Nuove ricette

10 cose che non sapevi sulla birra artigianale (diapositiva)

10 cose che non sapevi sulla birra artigianale (diapositiva)

Che tu sia un nuovo bevitore di birra o un esperto, siamo sicuri che imparerai qualcosa in più sulla birra artigianale qui

10 cose che non sapevi sulla birra artigianale

Per neofiti della birra, allontanarsi da classici comodi come Sam Adams e dilettarsi con birre artigianali con nomi che non hai mai sentito nominare può intimidire. C'è molto che distingue le birre artigianali dalle birre classiche.

Lo stile più popolare in America

India Pale Ale — uno stile di birra luppolato all'interno del birra chiara categoria, che viene prodotta con malti per lo più pale per un rapporto malto-luppolo più uguale - è la più stile popolare di birra artigianale tra i bevitori di birra artigianale americana.

Cosa c'è dentro?

I tre ingredienti principali in birra artigianale, oltre all'acqua, dovrebbero essere malto d'orzo, luppolo e lievito.

Luppolo preferito

Cascade è il favorito varietà di luppolo tra i birrai artigianali.

Il peggior bicchiere per la degustazione di birra

Cos'è un birraio artigianale?

Un birraio artigianale americano è definito come un piccolo, indipendente e tradizionale produttore di birra. I birrifici artigianali sono di piccole dimensioni, indipendenti nella proprietà e tradizionali nella produzione di ingredienti e metodi di fermentazione.

Famosi birrai fatti in casa

I presidenti George Washington, Thomas Jefferson, James Madison e Barack Obama hanno tutto birra fatta nelle loro case mentre prestavano servizio in ufficio.

È buono per te

Thinkstock

La birra fa bene alle ossa! Contiene alti livelli di silicio, una sostanza che promuove ossa forti.

Numero di birrifici artigianali

Stati con la maggior parte dei birrifici artigianali

California, Washington, Colorado e Oregon hanno più birrifici artigianali rispetto a qualsiasi altro stato.

Secondo produttore di luppolo


10 cose che (probabilmente) non sapevi su Tunnock's

Ci sono molte cose essenziali che la maggior parte delle persone in Scozia (e altrove) probabilmente aggiungerà alla loro lista di cose di cui avrebbero bisogno per sopravvivere su un'isola deserta, ma supponiamo che più di alcune avrebbero scritto Tunnock's Teacakes o Caramel Wafers giù tra i primi 5.

Poche cose hanno reso la visita di un parente anziano migliore dell'offerta obbligatoria di una qualche forma di Tonnock's prelibatezze, che si tratti della lussuosa Teacake, del delizioso Wafer o nella strana occasione della Snowball leggermente esotica.

In effetti, la maggior parte degli scozzesi avrebbe probabilmente "fatto un tour della fabbrica di Tunnock" nella loro lista di "cose ​​scozzesi da fare prima di morire".

È l'unico rompighiaccio garantito per riunire tutti gli scozzesi in una stanza: "Qual è il tuo Tunnock preferito: il Teacake, il Caramel Wafer, il Caramel Log o la Snowball?"

Iconico quasi quanto l'Irn Bru, il salmone affumicato, l'haggis o il whisky, ecco 10 cose che (probabilmente) non sapevi su una delle migliori aziende dolciarie scozzesi:

1. L'azienda è stata costituita da Thomas Tunnock come Tunnock's nel 1890, quando ha acquistato una panetteria a Lorne Place, Uddingston.

Thomas Tunnock con suo figlio Archie. Immagine: TSPL

L'azienda è cresciuta da questi umili inizi in un'azienda di panificazione privata di successo prima di arricchirsi con la sua linea di dolciumi.

In una recente intervista con il Telegraph, Boyd Tunnock, il nipote di Thomas ha dichiarato: "Tra le due guerre, mio ​​padre [Archie] era il più grande ristoratore privato nell'area di Glasgow. Ho tutti i suoi diari dal 1933 al 1942 - li portiamo a mostre e qualcuno dirà: 'Tuo padre ha celebrato il matrimonio di mia nonna', quindi lo cercheremo ed eccolo qua".

Acquistato originariamente per soli £ 80, l'azienda ora produce 80 tonnellate di caramello ogni settimana - 1,5 tonnellate all'ora.

Il caramello viene versato dal calderone ribollente. Immagine: TSPL

Acquistano circa 25 tonnellate di cocco al mese e circa 15 tonnellate di burro di cacao ogni settimana.

Con questi ingredienti producono tra i dieci ei 12 milioni di biscotti e torte ogni settimana, di cui circa 5 milioni di wafer (riferiti sulla confezione dei wafer) e 3 milioni di torte da tè.

2. Tunnock's vende in più di 40 paesi ed è estremamente popolare in Medio Oriente

Il ragazzo di Tunnock. Immagine: Wikimedia

L'azienda di biscotti con sede a Uddingston spedisce in più di 40 paesi in tutto il mondo ed è molto popolare in Medio Oriente, con Iraq e Kuwait, che rappresentano circa il 20% delle sue esportazioni totali.

Il panettiere di famiglia ha recentemente rivelato che lo Yemen ha ricevuto 300.000 wafer al caramello solo negli ultimi 12 mesi.

I wafer al caramello sono anche un grande successo in Kuwait, dove sono conosciuti come "biscotti da ragazzo" dopo il volto del ragazzo di Tunnock (che non è mai stato nominato) sulla scatola.

I primi prodotti esportati dall'azienda sono stati i tronchi di caramello a Terranova, in Canada, nel 1957, mentre Trinidad ama i wafer al caramello e le creme di wafer e si dice che anche le Isole Faroe mangino circa 125.000 wafer al caramello all'anno.

Tutto questo successo e l'azienda ha ancora un solo responsabile delle vendite per l'esportazione e apparentemente non viaggia all'estero.

3. Boyd Tunnock, inventore del Teacake, ha un taccuino di Tunnock molto speciale

Boyd Tunnock con il personale della linea di produzione di wafer al caramello. Immagine: TSPL

Boyd Tunnock, l'inventore del Teacake, porta un taccuino molto speciale in cui ha annotato tutto ciò che ha bisogno di sapere sull'azienda di famiglia. Il contenuto del taccuino, che comprende tutti gli ultimi dati di vendita e le statistiche aziendali, contiene anche le ricette per le sue creazioni d'autore e le idee per le ricette future.

A quanto pare, tiene anche un piccolo cerchio nel taccuino, disegnato sulla copertina interna, con cui misura le basi di biscotti cotte per i Teacakes per assicurarsi che siano della giusta dimensione.

4. Il gigante Tunnock's Teacakes della cerimonia di apertura dei giochi del Commonwealth è stato messo all'asta

I ballerini di Tunnock alla cerimonia di apertura dei Giochi del Commonwealth. Immagine: TSPL

Esatto, avresti potuto acquistare e possedere uno di questi fantastici cimeli. Avremmo voluto, solo così avremmo potuto essere fighi come il ragazzo in basso a destra.

I giganteschi Teacakes sono stati venduti come ricordi esclusivi in ​​edizione limitata e sono stati persino completi di ologramma e lettera di autenticità.

Tunnock's è stato un tale successo alla cerimonia di apertura che Waitrose ha rivelato che nelle settimane successive le vendite delle performance dei Tunnock's Tea Cakes sono aumentate del 62%!

In effetti, la società ha anche riferito quest'anno di aver fatto un enorme Aumento di 15 milioni di torte da tè vendute dai Giochi del Commonwealth di Glasgow 2014.

5. I Tunnock sono apparsi sulle magliette, sono stati l'ispirazione per le torte nuziali e hanno persino miniaturizzato alcuni dei loro prodotti per le case delle bambole

La collezione di abbigliamento dell'azienda Tea Cake comprende t-shirt, maglioni con cappuccio e berretti.

La T(ea) Shirt di Tunnock con il logo in wafer al caramello. Immagine: Tunnock's

Hanno anche venduto gemelli con loghi di wafer al caramello e un cubo di Rubik di Tunnock.

I prodotti di Tunnock sono stati persino miniaturizzato e venduti come mobili per la casa delle bambole.

La creatrice di bambole Sheena Hinks tiene in mano le sue torte da tè in miniatura e le creazioni Irn Bru. Immagine: TSPL

Sono persino serviti come ispirazione per una torta nuziale, con Mathew Watt, 37 anni, e la moglie Siobhan, 34 anni, che vanno un po' oltre la coppia media con il loro amore per il Teacake.

La coppia ha speso £ 395 per questa torta nuziale in spugna di cioccolato di grandi dimensioni, ricoperta di glassa rossa e argento per ricreare il famoso involucro.

La torta nuziale a tema Tunnock. Immagine: TSPL

Il signor Watt, un designer d'interni, ha detto allo scozzese: "Quel giorno, la torta ha ricevuto più attenzione di noi, ma non è stata una brutta cosa. Ne siamo rimasti molto contenti".

E non sono gli unici a condividere il loro amore per Tunnock's nel giorno del loro matrimonio, si dice che il Primo Ministro, Nicola Sturgeon, abbia commissionato a Tunnock's la realizzazione della sua torta nuziale.

6. C'è stata una mostra d'arte dedicata all'azienda

Mostra di Tunnocks al Glasgow Print Studio. L'assistente Olivia Bliss sposta le opere d'arte. Immagine: Robert Perry

Nel 2010, il Glasgow Print Studio ha tenuto una mostra d'arte, Tunnocked, in cui gli artisti hanno onorato l'umile Teacake così come i suoi cugini, il Caramel Wafer e lo Snowball.

Tra le 40 diverse opere d'arte ispirate ai deliziosi prodotti creati da Tunnock's, c'era una Caramel Wafer che era stata collocata dietro un vetro per le emergenze, tanto era essenziale per l'artista Harry Magee.

7. I prodotti Tunnock hanno molti fan famosi, tra cui diverse pop star famose in tutto il mondo

Chris Martin, il cantante dei Coldplay, ha detto delle sue prelibatezze preferite: "Non puoi scegliere tra Caramel Wafer e Tea Cake: sono come Lennon e McCartney, non puoi separarli".

Mentre Howard Donald, famoso per i Take That, è stato felice dopo che i fan di Manchester gli hanno comprato una torta di compleanno di Tunnock's Teacake che gli è stata presentata sul palco di Glasgow.

La cantante Amy MacDonald ha persino suggerito che le sarebbe piaciuto essere una delle ballerine all'interno di un gigantesco Tunnock's alla cerimonia di apertura dei Giochi del Commonwealth.

8. Alex Salmond una volta salutò il magnate dei media australiano Rupert Murdoch con un Tunnock's Caramel Wafer e una tazza di tè

Il Primo Ministro ammira un Tunnock's Teacake per un servizio fotografico presso la fabbrica di Uddingston. Immagine: Phil Wilkinson

Sembra che Alex Salmond abbia offerto un wafer al caramello e una tazza di tè a Rupert Murdoch mentre intratteneva il capo di News International a Bute House.

Alex Salmond ha rassicurato gli MSP durante i successivi FMQ quando è stato interrogato sulla visita, che non c'erano cose fantasiose coinvolte. “Non c'erano ostriche. Tutto quello che ottieni a Bute House è una tazza di tè e un wafer al caramello Tunnock.”

Siamo sicuri che MrMurdoch sia stato più che felice di accettare l'offerta!

9. Una volta i Tunnock hanno sfidato il fisco per la classificazione delle loro palle di neve e hanno vinto!

Gli operai confezionano i Teacakes nella fabbrica di Tunnock.
Immagine: Robert Perry

Tunnock's, ha fatto squadra con il rivale Lee's, per impugnare una sentenza che li vedeva pagare le tasse sulle loro palle di neve, inserendole nella “confetteria a norma”, che le classificava come biscotto.

I giudici Anne Scott e Peter Sheppard, del First-Tier Tax Tribunal, hanno testato un piatto di prelibatezze tra cui torte Jaffa, torte Bakewell e meringhe - tutte classificate come torte ai fini fiscali - mentre prendevano la loro decisione.

La Scott ha poi detto: “Una palla di neve sembra una torta. Non è fuori luogo su un piatto pieno di torte. Una palla di neve ha la sensazione in bocca di una torta". Ha aggiunto: "Anche se in nessun modo tutti considerano una palla di neve come una torta, scopriamo che questi fatti indicano che una palla di neve ha caratteristiche sufficienti per essere caratterizzata come una torta. Per tutti questi motivi, i ricorsi hanno esito positivo”.

Tunnock ha ricevuto uno sconto di poco più di £ 800k dopo che entrambe le società hanno vinto i loro ricorsi.

10. L'azienda ha così tanto successo che Boyd Tunnock è ora nella ricca lista del Sunday Times

Con un patrimonio netto di 75 milioni di sterline - il minimo necessario per ottenere il taglio in Scozia - Boyd Tunnock è ora nella lista dei ricchi del Sunday Times.

11. Anche gli scoiattoli a quanto pare adorano i Teacakes di Tunnock

Uno scoiattolo si gode un Tunnock's Teacake preso da un bidone nel parco Kelvingrove di Glasgow. Immagine: Mike McGurk

Questo sfacciato chappy è stato avvistato un pomeriggio mentre si godeva una torta al tè nel parco di Kelvingrove.


9 cose che non sapevi sulla birra

Soddisfa la tua sete di conoscenza con questi impressionanti fatti alcolici.

1. La Casa Bianca produce la propria birra.

Secondo il blog ufficiale della Casa Bianca, il presidente Obama è il primo presidente ad aver mai prodotto birra nei terreni della Casa Bianca. Dai un'occhiata alle ricette per The White House Honey Porter e White House Honey Ale, che includono il miele degli alveari coltivati ​​anche alla Casa Bianca.

2. La più antica ricetta conosciuta per la birra ha più di 4.000 anni.

Questa tavoletta di argilla, che risale al 3100-3000 aC in Mesopotamia, mostra l'assegnazione della birra, secondo il British Museum. Il simbolo della birra è "un barattolo verticale con base appuntita", che puoi individuare tre volte nell'immagine sopra.

In altre notizie strabilianti, i lavoratori delle piramidi egiziane sono stati pagati con la birra, secondo la rivista Smithsonian. I lavoratori ricevevano da quattro a cinque litri al giorno, secondo l'archeologo Dr. Patrick McGovern, che ha aggiunto che "avresti avuto una ribellione tra le mani se fossero finiti. Le piramidi potrebbero non essere state costruite se non ci fosse stato abbastanza birra."


3. Una volta si credeva che Aquavit avesse poteri curativi

Aquavit deriva dal latino aqua vitae, che significa "acqua della vita". Il nome deriva dai primi distillatori che credevano che gli alcolici fossero un liquido curativo, e la convenzione è condivisa da altri liquori, come la parola whisky che deriva dal gaelico uisce beatha o brandy che viene indicato come eau-de-vie.

Si diceva che l'alcol, specialmente con le erbe infuse, aiutasse a scongiurare le malattie e la vecchiaia, e sembra che fosse comunemente usato come medicina durante il periodo della Morte Nera. Oggi, l'acquavite è ancora spesso utilizzata per aiutare a digerire cibi ricchi.


Una singola ape produce un misero dodicesimo di un cucchiaino di miele al giorno. Poiché la maggior parte degli idromele richiede fino a due galloni di roba dolce, ogni goccia è preziosa. Il miele utilizzato determina il sapore generale dell'idromele e può variare in base alla dieta particolare di nettare e polline di un'ape. L'idromele tradizionale utilizza spesso un miele delicato come quello di fiori d'arancio, di trifoglio o di acacia, ma i mieli di fiori di campo, di mora e di grano saraceno producono ottimi risultati con gli idromele più robusti e speziati.


Come funziona un birrificio artigianale tedesco intorno alla legge tedesca sulla purezza della birra

"C'è una birra che avevo intenzione di provare che è stata prodotta con pizza e soldi." Sono abbastanza sicuro che il momento in cui quelle parole sono uscite dalla mia bocca è stato il momento in cui il tedesco con cui stavo chiacchierando ha perso ogni rispetto per me. &ldquoPerché voi pazzi americani dovreste bere una birra del genere?&rdquo chiese con uno sguardo di disgusto e orrore. The Big Ass Money Stout , che presenta purè di pizza surgelata e grosse pile di contanti, è il frutto di un'idea di Evil Twin Brewing - un birrificio originario della Danimarca e che attualmente produce le sue birre a New York - e Lervig Aktiebryggeri, un birrificio in Norvegia. È solo uno dei tanti esempi di birrifici in tutto il mondo che utilizzano ingredienti particolari per invogliare i bevitori di birra.

Il movimento mondiale della birra artigianale, guidato dagli Stati Uniti, è in crescita da anni. Secondo la Brewers Association, il numero di birrifici artigianali negli Stati Uniti è esploso da 1.511 birrifici nel 2007 a 6.372 nel 2017. E paesi come la Danimarca, il Giappone e persino l'Italia hanno saturato i mercati della birra artigianale. Poiché la quantità di scelte di birra è aumentata, è aumentato anche il numero di acrobazie che i birrai fanno per aiutarli a distinguersi.

Tra alcune delle birre sperimentali più selvagge ci sono la Dogfish Head's Beer for Breakfast Stout, prodotta con scarti di maiale Wynkoop Brewing Company's Rocky Mountain Oyster Stout, che viene prodotta con testicoli di toro e Rogue Ale's The Beard Beer, il cui ingrediente speciale è il lievito coltivato nella barba del mastro birraio dell'azienda. La lista potrebbe continuare all'infinito.

Ma mentre i birrai negli Stati Uniti possono giocare con ingredienti stravaganti, i birrai in Germania, un paese che adora la birra, si limitano a quattro ingredienti di base. La legge tedesca sulla purezza della birra, o Reinheitsgebot, è in vigore dal 1516 e limita gli ingredienti utilizzati per la produzione della birra ad acqua, orzo (o malto) e luppolo. Il lievito è il quarto ingrediente consentito, ma non è elencato nella legge originale perché il ruolo del lievito nel processo di fermentazione non era ancora stato scoperto al momento della stesura.

Foto per gentile concessione di Kae Lani

Il decreto aveva tre scopi: proteggere i bevitori di birra dai prezzi elevati, vietare l'uso del grano per garantire la disponibilità e l'accessibilità del pane e, soprattutto, impedire ai birrai di utilizzare ingredienti dubbi e talvolta tossici.

Prima dell'approvazione della legge sulla purezza, i birrai tedeschi medievali usavano trucioli di legno, fuliggine, mela spinosa, radici velenose, belladonna e altri ingredienti per esaltare i sapori, gli aromi e gli effetti inebrianti delle loro birre. Ma se il birraio non avesse dosato correttamente gli ingredienti, avrebbe potuto significare una malattia grave o la morte per la povera anima che ha bevuto la birra contaminata.

La tradizione tedesca di 500 anni non riguarda più la sicurezza, ma lo scopo principale è garantire la qualità per ogni birra prodotta in un paese orgoglioso della propria cultura della birra. Quindi non sorprende che secoli dopo la stesura della legge, i tedeschi siano sconvolti dall'idea che la pizza e il denaro si avvicinino al processo di produzione della birra.

Foto per gentile concessione di Kae Lani

Sfortunatamente, per gli appassionati di birra artigianale, ciò significa niente birre agli agrumi, niente birre speziate e soprattutto niente facchini di cioccolato in Germania, giusto? Non proprio.

Ci sono birrai ribelli che non rispettano la regola e usano cose come cioccolato, scorza d'arancia e zucchero (ingredienti addomesticati rispetto a quelli con cui stanno giocando gli altri birrai di tutto il mondo), ma possono commercializzare questi prodotti come birra. Invece, devono chiamarli con il nome dello stile specifico (IPA o stout, per esempio) e commercializzarli come Biermischgetränke, &ldquobevande miste alla birra.&rdquo Still, secondo Il guardiano , l'85% dei tedeschi ha ancora fiducia nella legge tedesca sulla purezza della birra e insiste sul fatto che qualsiasi birra con più di orzo, luppolo, acqua e lievito semplicemente non è birra.

La maggior parte dei birrai tedeschi sono tradizionalisti che rispettano ancora la regola e credono che con 100 varietà di luppolo, 40 tipi di orzo e malto e 200 ceppi di lievito, ci sia molto spazio per l'innovazione. Maisel &amp Friends , un birrificio artigianale a Bayreuth è tra i tradizionalisti che esplorano i confini della Legge della Purezza e cercano di dimostrare che le possibilità sono illimitate.

Quando il birrificio Maisel iniziò nel 1887, divenne rapidamente noto per aver preso il tradizionale stile di produzione della birra della Franconia e averlo sposato con l'innovazione. Ogni volta che veniva introdotta una nuova tecnologia – come i motori a vapore e le macchine per l'imbottigliamento semiautomatiche – il birrificio Maisel si adattava, permettendogli di farsi conoscere in tutta la regione della Franconia per qualità e costanza, soprattutto quando si trattava del suo Maisel Weiss, un classico Hefeweizen.

Foto per gentile concessione di Kae Lani

Maisel &amp Friends è un sottoprodotto di quello spirito pionieristico. Il marchio sperimentale di birra artigianale, che è una propaggine del birrificio Maisel, è iniziato nel 2015 e si è rapidamente messo al lavoro giocando con la nuova tecnologia di produzione della birra e una varietà di ingredienti locali. Maisel &amp Friends ha ottenuto alcuni sapori piuttosto audaci e complessi, molti dei quali penseresti fossero possibili secondo la legge tedesca sulla purezza della birra.

La maggior parte dei segreti del birrificio risiede negli ingredienti locali accuratamente selezionati. Gli abili birrai hanno speso molto del loro tempo e della loro esperienza alla ricerca del giusto orzo (o malto), luppolo e ceppi di lievito. Il Choco Porter, ad esempio, ha il sapore di cioccolato fondente con sentori di caffè espresso e caramello dolce, al punto da giurare che hanno usato quegli ingredienti nel processo di produzione. Ma quei sapori sono dovuti a una selezione di malti tostati scuri, che consentono a Maisel &amp Friends di ottenere un sapore robusto pur aderendo alla legge tedesca sulla purezza della birra.

Insieme alla Choco Porter, la linea inventiva di birre Maisel &amp Friends include la Citrilla, un ibrido agrumato di una Weissbeir bavarese e una IPA americana, oltre a una birra bavarese speciale che ha note di spezie asiatiche. Tutte queste birre creative possono essere degustate al Maisel &amp Friends&rsquo brewpub, Liebesbier.

Foto per gentile concessione di Kae Lani

Un viaggio a Maisel &amp Friends a Bayreuth è un'esperienza di birra stravagante e coinvolgente. Oltre a un birrificio che piega la realtà della legge tedesca sulla purezza della birra, la struttura ospita anche il Museo della birra di Maisel.

Il museo è un labirinto in stile Willy Wonka che conduce i visitatori attraverso le stanze delle attrezzature dismesse del birrificio conservate così bene che sembra che i birrai siano appena usciti per la giornata. I bollitori in rame e i vecchi indicatori di temperatura sembrano essere stati presi dal set di un film di Wes Anderson.

Il museo ospita anche una collezione da record di cimeli della birra, che comprende più di 5.500 boccali e bicchieri di birra, oltre a più di 400 rare insegne di birra in latta. È uno spettacolo di birra educativo e illuminante per principianti ed esperti.

Kae Lani Palmisano è l'ospite vincitore di un Emmy Award di WHYY's Check, Please! Philly, uno show televisivo che mette in evidenza la ristorazione in tutta la regione di Filadelfia. Scrive e conduce anche WHYY's Delishtory, una serie digitale che esplora la storia del cibo. Come scrittrice freelance di cibo e viaggi, è stata pubblicata su KitchenAid Stories, Resy, USA TODAY, 10Best, Roads & Kingdoms e altro ancora.

Leggi di più su Kae Lani Palmisano qui.

Connettiti con Kae Lani Palmisano tramite: Blog | Facebook | Instagram | Twitter


Le 10 migliori ricette di birra fatta in casa

Per fare in casa un'ottima birra, che sia all-grain o estratto, è necessaria prima di tutto la comprensione del processo e la padronanza della tecnica di birrificazione. Questo non vuol dire che ricette creative ed equilibrate con tutti gli ingredienti giusti non aiutino il prodotto finale. Abbiamo setacciato libri sulla birra, ascoltato podcast sulla birra e parlato con i mastri birrai per trovare dieci delle migliori ricette fatte in casa, che rappresentano una vasta gamma di stili di birra. Le ricette che abbiamo trovato provengono da alcuni dei migliori birrai professionisti del paese e da homebrewer assurdamente dedicati. Saluti!

Definizioni:

Dimensione del lotto: La quantità di birra presente alla fine del lotto.

Gravità originale (OG): La quantità di zuccheri presenti nel mosto prima che il lievito venga lanciato

Gravità finale (FG): La quantità di zuccheri residui presenti nella birra dopo la fermentazione

Amarezza: Misurato in International Bittering Units (IBU), più alto è il numero, più amaro ci si può aspettare

Colore: La misurazione di riferimento standard (SRM) riflette i gradi Lovibond che vanno da 3,5 per una tonalità pilsner a oltre 25 per una stout quasi opaca.

Luppolo: Diversi ceppi di luppolo forniscono sapori diversi e conferiscono diversi livelli di amarezza. La percentuale indicata indica il livello di amarezza per quel ceppo. Il numero di minuti indicato nella ricetta indica per quanto tempo ogni aggiunta deve essere bollita. Quindi un'aggiunta di luppolo di 60 minuti dovrebbe essere aggiunta all'inizio dell'ebollizione e un'aggiunta di luppolo di 5 minuti dovrebbe essere aggiunta 5 minuti prima che la fiamma si spenga e inizi il raffreddamento. Le aggiunte di luppolo secco vengono aggiunte dopo che la fermentazione è stata completata.

Suggerimenti e trucchi

Scopri il tuo tasso di evaporazione: Fai bollire una quantità fissa di acqua come test per scoprire quanta acqua perde il tuo sistema per evaporazione durante l'ebollizione (può variare da produttore a produttore con variabili come le dimensioni del bollitore e la potenza del bruciatore). Questo ti dirà di quanto mosto hai bisogno per raggiungere la dimensione del lotto target. Ad esempio, se riempi il bollitore con 4 galloni d'acqua e lo fai bollire per mezz'ora e scopri che ti rimangono 3,5 galloni d'acqua, allora sai che stai bollendo mezzo gallone ogni 30 minuti. Un tipico lotto da 5 galloni con un'ebollizione di 60 minuti richiederà di iniziare con 6 galloni di mosto.

Regolazione della gravità di una birra: Se le tue letture di gravità non sono ciò che stai prendendo di mira, puoi aggiungere estratto di malto secco per aumentare la gravità o aggiungere acqua per abbassare la gravità. Assicurati solo che le regolazioni dell'estratto di malto secco vengano aggiunte all'inizio dell'ebollizione.

Regolazione dell'amaro di una birra: I livelli di amarezza (acidi alfa o (%AA) del luppolo variano da raccolto a raccolto, ma puoi apportare alcune rapide modifiche per assicurarti che il tuo amaro rimanga coerente. Basta inserire i numeri in un programma software per la produzione di birra o in uno strumento online gratuito come calcolo della birra per calcolare la quantità di luppolo da aggiungere a una birra per raggiungere il livello di amaro desiderato di una ricetta.

Quantità di lievito: Mettere la giusta quantità di lievito è estremamente importante per qualsiasi ricetta. Consigliamo vivamente di utilizzare il calcolatore del tasso di lancio di Mr. Malty per determinare la quantità di lievito necessaria per qualsiasi ricetta di birra. La calcolatrice è uno strumento online gratuito ed è disponibile anche come app per iPhone a pagamento.


15 cose che non sapevi su Chipotle

Come puoi aver mangiato così tante volte al Chipotle e avere ancora così tanto da imparare sulla famosa grigliata messicana? Ad esempio, sapevi che esiste un esclusivo programma di premi per i clienti per cui le persone impazziscono o che un famoso cantautore fornisce alla catena 30.000 libbre di avocado ogni anno?

Se sei un vero fan del più grande mulino per burrito sulla Terra, continua a leggere in modo da poter lasciare un po' di conoscenza ai tuoi amici la prossima volta che vai. Certo, niente può sostituire il tuo ristorante messicano locale. E mentre gli annunci di Chipotle sono stati criticati per aver aggirato alcuni dettagli, la catena sembra fare uno sforzo verso la qualità e la sostenibilità. Forse non è una sorpresa quindi che il loro cibo delizioso susciti un fandom ossessivo, ma è un po' più scioccante che così poche persone lo sappiano.

1. Esiste una "moneta burrito" speciale.

Questi sono piuttosto rari, ma fin dal 1999 Chipotle ha assegnato monete burrito gratuite ai clienti fedeli. Il design è cambiato nel corso degli anni ed è possibile acquistare alcune versioni diverse su eBay. Chipotle ha confermato che le monete sono purtroppo valide solo per un burrito.

2. Ogni giorno vengono utilizzati 100.000 avocado nel loro guacamole. Ecco la ricetta segreta, secondo un ex dipendente.

Potrebbe essere necessario ridimensionarlo, a meno che tu non stia creando un lotto enorme. Ma quando mai hai mangiato troppo guacamole?

Avocado (48 dimensioni normali)
Cipolle rosse (2 1/2 tazze a dadini)
Coriandolo (2 1/2 tazze di fiocchi da 1/4 di pollice)
Jalapenos (1 tazza a dadini)
Succo di lime (Succo di agrumi, 1/2 tazza ((PRIMO PRIMA DI METTERE!)))
Sale (3 cucchiai)

A volte ha bisogno di un altro 1/2 cucchiaio di sale, di solito ne metto meno coriandolo nel mio. Lavoro a Chipotle.

Mentre questo è tecnicamente progettato per una catena che passa attraverso 97.000 libbre di avocado ogni giorno, un sito Web di fan di Chipotle ha una ricetta per una porzione più piccola.

3. Jason Mraz fornisce avocado a Chipotle.

Il cantautore Jason Mraz gestisce una fattoria di avocado fuori San Diego che produce 30.000 libbre di frutta ogni anno. La maggior parte di questi avocado va a un Chipotle locale, ma Mraz dice che di solito ne mangia da due a quattro ogni giorno.

4. In realtà non c'è un menu segreto, anche se i dipendenti ti prepareranno gentilmente un "quesarrito" se la linea è breve.

Il "menu segreto" che tutti conoscono non è reale. Detto questo, i dipendenti sono tenuti a preparare qualsiasi cosa ordini dai loro ingredienti, quindi puoi tecnicamente ordinare articoli come i nachos o il famoso "quesarrito". Ecco come un ex dipendente ha spiegato quel colosso del cibo.

"Non abbiamo davvero un menu segreto, ma l'elemento più popolare (non così segreto) è il quesarrito: fare una quesadilla e poi riaprirla per fare un burrito. Per favore, per l'amore di Spongebob, non ordinarlo se c'è una lunga fila. Il tuo burrito si brucerà e non avrà un sapore molto buono. Puoi anche ordinare quesadillas semplici o di carne."

5. Chipotle potrebbe entrare nel business della pizza.

Chipotle ha recentemente annunciato di essere un partner di investimento in Pizzeria Locale, un'impresa di pizza in crescita in Colorado. Chipotle era stato tranquillamente collaborato con l'azienda prima di diventare pubblico.

Per soli $ 6,50 e pochi minuti di attesa, puoi ottenere un'intera pizza da 11 pollici. Pizzeria Locale ha in programma di espandersi, ma sfortunatamente per ora sembra che rimarranno nello Stato del Centenario. Coloradan ottengono tutto.

6. Un cliente su una sedia a rotelle ha citato con successo l'azienda, sostenendo che il loro alto bancone degli ordini gli ha negato di vedere "l'esperienza di Chipotle".

Maurizio Antoninetti e il suo avvocato, Amy Vandeveld, hanno portato Chipotle in tribunale, accusando l'azienda di non aver accolto i clienti in sedia a rotelle. Al momento della causa, la politica di Chipotle era di offrire campioni e sollevare i contenitori di cibo sopra il bancone per mostrare i clienti in sedia a rotelle, ma Antoninetti voleva che abbassassero il loro bancone di ordinazione alto 44 pollici. Alla fine Antoninetti ha vinto la causa.

7. Chipotle attualmente serve solo la colazione in due località, ma alcuni si chiedono se amplieranno la loro attività di caffè.

Gli aeroporti di Baltimora-Washington International e Dulles hanno la fortuna di avere ristoranti Chipotle che servono durante l'orario della colazione. La posizione BWI ha anche il proprio menu per la colazione, che include frittate.

Chipotle ha anche iniziato a servire il caffè La Colombe di Filadelfia in alcune località di Washington D.C. alla fine del 2013, scatenando la speculazione che avrebbero potuto testarlo per una crescita futura. Un rappresentante di Chipotle ha detto a HuffPost che non hanno intenzione di farlo.

8. La parola "chipotle" deriva dalla parola náhuatl, "chilpoctli" e significa "peperoncino affumicato".

Il Náhuatl era la lingua degli Aztechi e arrivò a dominare la regione del Messico centrale fin dal VII secolo d.C. La parola Náhuatl per un tipo di peperoncino affumicato finì per diventare la parola per il peperoncino messicano che conosciamo e amiamo oggi.

9. Esiste un esclusivo programma di premi per i clienti chiamato "Farm Team".

The Farm Team è un programma di premi per i clienti con un focus educativo sull'agricoltura industriale e altri aspetti dell'industria alimentare. I partecipanti al programma possono vincere cibo gratuito, magliette e potenzialmente anche ordini di catering da $ 200. Sfortunatamente, l'adesione al programma richiede un codice di invito, che non è facile da trovare.

Apparentemente puoi ottenerne uno se convinci un manager locale di Chipotle ad aiutarti (sii gentile!) O puoi tentare la fortuna acquistandone uno su eBay. Qualcuno ha acquistato un codice di invito per $ 45 nel 2013.

10. I camion delle consegne di Chipotle hanno un cartello per prevenire i ladri affamati che dice: "I conducenti non trasportano burritos".

Sebbene non siamo stati in grado di trovare una dichiarazione ufficiale che imponga questa etichetta, è possibile trovare molte foto simili caricate su account Twitter e Instagram, a dimostrazione che questa non è solo un'immagine Photoshoppata.

11. Russell Wilson dei Seattle Seahawks ha ricevuto burritos gratis per un anno.

Russell Wilson è il 25enne quarterback titolare dei Seattle Seahawks diretti al Super Bowl. Wilson è anche la persona più fortunata del pianeta, perché gli è stata regalata una carta personalizzata da Chipotle che gli regala un anno intero di burritos gratis.

Il quarterback sembra godersi il suo regalo finora.

Quindi @ChipotleTweets sta battendo un 1000 nel mio libro della cena!

&mdash Russell Wilson (@DangeRussWilson) 22 ottobre 2013

12. Chipotle sta sperimentando il servizio di birra artigianale.

La birra del 5 Rabbit Brewery ha iniziato ad entrare nei ristoranti Chipotle di Chicago nel 2012, con l'offerta di una birra dorata e scura. La partnership è ancora in corso: lo scorso autunno, il birrificio con sede a Chicago ha creato una "Farmhouse Ale" solo per Chipotle.

13. Ad Halloween, i burritos diventano ufficialmente "booritos".

Chipotle possiede anche l'URL "boorito.com".

Sebbene offrissero booritos gratuiti ad Halloween per i clienti che si vestivano di carta stagnola, ora li offrono per $ 3, con proventi fino a $ 1.000.000 destinati alla loro Chipotle Cultivate Foundation. La fondazione è un'organizzazione no-profit volta a promuovere pratiche alimentari sostenibili.

14. Il fondatore ha originariamente avviato Chipotle solo per fare abbastanza soldi per aprire un ristorante raffinato.

After attending the Culinary Institute of America, founder Steve Ells originally wanted to own a fancy, white table cloth restaurant, so he started Chipotle to make the money to do so. Even after the initial expansions from the first Chipotle restaurant in Denver (which was converted from an old ice cream store) Ells still was thinking about cashing out and going into the fine dining business. When the burrito business took off extremely quickly, Ells decided to stick with burritos.

15. Chipotle went with a minimalist store design because it lacked the money for something fancier.

"I didn't have much money, so we had to make these very simple parts from the hardware store work in order to create the design," said Ells of the simple and now iconic decor.

The founder of the company, which is now estimated to now be worth over $15 billion, originally had to take an $80,000 loan from his father to open the first restaurant.

Ells still recalls "hauling his butt to the hardware store to buy the plywood, barn metal and conduit to make Chipotle's often-mimicked utilitarian light fixtures."

Bonus: Steve Carrell signed a tortilla for a Chipotle employee.

Not too much is known about this story, but apparently Carrell went into a Chipotle where an employee asked him to sign a tortilla. Carrell obliged, and immediately became a burrito legend.

Burritos truly bring us closer together.

All images Getty unless otherwise noted.

This story has been updated with additional information about Chipotle's coffee service, as well as the nature of Wilson's free burritos card.


10 Things You Should Know About Deschutes Brewery

“Do your best, and next time, do better.” Such is the motto of Deschutes Brewery, a brewery deeply rooted in its home and community of Bend, Oregon. As the eighth-largest independent brewing company in the country, and 15th-largest brewing company overall, it comes as no surprise that the brewery is constantly working to improve.

Aside from its serious business sense, and impressive sustainability efforts, Deschutes also knows how to have fun. Here are 10 things to learn about that brewery you didn’t know you were mispronouncing.

Deschutes Brewery is named after a river, a county, and a forest

It’s pronounced “Deh-schutes,” and it’s based in Bend, Oregon, a small, beer-loving city on the Deschutes River in Deschutes County. Perhaps unsurprisingly, the brewery names a number of its beers after nearby landmarks, like its flagship beer, Black Butte Porter. Black Butte — pronounced “beaut” (basically, a standalone hill with steep sides and a flat top) — is a hill formed by volcanic ash, and it’s a popular hiking destination in Deschutes National Forest. It is said to be a vantage point for central Oregon mountains like the Three Sisters, Mount Jefferson, Three Finger Jack, and, on a clear day, Mount Hood, Mount Adams, and even Washington State.

Every Beer Lover Needs This Hop Aroma Poster

Deschutes is 100 percent family- and employee-owned

The brewery is still majority owned by its founder, Gary Fish, and his family. In 2013, Deschutes announced an employee stock ownership plan (ESOP), meaning employees are able to gain company shares correlating to their number of years at the company. To do this and be one of the country’s biggest breweries is pretty badass. “We are not owned by, or selling to, any large brewer or other entity, nor do we have any plans to,” Fish says. “We’re having too much fun to change.”

Deschutes turned 30 in 2018

You don’t turn 30 and look this good by winging it, trust us. In 1988, Deschutes opened Deschutes Brewery & Public House on Bond Street in Bend. Twenty years later, it opened a second brewpub in Portland, Oregon. Last year, Deschutes debuted its first East Coast location: a new tasting room in Roanoke, Virginia. The brewery also operates a tasting room out of its production facility in Bend, where it offers tours, brewery swag, crowlers, and, of course, lots of beer.

Deschutes is building an East Coast production facility too

The Roanoke taproom is already open, complete with 20-gallon pilot system, but the big debut is yet to come. Deschutes will be breaking ground in 2019 on a new production facility here, aiming to ship beer by 2021. Deschutes beer is already available in most cities in Virginia.

Deschutes likes to party!

For its 30th anniversary, Deschutes threw a birthday bash that featured 30 different beers on tap. A subsequent party at the brewpub, Brew Bash 5000, celebrated 5,000 batches of beer brewed. Deschutes also participates annually in a state-wide beer festival called Zwickelmania, organized by the Oregon Brewers Guild. February 2018 marks the 10th year of Deschutes’ participation in both Bend and Portland. For the special day, the brewhouses are open to the public for free tours, special samplings, and, of course, Zwickel tasting straight from the tanks, as per Bavarian tradition.

… And to party for good causes

Go Outside Fest, a partnership between the nonprofit Roanoke Outside Foundation and the City of Roanoke Department of Parks and Recreation, presented by health insurance corporation Anthem Blue Cross and Blue Shield, encourages healthy outdoor activities for Virginians. Street Pub, an outdoor street festival in which Deschutes takes over an entire block, raises money for local charities around the country. Past locations have included Cincinnati, Roanoke, Milwaukee, Portland, Oregon, and Sacramento.

Deschutes loves food … a lot

In addition to operating two brewpubs, one in Bend and one in Portland, Oregon, Deschutes maintains an active blog with advice on beer cuisine-related topics like pairing beer and pizza, beer and ramen, and beer and pie (its favorite dessert pairing). The brewery also posts recipes that use its beers as ingredients, like Easy Porter Cupcakes (using Black Butte Porter) and Ale Seafood Ceviche (with American Wheat).

Deschutes makes a beer whiskey

Along with year-round beers, seasonals, the hop-driven Bond Street Series and a special Reserve Series that includes the famously annually released Abyss, Deschutes partnered with Bendistillery to create a malt whiskey from a Deschutes beer — you guessed it — Black Butte Porter. The whiskey is double-distilled from the wash of the beloved flagship beer. Black Butte Whiskey is available at the Bend and Portland brewpubs.

Deschutes is a leader in sustainability

Deschutes Brewery won a 2016 Sustainability Award in the leadership category for making sustainability an integral part of its business. The company also won a 2015 Oregon Sustainability Award after purchasing 5 million kilowatt hours of renewable energy (enough to take 763 cars off the road for a year) replacing production facility lighting with LEDs (this uses 69 percent less energy, enough to power eight homes for a year) and recycling 404,407 pounds of cardboard and plastic. The Deschutes pub in Portland also received an honorable Gold Certification through the City of Portland Sustainability at Work program.

Deschutes started distributing in cans in 2018

After 30 years as a leading craft brewery in the Pacific Northwest, Deschutes announced in February 2018 that it would finally release its beers it cans. In particular, Mirror Pond Pale Ale, Pacific Wonderland Lager, and Fresh Squeezed IPA are available in 12-ounce cans nationwide, with the likelihood of rolling out more brands in the future.


10 More Things You Don’t Know

Ever wanted to learn interesting facts or difficult skills, merely by eating another person who already learned them for you? Studies have shown that certain kinds of flatworm can do exactly that: simply by eating the mashed-up corpses of their wise and experienced elders, they can learn how to navigate a maze, for instance. Since we humans have to rely on other means of acquiring knowledge, here&rsquos a list to get you started:

One theory of why Albert Einstein was so brilliant at mathematics has to do with a physical abnormality: he was born without the visual reasoning center of his brain. This is the center that enables you to comprehend the difference between a zebra and a trash can. Assuming Einstein had never seen either, he would not have been able to reason which was which. But to make up for this, his mathematical computation center grew to twice the size of yours and mine, because it was able to use all the room next door where visual reasoning was absent.




Because of Fearless Felix Baumgartner and his record breaking skydive in October this year, scientists now know for a fact that if an astronaut equipped with a parachute were to become trapped outside a stationary spacecraft in orbit, he could simply kick off the side of the craft and fall to Earth. He would have to radio ahead, of course, lest he find himself bouncing around in the middle of an ocean. If he were to wear a wing-suit, then upon striking sufficiently thick atmosphere, he would be able to glide the whole way across the Atlantic Ocean, from Nova Scotia to Ireland.




The astronauts who walked on the Moon quickly discovered a number of very strange things about it, and most of these remain unsolved mysteries to this day. As an example, whenever a meteor of the size of a basketball of larger struck the Moon, the astronauts reported hearing the Moon ring like a gigantic gong &ndash as though it were hollow metal. The Moon is pitched in C-sharp.




In almost all commercial and print advertisements, watches and clocks read 10:10. If it&rsquos a watch commercial, this is because the hands don&rsquot block the brand name. If the time is featured in a commercial or ad for any other product, the hands resemble a person&rsquos arms raised in happiness. It is a more positive hand position than the inversion of 8:20, and banks on the theory that a person in a happier frame of mind is easier to persuade.




Certain species of planarians (a type of flatworm) have been gradually taught to run a maze. If you grind them up and feed them to a second batch of planarians, the second batch can run the maze on the first try.




There is a South Dakota state law, still current, that goes as follows: &ldquoAny group of five or more Indians of any tribe or nation is to be considered a raiding party and may be fired upon.&rdquo Many lists could be compiled of truly stupid laws, but this one is genuinely dangerous. A person in South Dakota could deliberately murder 5 Native Americans at once and get off scot free.




You are born with all the brain cells you&rsquore going to get, anywhere from 50 to 100 billion. They are the smallest cells in the body. Once they die, the number goes down and stays down. A 12-ounce beer will kill precisely zero of them. Drinking 5 beers and waking up with a hangover will kill precisely zero of them. But drinking yourself sick every day for 30 years will kill millions of them, because of the stress through which you&rsquore putting your brain. The next morning&rsquos headache is caused by the alcohol evaporating water all over the body, especially in the head. Drinking water during the night&rsquos festivities will largely prevent the hangover. However, a 10-minute fever at 106 degrees Fahrenheit will kill about 50 million brain cells.


If hunters are counted as a military force, the State of Wisconsin has the 8th largest standing army in the world, at about 615,000. That&rsquos almost 100,000 more armed people than there are in the Iranian Army.




One of the most horrifying cryptids is the J&rsquoba fofi (CHAH-bah FOO-fee). It is a brown spider, either a tarantula or something similar, with a leg span of four to six feet. The Baka tribe of the Congo Jungle in Africa swears these spiders exist. The Baka have never profited a single cent from tales of the spider, and they adamantly maintain that it lives just outside their villages. It builds ground webs of leaves formed into tubes resembling cornucopias, with a sheet of silk around the front. The Baka claim that anything smaller than a medium-sized dog &ndash including children &ndash can be snatched by the spiders




Consider this a definitive answer to a recurring trivia question. The strongest muscle in the human body, in proportion to weight, is the masseter muscle, which is the muscle you use for mastication. You have two &ndash one on either side of your jaw &ndash and each can impart 900 pounds of force. If only your teeth could withstand it, you&rsquod be able to chew up a cinder block, or puncture a truck tire.

The butter vs cooking oil debate has finally been resolved. Fotie Photenhauer has published a cookbook in which every recipe calls for human semen as a cooking oil. He touts it as extremely nutritious.