incontrando i membri della famiglia Floyd alla Casa Bianca mentre il Congresso è pronto a perdere la scadenza del presidente per l'approvazione della legge sulla riforma della polizia intitolata alla memoria di Floyd. Floyd è morto un anno fa martedì dopo che l'ex agente di polizia di Minneapolis Derek Chauvin si è inginocchiato sul suo collo per oltre nove minuti, cosa che Biden ha chiamato "sveglia per il paese" e ha scatenato proteste in tutto il mondo chiedendo la riforma della polizia e la fine del razzismo sistemico.

Nessuno ha rivendicato il biglietto per il jackpot Mega Millions da 500 milioni di dollari venduto in Pennsylvania

Un biglietto vincente per il Mega Millions dell'estrazione di venerdì sera è stato venduto in Pennsylvania con un premio stimato di 515 milioni di dollari, secondo un comunicato stampa di Mega Millions. Il biglietto ha abbinato tutti e sei i numeri della pallina bianca estratti venerdì: 6, 9, 17, 18 e 48, più la Mega Ball 8 dorata. La vincita di ieri segna il terzo jackpot Mega Millions più grande di tutti i tempi e il più grande mai Pennsylvania, secondo Mega Millions.

I negoziati sulle infrastrutture si sono nuovamente incastrati quando i repubblicani respingono la controproposta di Biden

I negoziati bipartisan sulle infrastrutture hanno avuto un nuovo intoppo venerdì dopo che i repubblicani hanno respinto categoricamente una controproposta sulla banconota da svariati trilioni di dollari avanzata dalla Casa Bianca. L'offerta da 1,7 trilioni di dollari della Casa Bianca di venerdì era una versione ridotta dell'American Jobs Plan del presidente Joe Biden, inizialmente valutato 2,2 trilioni di dollari. Pochi istanti dopo aver ricevuto l'accordo, gli aiutanti repubblicani lo hanno respinto, dicendo a ABC News che il prezzo è troppo alto per essere digerito dal GOP.

Ana, che si forma nell'Atlantico, diventa la prima tempesta nominata della stagione degli uragani

La tempesta subtropicale Ana, formatasi nell'Atlantico sabato mattina, è la prima tempesta nominata della stagione degli uragani atlantici 2021. Per il settimo anno consecutivo, c'è stata una tempesta nominata formata prima dell'inizio ufficiale della stagione degli uragani - 1 giugno. Una perturbazione tropicale potrebbe portare più piogge in alcune parti del Texas anche questo fine settimana.

Come New York City si sta lentamente ma sicuramente riprendendo dal COVID-19

Questa settimana ha segnato un'importante pietra miliare per New York City durante i suoi 14 mesi di lotta contro il COVID-19. Il servizio della metropolitana è tornato a 24 ore, i limiti di capacità di ristoranti al coperto, luoghi di lavoro e spazi ricreativi sono stati revocati, sebbene con requisiti di distanza, e gli oltre 3,2 milioni di residenti completamente vaccinati sono stati autorizzati a non indossare la mascherina. ALTRO: i casi di COVID-19 hanno smesso di diminuire a New York City.


Phillip Frankland Lee

ETÀ: 28
CITTÀ DI NATALE: Los Angeles, CA
PROFESSIONE: Chef/Proprietario, The Gadarene Swine e Scratch|Bar
EDUCAZIONE CULINARIA: Formatosi a Le Cordon Bleu
RICETTA SEMPLICE PREFERITA DEL DESSERT AUTUNNALE: Funghi Arrosto Con Patate Dolci Bruciate

Lo chef Phillip Frankland Lee ha iniziato la sua carriera come lavapiatti a 18 anni ed è rapidamente cresciuto lavorando sotto alcuni dei migliori chef del paese. È diventato Sous Chef a 21 anni, Executive Chef a 24 e chef e proprietario a 25 quando ha aperto il suo primo ristorante da solista. Attualmente possiede lo stabilimento vegano The Gadarene Swine a Studio City e sta lavorando per spostare il suo ristorante Scratch|Bar di Beverly Hill a Encino. Phillip e i suoi ristoranti sono stati inseriti nelle liste "30 Under 30" di Zagat ed è stato anche nominato uno dei "Best Young Chefs in America" ​​da San Pellegrino. Non estraneo alla televisione, Phillip è apparso e ha vinto diversi concorsi di cucina tra cui "Chopped", "Guy's Grocery Games" e "Cutthroat Kitchen". Phillip mira a prendere una cucina raffinata d'élite e renderla più accessibile, conveniente, accessibile, divertente e nutriente.

Padma Lakshmi

Padma Lakshmi

Padma Lakshmi è un'esperta di cibo nominata agli Emmy, conduttrice televisiva, produttrice e Il New York Times autore di best seller.

È la creatrice, conduttrice e produttrice esecutiva dell'acclamata serie Hulu Assaggia la nazione, che ha ricevuto un 2021 Gotham Award per la serie Breakthrough. La serie ha appena ricevuto il via libera per una seconda stagione.

Lakshmi è anche presentatore e produttore esecutivo della serie di Bravo vincitrice di due Emmy Top Chef, che è stato nominato per 32 Emmy, inclusa la sua due volte nominata per Ospite eccezionale per un programma di competizione di realtà. La sua nuova stagione debutterà nella primavera del 2021.

Lakshmi è co-fondatrice della Endometriosis Foundation of America (EFA) e ambasciatrice artistica dell'American Civil Liberties Union (ACLU) per i diritti degli immigrati e per i diritti delle donne. Lakshmi è stato anche nominato Ambasciatore di buona volontà per il Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo (UNDP).

Nata in India, è cresciuta negli Stati Uniti, laureandosi alla Clark University con un Bachelor's Degree in Theatre Arts and American Literature. Conosciuta come la prima top model indiana, ha iniziato la sua carriera come modella e attrice lavorando in Europa e negli Stati Uniti.

Laskhmi si è affermata come esperta alimentare all'inizio della sua carriera di host Il passaporto di Padma, dove ha cucinato diverse cucine da tutto il mondo e Cibo del pianeta, una serie di documentari, sia sul Rete alimentare a livello nazionale e mondiale sul Discovery Channel. Ha anche co-conduttore Domenica In . di Rai Television, lo spettacolo di varietà più quotato in Italia.

È un'autrice prolifica, scrive i best-seller Facile esotico, che ha vinto il premio "Best First Book" ai Gourmand World Cookbook Awards. Lakshmi ha seguito questo con la pubblicazione del suo secondo libro di cucina, piccante, crostata, calda e dolce e il suo ricordo Il New York Times il più venduto Amore, perdita e ciò che abbiamo mangiato. In seguito ha pubblicato L'Enciclopedia delle Spezie e delle Erbe. Nell'agosto del 2021 pubblicherà il suo primo libro per bambini Pomodori per Neela.

Oltre alla sua scrittura sul cibo, Lakshmi ha anche contribuito a Voga, Gourmet, sia inglesi che americani Bazar di Harper, oltre a scrivere una rubrica sindacata su moda e cibo per Il New York Times.

Lakshmi ha creato una raffinata linea di gioielli La Collezione Padma, che ha venduto a Bergdorf Goodman, Neiman Marcus e Nordstrom. Ha anche progettato una linea di decorazioni per la casa con lo stesso nome con stoviglie da tavolo, calici e pezzi di decorazione in vetro soffiato a mano, venduta a livello nazionale da Bloomingdale's. Inoltre, Lakshmi ha creato L'esotico facile di Padma, una collezione di prodotti culinari che spaziano da alimenti biologici surgelati, tè pregiati, miscele di spezie naturali e prodotti per la casa. Nel 2018, Lakshmi ha collaborato con MAC Cosmetics per una capsule collection mondiale chiamata MAC Padma che si è rapidamente esaurito sia in India che negli Stati Uniti.

Dopo aver sofferto inconsapevolmente di endometrisi per decenni, nel 2009 ha co-fondato la Endometriosis Foundation of America (EFA) insieme al chirurgo ginecologico avanzato Tamer Seckin, MD. L'EFA ha lanciato la prima struttura di ricerca interdisciplinare nel paese per la ginepatologia, come progetto congiunto tra la Harvard Medical School e il MIT e Lakshmi ha tenuto il discorso di apertura del Centro nel dicembre 2009.

I suoi sforzi sono stati riconosciuti al Senato dello Stato di New York, dove è riuscita a far passare un disegno di legge relativo alle iniziative per la salute degli adolescenti. Il programma ENPOWR dell'organizzazione ha attualmente istruito oltre 32.000 studenti sull'endometriosi nelle scuole superiori in tutto lo stato di New York.

Lakshmi è visiting scholar presso il Massachusetts Institute of Technology (MIT) e ha ricevuto il Karma Award 2018 da Varietà, così come la medaglia d'onore NECO Ellis Island 2016.


Quando una stagione d'addio è stata spazzata via, l'outfield è diventato un ristorante

Questa doveva essere l'ultima stagione dei Pawtucket Red Sox nel Rhode Island prima di trasferirsi in Massachusetts. Senza alcuna partita a cui i fan potessero partecipare, la squadra è diventata creativa.

PAWTUCKET, R.I. — Il lungo addio al McCoy Stadium è iniziato nell'agosto 2018, quando i Pawtucket Red Sox della International League di classe AAA hanno annunciato che la franchigia si sarebbe spostata di 50 minuti lungo la Route 146 a Worcester, Massachusetts, a partire dalla stagione 2021.

La notizia ha aggiunto ancora più peso alla stagione 2020 della squadra, che è stata anche il 50° anniversario della presenza nella minor league dei Boston Red Sox a Pawtucket. Il presidente del club, Charles Steinberg, aveva pianificato eventi per tutta la stagione, attingendo ai ricordi di fuoriclasse come Wade Boggs, Roger Clemens, Mo Vaughn e Mookie Betts che erano passati di lì in viaggio verso Boston.

Poi la pandemia di coronavirus ha chiuso le porte alla stagione, che è stata ufficialmente cancellata questa settimana, lasciando il McCoy Stadium come l'ospite di una festa d'addio senza ospiti.

I funzionari del PawSox, come sono conosciuti a livello locale, temevano di non avere alcuna possibilità di salutare formalmente la comunità. Hanno fatto quello che potevano, tenendo eventi virtuali con i giocatori e invitando i tifosi a postare messaggi personali sulla lavagna video dello stadio.

Ma quando la governatrice Gina Raimondo del Rhode Island ha annunciato a maggio che lo stato avrebbe permesso raduni all'aperto di più di 10 persone, "si è accesa una luce per tutti noi", ha detto Mike Tamburro, vicepresidente del team che è stato coinvolto con i PawSox dal 1974, compreso un lungo periodo come direttore generale.

Il brainstorming collettivo ha creato "Dining on the Diamond", un picnic all'aperto sull'erba incontaminata del McCoy Stadium. Quello che è iniziato il primo fine settimana di giugno con 20 tavoli, due posti a sedere e una tariffa base di ballpark (hamburger, hot dog, patatine fritte e nachos) si è ampliato per includere un terzo posto a sedere, più tavoli e un menu che include un'aragosta del Rhode Island roll, un piatto barbecue e caprese di pollo.

Con la stagione della lega minore annullata, McCoy sarà utilizzato come luogo di allenamento alternativo per i membri del roster attivo di 60 uomini dei Red Sox, interrompendo potenzialmente "Dining on the Diamond", ma Steinberg ha affermato che il club "continuerà a esplorare modi per avere un degno addio al McCoy Stadium”.

C'è chiaramente un appetito. Quando il team ha annunciato la promozione sul proprio sito Web, i tavoli per i primi due giorni, il 6 e il 7 giugno, sono andati esauriti in 88 minuti. Quando è stato aggiunto l'8 giugno, è andato esaurito nello stesso lasso di tempo.

Per il weekend della festa del papà, la squadra si è allargata a 33 tavoli, un cenno ai 33 inning giocati allo stadio tra i PawSox e i Rochester Red Wings nel 1981, la partita più lunga nella storia del baseball professionistico. E su sollecitazione dei fan, l'executive chef della squadra, Tom Whalen, ha aggiunto articoli più costosi, tra cui il suo preferito, la parmigiana di melanzane. Anche i tavoli sono stati spostati dalla terra battuta all'esterno dell'erba.

I fan prenotano i tavoli, ordinano il cibo e lo pagano in anticipo online. Al campo da baseball, i tavoli di metallo verde sono disposti ad almeno 14 piedi di distanza e limitati a cinque persone. I server indossano maschere, ma non sono richieste ai commensali.

Su ogni tavolo, che viene pulito tra i posti a sedere, si trova un cartello con il numero del tavolo e l'immagine di un notevole allume PawSox o membro della Red Sox Hall of Fame (Naturalmente, Ted Williams rappresenta il tavolo n. 9).

Infine, i commensali di ogni tavolo ricevono una replica in miniatura di McCoy da portare a casa.

Come altri membri del front office e del personale a tempo pieno del club, Tamburro si è impegnato per aiutare a gestire il ristorante improvvisato, accompagnando i commensali ai loro tavoli e immergendosi nelle storie dei ricordi di McCoy.

Seduto al tavolo 4 con sua moglie, suo figlio e sua figlia un venerdì recente, James Vierra di East Providence ha detto di aver visto la sua prima partita a McCoy a metà degli anni '60, quando era sede della squadra di classe AA dei Cleveland Indians. Ha ricordato di aver partecipato a un'attività sponsorizzata dai Red Sox un sabato mattina con suo figlio, Brad, che ha finito per giocare a palla con Nomar Garciaparra.

"In effetti, era proprio qui", ha detto, notando il loro posto nell'erba del campo esterno. "Ed eccomi seduto a questo tavolo."

Sotto l'ex proprietario Ben Mondor, scomparso nel 2010 dopo aver detenuto il club per decenni, i Pawtucket Red Sox sono diventati un'istituzione locale con forti legami in tutto il Rhode Island per le sue opere di beneficenza. Nel 2015, un gruppo guidato da Larry Lucchino, allora presidente e amministratore delegato dei Boston Red Sox, ha acquistato il club e ha cercato di costruire un nuovo stadio in sostituzione del McCoy, inaugurato il 4 luglio 1942.

Dopo non essere riuscito a raggiungere un accordo con il legislatore statale, Lucchino ha firmato una lettera di intenti nell'agosto 2018 per trasferirsi in un nuovo campo da baseball a Worcester, Massachusetts, a 42 miglia di distanza.

Ma la squadra sta sfruttando al meglio i suoi ultimi mesi nel Rhode Island. Steinberg, che Tamburro chiama "il maestro della pianificazione degli eventi" dal suo lavoro con i Red Sox, Orioles, Padres e Dodgers, si è meravigliato del tableau di fronte a lui il mese scorso. "Guarda in qualsiasi punto del campo e c'è una storia", ha detto. “Sono stati qui alcuni dei più grandi giocatori nella storia del baseball.

"È anche un promemoria", ha aggiunto, "del ruolo vitale che i campi da baseball giocano nelle nostre vite".

Al tavolo 21, in onore di Clemens, Tina Trahan ha ricordato di aver lavorato nello stand dei souvenir da adolescente durante gli anni in cui lo stesso lanciatore di stelle era passato di lì. Insieme a lei c'erano due amici e suo padre, Fred, 90 anni, che vide i Pawtucket Slaters di classe B giocare al McCoy negli anni '40, incluso un Chuck Tanner di 19 anni nel 1948.

Alex Richardson, 23 anni, assistente alle relazioni con la comunità del club, ha detto che si diverte con le storie che sente a ogni tavolo. Una notte, ha detto, ha servito una famiglia che gli ha detto di aver scelto McCoy per la loro prima notte fuori casa dall'inizio della pandemia.

"Questa è un'esperienza incredibile", ha detto.

L'immediata popolarità del bistrot da baseball del PawSox è stata notata in tutto il paese e Tamburro ha pensato che potesse essere solo l'inizio. "Questo tipo di idea potrebbe essere rivoluzionaria per il settore in futuro", ha affermato. "Riesci a immaginare Fenway Park che fa questo quando i Red Sox sono in viaggio?"

Mentre il sole stava tramontando dietro il campo sinistro, proiettando le ombre degli avventori e dei tavoli verso casa base, tre giovani ragazzi si stavano rotolando nel campo esterno dopo aver terminato la cena. I loro genitori erano una coppia di coppie di Boston che erano andate insieme al liceo.

A.J. Shepherd, il padre di uno dei ragazzi, guardò verso dove stavano suonando, mentre una canzone di Frank Sinatra suonava sul sistema audio dello stadio, e osservò: "Quante volte puoi sederti su un vero campo da baseball e mettere le dita dei piedi nel erba?"

Claudison Jean-Francois ha aggiunto: "La temperatura è giusta, c'è musica e i bambini si divertono. È perfetto."

Più di 2.600 famiglie sono attualmente in lista d'attesa, anticipando quando riprenderà la promozione. "Incredibile", ha detto Bill Wanless, che ha iniziato con il franchising nel 1985 come stagista, ha lavorato come direttore delle pubbliche relazioni per 29 anni ed è diventato vicepresidente senior per le comunicazioni nel 2015.

Il suo nuovo lavoro - salutare i clienti mentre entrano nel campo da baseball attraverso un cancello nel campo a destra e aiutarli a ottenere il loro numero di tavolo - offre un'opportunità in prima linea per valutare il successo di Dining on the Diamond.


Condividere Tutte le opzioni di condivisione per: Il nuovo sostituto di Georgetown al Cafe Bonaparte Just Switched Chefs

Zuppa di cipolle francese al Lutèce di Bonaparte Channing Foster/Lutèce di Bonaparte

Stanno accadendo molte cose dietro le quinte dell'industria dell'ospitalità di Washington. Qui è dove Eater tiene traccia dei cambiamenti significativi nella parte anteriore della casa, sul retro della casa e qualsiasi altro personale vitale per ristoranti, bar o fornitori di cibo e bevande locali.

GEORGETOWN— Nel dicembre 2019, il Cafe Bonaparte di lunga data di Georgetown ha subito un rinnovamento con un nuovo nome - Lutèce by Bonaparte - e un nuovo chef parigino a Martin Senoville, che progettava di cucinare ricette francesi classiche con un tocco nel 2020. Pochi mesi dopo, un nuovo chef di New York sta cucinando da Lutèce. Matt Conroy sta subentrando al bar di Wisconsin Avenue, in arrivo dal ristorante messicano alla moda di Greenpoint, l'Oxomoco. Conroy sta scattando foto di nuovi piatti come l'anatra stagionata con indivia affumicata e barbabietola e carote arrostite con burrata, arancia rossa e semi di girasole sul suo Instagram.

Alessandria— Tom Cardarelli è fuori come chef al Vermilion di Old Town, e Inti Villalobos-Coady di Brabo sta entrando nel ruolo, riporta Virginia del Nord rivista. Cardarelli, un veterano di Jean-Georges di New York, ha portato pane e burro a lievitazione naturale appena sfornati a Vermilion. Il nuovo executive chef Villalobos-Coady sta immaginando patate fingerling fritte che dovrebbero avere il sapore di patatine salate e aceto e torta di fragole e rabarbaro.

19 novembre 2019

CENTRO-L'hotel Marriott's Mayflower ha recentemente assunto la prima chef executive donna nella storia quasi centenaria del locale. Lindsey VandenToorn, che lavora con l'azienda da 10 anni, è ora l'executive chef responsabile dell'Edgar Kitchen & Bar a livello della hall, insieme ai programmi di catering e ristorazione in camera. Marc Rios, più recentemente responsabile di bar e bevande presso il Marriott's Camelback Inn Resort in Arizona, è il nuovo direttore creativo di mixology and spirits e managing partner. Madison Fredricks è il nuovo direttore generale di Edgar Kitchen & Bar.

ESTREMITÀ OCCIDENTALE-Lo chef Pedro Baroso si unisce al Westend Bistro di Ritz-Carlton come sous chef esecutivo. Il portoghese, che si è recentemente trasferito a Washington, ha iniziato la sua carriera nel 2005 al Ritz-Carlton di Sintra, in Portogallo. I suoi stint di cucina globale lo hanno portato anche a Istanbul Abama, in Spagna, Dubai e Miami. Sostituisce lo chef del Westend Alvin Dela Cruz, tornato in California quest'anno per guidare la cucina del Jean-Georges Beverly Hills al Waldorf Astoria. Baroso è attualmente impegnato a prepararsi per un pasto del giorno del Ringraziamento, completo di zuppa di zucca, tacchino e tutte le guarnizioni ($ 95 per adulto, $ 45 per bambino) una versione da asporto per otto è di $ 340.

8 agosto 2019

La pasticcera di Mintwood Place Stephanie Milne Mintwood Place [ufficiale]

ADAMS MORGAN—Il tempismo del trasferimento della pasticcera Stephanie Milne a Mintwood Place ha dettato che uno dei primi compiti che avrebbe intrapreso nel fidato bistrot di quartiere sarebbe stato quello di inventare nuovi gusti di gelato. Dopo un paio di anni al Nopa Kitchen + Bar di Ashok Bajaj (ora Olivia), Milne ha aiutato ad aprire il vasto avamposto Navy Yard di Dacha a maggio. Si è trasferita a Mintwood Place entro giugno perché voleva lavorare in un ristorante più piccolo che le offrisse maggiore flessibilità per provare cose nuove con i clienti abituali. Mintwood Place ha ceduto all'acrobazia del mese del gelato nazionale, lanciando 11 dessert gelato a luglio, quindi Milne ha sviluppato sapori come fernet, pancetta affumicata e vaniglia e popcorn al caramello, oltre a un sorbetto al bloody mary.

L'idea più ambiziosa potrebbe essere stata quella di fare un formaggio grigliato a base di gelato, un'idea nata dopo che un'amica le ha parlato della popolarità del gelato al formaggio nelle Filippine. Milne ha incorporato "normali vecchi singoli Kraft" nella base, producendo un sapore che descrive come correlato alla cheesecake. Ha tostato il pane nel burro prima di metterlo nel congelatore e assemblare i panini. That dessert is off the menu now, but Milne says she might bring it back. She’s rotating specials in and out of the bar menu to test her more creative projects. Next up: a s’mores sandwich made with house graham crackers, chocolate ganache, and marshmallow ice cream.

July 19, 2019

DUPONT CIRCLE—Six months after opening inside the reinvented Dupont Circle Hotel, the Pembroke restaurant already has a new executive chef. Harper McClure, most recently chef de cuisine at 14th Street NW’s perennially packed Le Diplomate, replaces chef Marlon Rambaran. GM Joel Freyberg says Rambaran, a Fontainebleau Miami Beach alum, started out in a consulting capacity and “made it clear when taking on the partnership that he would eventually be seeking other interests and opportunities.” The 127-seat restaurant — formerly Cafe Dupont — got early glowing reviews from Washington Post critic Tom Sietsema, who called out Rambaran’s gold leaf-adorned saffron risotto and a lamb tagine “that would taste at home in Morocco.” McClure’s hotel resume also includes time as an executive chef at Brothers and Sisters, the essential American-Asian restaurant at the Line, and at Brabo by Robert Wiedmaier at the Kimpton Lorien in Alexandria. McClure is expected to roll out a new menu this fall.

July 11, 2019

SOUTHWEST—Mandarin Oriental just named Claus Olsen its executive pastry chef. The Denmark native has clocked 20 years of experience working in Forbes Five-Star restaurants and cake shops around the globe. He most recently helmed dessert stations at a Shangri-La Bangkok hotel in Thailand, following stints at the Mandarin’s Malaysia, Bangkok, and Las Vegas properties. Olsen, who grew up watching his grandfather bake at his Copenhagen-based bakery, has cooked for kings, queens, presidents, and dignitaries around the world.

OLD TOWN—Peter Saletta was recently named Union Street Public House’s new executive chef. The barbecue pro’s revamped menu draws inspiration from Union Street’s historical life as a late-1700s warehouse. Think locally-sourced ingredients, fresh catches of the day, and smoked ribs. A new, “My Bar, My Rules” sandwich comes on an English muffin with pan-seared aged filet mignon, Swiss cheese, garlic butter, rosemary, roasted red pepper, and Tabasco aioli. Saletta, a Sarasota, Florida, native, honed his culinary chops as a chef at various locations of Fleming’s Steak House, where he was named as one of Food and Wine Magazine’s Best Chefs Under 30. He’s also an alum of Sullivan’s Steak House and D.C.’s Black Finn.

2 luglio 2019

BRAMBLETON, VIRGINIA—Suburbia’s critically-acclaimed AhSo just plucked its new chef de cuisine from Dupont Circle’s Firefly. Rich Falbo was executive chef at the American restaurant tucked inside the Kimpton Hotel Madera for the past 18 months. He tells Eater he was attracted to AhSo’s farm-to-table focus, its close relationships with local suppliers, and chef Jason Maddens’ passion for wine. “It will be a refreshing change from the urban scene,” he says. AhSo’s frequently-changing menu currently includes boneless pork loin sourced from Warrenton, Virginia’s Whiffletree Farm and Virginia asparagus. Falbo, a 20-year restaurant vet, worked his way up at various Hyatt Regency resort properties before leading the kitchen at Austin’s seafood-centric Perla’s. He starts his latest gig alongside Maddens, a Central alum, next week. Eater reached out to Firefly’s Kimpton team regarding a replacement.

26 aprile 2019

WASHINGTON, DC—Award-winning restaurateur Ashok Bajaj of Knightsbridge Restaurant Group just made a huge move by hiring chef Frank Ruta, reviving the James Beard Foundation Award winner’s cooking career after nearly a year out of the kitchen. The former White House chef, who’s cooked under three presidents, was most recently helming glitzy French power spot Mirabelle, which closed and reopened last summer with a new chef. Now he’s got a new job, but it’s unclear which kitchen he will call home (Bajaj’s prolific restaurant empire currently includes Bibiana, Oval Room, Bombay Club, Olivia, Bindaas, Rasika, and Sababa). Ruta could be a big part of reviving the space that housed Restaurant Nora — the eponymous restaurant from organic dining pioneer Nora Pouillon that shuttered last year after a 40-year run. Bajaj bought it last fall for $4 million and plans to turn into a new spot called Annabelle.

CAPITOL HILL—Tony power spot Charlie Palmer Steak has a new wine director and head sommelier. Phil Prifold replaces Brandon Anderson, who’s reportedly headed to New York City’s Michelin-starred Per Se. This is the third go-around for Prifold and chef Mike Ellis, who worked at the Watergate and opened Knightsbridge Restaurant Group’s Bardeo Wine Bar & Cafe together. Prifold, who was most recently consulting for luxury hotel brands, plans to continue to stock Charlie Palmer’s glass-enclosed vino vault with lesser-known producers while bulking up a tannic-driven red category that pairs best with steaks.

Cabernet Sauvignon is currently the No. 1 varietal by the glass and bottle inside the recently refurbished restaurant, reports Prifold, followed by popular Pinot Noir and Malbec pours (reds will be flowing even more than usual tonight at its fourth annual all-you-can-eat Beefsteak dinner). Its large by-the-glass program recently shrank under his watch to encourage keeping more fresh bottles on-site. Going with more Sonoma vs. Napa labels has allowed prices to drop bit, he says, which helps accommodate D.C. regulars with nonprofit and government incomes. Most whites by the glass are around $13, and reds are $13 to $15. “But if you want to spend a few thousand dollars we have a bottle for you,” he says, name-dropping a 1958 vintage of Napa Valley’s Beringer.

The steakhouse earned “best wine program of the year” in 2017 by the local restaurant association, thanks in large part to then-wine director Nadine Brown’s tireless pursuit of interesting pours. Brown and Prifold share a past: She worked for him while he was wine director at Penn Quarter’s now-closed Signatures.

RESTON, VIRGINIA—Red’s Table just named Nelson Erazo its new executive chef. He was most recently was working in the city, helming Melrose Georgetown Hotel’s Jardenea. At his new post in suburbia, a recently released lineup of spring dishes includes coriander-dusted diver scallops, Chesapeake Bay crab bisque, and roasted beet and goat cheese salad.

March 20, 2019

LOGAN CIRCLE—After joining Birch & Barley and Churchkey as executive chef late last year, Jarrad Silver introduced his first revamped menu last night at the Logan Circle brewpub run by local powerhouse Neighborhood Restaurant Group. Silver, who got his start in D.C. as a server and prep cook at Mike Isabella’s Graffiato, was chef de cuisine at Kapnos Taverna, Pepita and Yona before Isabella’s restaurant group dissolved in the wake of a sexual harassment allegations against the celebrity chef.

Like Hazel, an NRG restaurant that’s undergone a Turkish makeover, Birch & Barley has incorporated Middle Eastern flavors into its modern American menu. For example, Silver is serving house-made labneh on wild mushroom toast, throwing ras al hanout crumble in a roasted beet salad, pairing muhammara with whole cauliflower, and putting braised lamb shanks on top of Moroccan couscous. Silver’s travels to Israel inform the new menu along with flavors normally found in a delicatessen. Silver is baking challah rolls as a tribute to his grandmother’s bread. A foie gras toast comes on pumpernickel with pastrami spice and mustard seeds.

March 11, 2019

GEORGETOWN—Gerard Cribbin is the new executive chef at High Street Café, the recently opened American brasserie with a Latin bent. The new post marks the reunion of Cribbin and managing partner Miguel Iguina, who opened Italian mainstay Filomena a few blocks away in the early 1980s. Cribbin later went on to cook in Puerto Rico and immerse himself in Spanish cuisine. The months-old restaurant also just introduced lunch under Cribbin’s watch, adding pigeon peas two ways with hummus and escabeche pan roasted calamari with shitake mushrooms and a crispy cod sandwich. All month, a $22 lunch deal includes an appetizer, an entrée, and a glass of house wine or dessert.

28 febbraio 2019

WEST END—There’s a new leader in the kitchen at Rasika’s West End outpost. Award-winning restaurateur Ashok Bajaj of Knightsbridge Restaurant Group just named Rakesh Singh head chef. Singh, who hails from the northeast region of India, was most recently executive chef at the 427-room Westin Hyderabad Mindspace in Telangana, India. He joined the resort in 2011 as chef de cuisine, climbing up to the top culinary post in 2016. Singh’s resume also includes cooking at Michelin-rated London restaurants Tamarind and Amaya. For his first stateside gig, Singh’s adding smoked eggplant golgappa with cilantro, tamarind and pomegranate smoked duck with cashew nut, foie gras, and marmalade and spinach dumplings with dill leaves and tomatoes to Rasika’s menu. The fine dining destination, which turns seven this year, will remain spearheaded by group executive chef Vikram Sunderam.

February 18, 2019

NORTH BETHESDA—Jonathan Collins, a sous chef at Hazel when former chef Rob Rubba was charming diners with foie gras zucchini bread and sticky, crunchy ribs, is now the executive chef of Neighborhood Restaurant Group’s outpost in North Bethesda. Collins took over the kitchen at Owen’s Ordinary at the Pike & Rose complex in August. He recently rolled out a winter menu that brings on a suckling pig garnished with pomegranate and za’atar, seared Virginia scallops with Brussels sprouts and bacon lardons, and a rotating burger of the week. Before NRG (Bluejacket, Birch & Barley) sent Collins to its Maryland tavern, he cooked at Plume, helped open Radiator, and worked in kitchens in New York. The Southern Maryland native got his start working under Kinship chef Eric Ziebold at now-closed CityZen.

February 1, 2019

BLAGDEN ALLEY—Oaxacan restaurant Espita Mezcaleria is ready to share its star chef with the Big Apple. Robert Aikens, who was hired in summer 2017 from the Rainbow Room in Rockefeller Center, just announced plans to move back to New York City to help re-open Parisian bistro Pastis in the Meatpacking District with James Beard Award-winning restaurateur Stephen Starr:


Shakewell Restaurant, Oakland

As Chef Biesty of Shakewell Restaurant can tell you, Oakland is where it’s at.

S he studied at the Culinary Institute, she’s done Top Chef, she’s worked internationally from London (where she trained with Jamie Oliver) and New York’s Aquavit to New Orleans’ Sazerac. She was executive chef at San Francisco’s legendary Sir Francis Drake Hotel. So where will you find Jen Biesty these days? At Shakewell
Restaurant (www.shakewelloakland.com) in Oakland, of course. The stunning Spanish/Mediterranean restaurant, her first venture as an independent restaurateur, opened with longtime friend Tim Nugent in mid-2014.

As Biesty can tell you, Oakland is where it’s at. Having worked for years in San Francisco, upon deciding to open her own place, Oakland beckoned with its burgeoning foodie scene. “I had been in San Francisco since 1995,” she recalls, “and we looked at spots there, but were having a hard time finding the right size, the right location. The realtor said, ‘Hey, what do you think about Oakland?’”

It was an idea that hadn’t occurred to her: “I went into it slightly blind. I’d never spent much time here.” People she knew weren’t exactly gung-ho on the idea either. “We would talk to people to invest, and they’d say, ‘Oakland? Why would you not open in San Francisco? You’ve been there 20 years now.’ Well, this was the right place for it.”
For Biesty, having the right place is key. She points out the (already in place) wood-burning oven, the street location on a much-trafficked, popular avenue, the high ceilings. “So this was risky,” she notes, “but it was the right decision. We like being part of this new thing that’s been happening in Oakland.”

It’s a very different experience from her work at the Sir Frances Drake, where she was overseeing the preparations for over 1,000 covers a day. “We had a whole engineering department,” she laughs, “and if things went wrong you just called engineering.” By contrast, she now is the engineering department. “I worked for so many people who owned restaurants, and had to watch them clean the graffiti off the walls, plunge the toilet. I had 65 cooks to schedule, now I have 12.” She pauses, grinning. “Well, every once in a while.”

Jen Biesty and Tim Nugent

Her partner, Tim Nugent (who was executive pastry chef at the Sir Francis Drake and is himself an alum of Top Chef: Just Desserts), was a natural for the restaurant, deftly handling the front of house while Biesty oversees the cuisine. It’s a mutually helpful relationship that goes back years. As Biesty reminisces, Tim pops by to make sure everything’s okay, as if by magic sensing he’s about to be talked about: “My first chef job,” Jen says, “was at Universal Café in the Mission. It has like 18 booths. When I got hired, I needed to come up with a pas- try menu. I had met Tim, who was pastry chef at Rouge in Berkeley. I called Tim, and he faxed me over these recipes, then we spoke by phone, and he talked me through it. And that was our first major interaction.” She looks at Tim with the fondness of old friends, and states, with affection, “We connected by helping each other.”

Not only does Nugent handle the front of house (“Tim is such a great personality, he loves kissing babies,” laughs Jen), he also provides recipes for desserts. Biesty describes the process: “Holly (my sous chef) and I will be talking about what’s going to be on the menu next week, then Tim will come into the conversation. We’re always collaborating and talking, we’re a team. Which is really awesome. Holly worked with us at Scala’s (the restaurant in Sir Francis Drake), so we’ve all known each other a long time.”

Nugent’s contribution to the success of Shakewell can’t be underestimated, as the atmosphere is so important: five-star service meets amiable front of house, with a portion of amazing food thrown in for good measure. “We want to have really good friendly proper service,” notes Jen, “that service you get in a fine dining restaurant but without a stuffy feeling. Both of us have that same hospitality background. We want to be a little gem in the neighborhood.” The philosophy even extends to the bar, under the guidance of James Gatts. Biesty raves, “James is an amazing bartender, he’s charming and sweet. We’re a neighborhood restaurant and he has that charming charisma.”

Try a Croquetas de bacalao and
Chicken and almond albondigas small version
recipes at home. Clicca qui.

Still, all the friendliness wouldn’t mean much without Biesty’s amazing cuisine, and that’s the thing that’s been the key to the restaurant’s success. Her philosophy? “Use beautiful ingredients, pick a certain ingredient, find things that work really well with it, high- light, and show it in a simple, elegant, beautiful way. I tend to be more on the rus- tic side. Non esagerare. Keep it simple and highlight the ingredients.”

Stop in for dinner, and you’ll see exactly what she’s talking about. Try tapas from duck confit lettuce cups or turkey-zucchini albondigas with goat cheese to anchovy/ahi, pepper-stuffed olives, and falafel with chorizo. Splurge on a bomba, a mountain of rice with delights that might be a chicken/prawn combination, or squid and its ink accompanied by a carrot/jalapeño sofrito. End with a luscious flan adorned with lemon and fennel pollen, or dig into churros and their complementary bitter- sweet and spicy chocolate sauce.

Gaze around as you taste the sweetness that stops just shy of too sweet. With its high ceilings and urban/rustic décor of wood and stone, Shakewell just feels like the place you’d want to spend an evening (or the rest of your life): in Biesty’s words, “the right place.”

Best of all, Biesty’s creativity means an ever-changing array of delights. “It’s fun coming up with different tapas,” she asserts, “mingling different cultures’ cuisines and making small plates. We change it up: we always do a bacalao cro- quette, then we started a ham croquette. We do a deviled quail egg wrapped in Serrano ham (I never saw that when I was in Spain) fried anchovies, smelt, albacore. We even do a Mediterranean eggplant caviar with poppadom.”

It seems like a lifetime ago that she appeared on Top Chef with her then-girl- friend, and while her memories of those days are fond, it’s definitely something that’s in the past. “It took a little coaxing (or some drinks) to get me out of my shell,” she jokes. “After being on the show, I had to do a ton of interviews, I got invited to every gay pride party in town. Not only my career but my social life was through the roof. It opened up doors. I was perceived well, and left with my integrity.” She pauses and looks around at Shakewell, her current life. “We don’t talk about it a lot now. We don’t put it out there that much,” she concludes.

If there’s one thing that hasn’t changed, though, it’s the difficulty female chefs can face. Biesty recalls being at the Sir Francis Drake, where “even with a full 100% chefs jacket with my name on it, they’d say, where’s the chef? and look at the first tall guy.” Even now, she admits, “There’s still work to be done on that score. When we have a new delivery person or driver come in, they sometimes make that fatal mistake.” Things are improving, though: “Out here, in the Bay Area, we have a lot of female chefs.” It’s one of the things, in fact, that drew her back to the area after her time in the East and in Europe.

What Biesty has accomplished in a year and a half is nothing short of miraculous, with diners flooding through Shakewell’s doors for its unique mix of Spanish/Mediterranean cuisine, top-notch service, and stylishly simple décor. She’s recently gotten married to her girlfriend, and like a true Oaklander held the ceremony at the town’s stunning Morcom Amphitheatre of Roses. Still, this is not a chef, or a person, to let the good life go to her head. She’s still in the restaurant practically 24/7, and it’s unlikely that devotion will change. For Biesty, the secret of success is a hands-on involvement that a lesser chef might find daunting. “I work the line three nights a week. Lo adoro. I had a ball working the wood oven last night. I did a wine dinner the other night at a winery, and I was telling the chef I do the line three nights a week. He said ‘That’s crazy!’ But if I’m working the line, I can figure out a better, more efficient way of doing something and share that with the cooks. I can say, hey, I worked station last night, and I realized if we do this, this way, we can do it better.”

Will she ever relax and just let go? Lei sorride. “If I find another me, I can let go a little more.”


Discovering LGBTQ Medellin, Colombia

Medellin has sprung onto the world tourism map in recent years with a diversifying culinary and design scene, as well as new hotels and tours expanding their offerings like never before.

When Arizona native Sam Castañeda first visited Medellin in 2013, the South American city wasn’t exactly a gay vacation paradise. “There was nothing for gay travelers or gay foreigners,” he recalled. Nevertheless, Castañeda loved the city so much that he not only extended his stay, he moved there permanently. He also founded Out in Colombia, the nation’s first LGBTQ tour operator that’s focused on making the destination more accessible to foreign visitors.

Since his first visit, Castañeda said, Medellin has gotten even better. “Today there’s more social acceptance,” he explained. “People here are amazing, gay or straight. They’re so friendly. It’s a very welcoming and safe place, and a lot of fun.”

Medellin is much more than an increasingly gay-friendly hotspot for travelers from around the globe. Savvy travelers of every orientation know that Colombia’s second-largest city is no longer the “no-go” destination that drug lord Pablo Escobar called home. Medellin has sprung onto the world tourism map in recent years with a diversifying culinary and design scene, as well as new hotels and tours expanding their offerings like never before.

Out In Colombia Tour Guide Brian Schon
Photo: www.LatinFlyer.com

“We’re in style now,” said Julio Casadiego, general manager of Colombia Travel Operator, an affiliate of Viva Expeditions, which offers a variety of LGBTQ-friendly tours in Medellin and elsewhere in Colombia. He credited the Netflix series “Narcos,” which focused on the life of Escobar, for making the public more aware of Medellin, although he added it wasn’t always positive publicity. “The Netflix series put us on the map,” he said. “But we’re much more than a city of narcos. That series is bullshit.”

Today, so-called “narco tours” are still popular, and even regular city tours take in some sites affiliated with the drug kingpin who died during a shooting in 1993. But the city is moving on. The Monaco, an apartment building that Escobar owned and lived in, which still attracts tourists, is slated for demolition. And another Escobar-owned building, the Dallas,
has been reborn as an attractive hotel called the Viaggio.

There is still plenty of interest in Medellin’s difficult past, to be sure, but visitors are balancing that curiosity with decidedly forward-thinking activities like art and design tours that provide access to the city’s museums, galleries, and burgeoning fashion scene (you may be wearing clothes made or designed in Colombia right now, without knowing it). People are also savoring the creations of local chefs and spending the evenings enjoying the thriving LGBTQ nightlife. Medellin has blossomed into a multifaceted place to vacation, and there are many ways to enjoy it.

The climate here is also a big draw for travelers. Set scenically in the foothills of Andean mountains, Medellin is known as the city of eternal spring, thanks to its year-round good weather, with temperatures that average between 60 and 80 degrees. As the capital of the Antioquia province, Medellin is also a gateway for exploring the region’s picturesque mountains, valleys, coffee plantations, and flower farms. The city and the surrounding area are prime examples of Colombia’s growing allure as a tourism destination.


Dine Roundup: News on Ruth’s Hummus, City Club, Jay Ducote at the James Beard House and more

Ruth’s Recipes, the maker of Ruth’s Hummus, doubled its retail footprint in May, putting the Baton Rouge-made hummus in more than 80 stores in the region. The expansion came about via agreements with Associated Grocers and Associated Wholesale Grocers to put Ruth’s Hummus in stores from Lake Charles to Gulf Shores, Alabama, as well as 43 Rouses Supermarkets and five Breaux Mart Supermarkets.

The team behind Ruth’s Hummus is producing and packaging more than a ton of hummus a month, according to a press release.

“It’s so exciting to see our little family startup have such great success and growth over the past three years,” company founder and co-owner Kathy Broha said in the press release.

Chef Eric Brandt Returns to the City Club

The City Club of Baton Rouge has announced the return of Eric Brandt as executive chef of the high-profile club’s kitchen. He will replace chef Eric Arceneaux, who has left for a new opportunity in Georgia.

Brandt is a Baton Rouge native and graduate of The Culinary Institute of America. He trained under his father, the legendary Charles Brandt, at Chalet Brandt from 1984 to 2002.

Jay Ducote takes his talents to the Big Apple

Baton Rouge chef and Star della rete alimentare alum Jay Ducote will cook an LSU-themed tailgate dinner for 80 guests at the world-renowned James Beard House in New York City on July 21.

Ducote will cook a five-course dinner, inspired by some of the dishes he has cooked at tailgates. The dinner will also include appetizers paired with cocktails and wines featuring Ducote’s Blanc Du Bois from the Landry Vineyards, the Vending Machine Winery and Donner-Peltier Distillers.

Lit Pizza comes to Baton Rouge

Lit Pizza, a new fast-casual, wood-fired pizza eatery by the founders of Izzo’s Illegal Burrito, is coming to 3930 Burbank Drive in the Southgate shopping center this summer.

The restaurant will offer a “craft your own” experience, giving guests the opportunity to customize their pizzas. Prices start at $6 for a cheese pizza, and range to $8 for unlimited topping selections. Dough will be freshly spun, made daily and fired to create light, crispy thin crust pizza. Lit Pizza will also feature locally sourced proteins and vegetables, gluten-free dough and vegan cheese options.

Louisiana shrimp season to begin May 23

The Louisiana Wildlife and Fisheries Commission has set the statewide spring inshore shrimp season for May 23 at 6 a.m.

The commission disregarded data found by the Louisiana Department of Wildlife and Fisheries that indicated the shrimp season should start earlier in the Barataria, Timbalier, Terrebonne and Vermilion-Teche basins.


Culinary School vs. On-The-Job Training

As the landscape of the culinary industry shifts, those looking to break into the industry (and those responsible for hiring new talent) are reconsidering the proper path to take, weighing the pros and cons of culinary school against jumping into hands-on experience, L'investigatore di Filadelfia segnalato.

“I just think culinary school is antiquated,” said Philadelphia chef and restaurateur Marc Vetri, who learned to cook on the job. “They’re teaching things you can learn working. They have just not evolved with the restaurant world.”

Nonetheless, he now teaches a culinary class at the city’s Drexel University.

While culinary school offers the hope of fast-forwarding past years of chopping onions or working at a restaurant for free to gain experience, it comes at an ever-growing cost, l'inquirente segnalato. Certificates now start at about $12,000 at community college or a small private school. An associate’s degree runs $25,000 one at places like the Art Institute or the Restaurant School at Walnut Hill College in Philadelphia costs nearly twice that. A bachelor’s degree at Drexel costs more than $250,000.

A 2014 survey by researchers at Cornell and Ohio State universities found that kitchen workers with degrees earned just 8 percent more than those without. And the Bureau of Labor Statistics reported that chefs and head cooks earned a median income of $42,490, and cooks earned a median salary of $20,550 in 2012, l'inquirente segnalato.

“It’s not a very lucrative field. It’s not a medical school or business or engineering school where you can do a clear return on investment,” Jonathan Deutsch, director of Drexel’s hospitality program, told l'inquirente. “Culinary education has become a little fetishized by the whole Food Network, celebrity-chef thing. I can’t tell you how many people I talk to who have very good professional lives and say, ‘I wish I could quit everything and go to culinary school.'”

The number of people pursuing culinary certificates grew by 63 percent from 2006 to 2010, according to the Education News Career Index, and enrollment in bachelor’s programs nearly doubled.

“When I started, virtually everyone went the apprenticeship route,” said William Tillinghast, director of the International Culinary Institute at the Art Institute of Philadelphia. “There were four or five apprentices running around most restaurants and good country clubs there was a saucier, there was a pastry chef and a chef who would do the soups, sauces and stocks.”

Today, kitchens are smaller and chefs busier. “The chefs don’t have enough time to spend with the apprentices,” Tillinghast told l'inquirente.

Schools have picked up the slack with expanded offerings. At the Culinary Arts Institute at Montgomery County Community College, the curriculum includes more hands-on classes in a new 15,000-sq. ft. facility with four kitchens. There’s a new, student-run retail bakery and café, and a second restaurant is set to debut this month, l'inquirente segnalato. Francine Marz, the director, said enrollment has increased 50 percent since 2013, to 165 students.

Christina DeSilva, 21, who was recently named executive chef at Taproom on 19th in South Philadelphia, told l'inquirente her education at JNA was crucial, providing a connection with an alum for an externship at Stateside. After jobs there and at Morgan’s Pier, she felt ready to run her own kitchen. “It definitely gives you the foundation. You need to know the technique before you can start to be creative with it, and that’s what culinary school gives you.”

Culinary degrees aren’t always an indicator of success, though, l'inquirente segnalato.

Marcie Turney runs four restaurants in Midtown Village, and is preparing to hire for a fifth, Bud & Marilyn’s. “I’ll get someone who went to CIA, which is supposedly our best culinary school, and they can’t do three things at once. Everyone is different,” she said. (She herself attended the Restaurant School but never graduated she was too busy working as a chef to finish her final project.)

While some of Philadelphia’s young chefs are CIA alumni, there is an impressive list of young, successful, informally trained stars, l'inquirente segnalato.

Colin Mason, the 29-year-old executive chef at Sola in Bryn Mawr, got his education in the city’s top kitchens while working long hours for free. He took jobs where he could work with mentors. “For a while, I had a rule that I was only going to work at places that had three bells,” he told l'inquirente. “It was like going to culinary school and getting paid.”

Some chefs say they prefer to hire educated people, but not necessarily culinary-school graduates, l'inquirente segnalato.

Chip Roman, whose newest restaurant is the Treemont, said: “For a serious position, I like to see some kind of higher education, whether religion, philosophy, or engineering. Culinary is a plus.”

Others told The Inquirer that, given the current pace of restaurant openings, managers aren’t worried about education: Anyone with experience has a shot, especially since there’s a lot of competition among restaurants looking for cooks.


Whiteface Lodge Appoints New GM, Executive Chef and Spa Director

Shawn Goodway has joined the Forbes Four Star Whiteface Lodge as general manager, bringing nearly three decades of upscale hotel management experience. Goodway comes to the High Peaks from the Saratoga Hilton in Saratoga Springs, New York, where he began in 2008 as director of finance and was elevated to general manager in 2010. Prior to that, he was at Saratoga’s historic Gideon Putnam Resort & Spa for 20 years, serving as controller/IT manager and then general manager.

Also new to the all-suite resort are Executive Chef Brandon Schatko and Spa Director Mark Lumpkin. Schatko joins Whiteface Lodge’s premier restaurant Kanu and more casual Kanu Lounge from Top of the Pontch in Detroit, where he was named Best Chef 2016 by the Detroit Metro Times. Schatko was one of the Motor City’s youngest executive chefs at 21, having worked as executive banquet chef at the Twin Lakes Golf Club in Rochester, Michigan and executive chef at the Andiamo Detroit Riverfront in Detroit. He describes his cooking style as “a little bit country and a little bit rock and roll.”


Guarda il video: LEscale cabaret club - 16 mars 2019 (Settembre 2021).