Nuove ricette

Il video di Dunkin' Love riunisce Beyoncé e Dunkin Donuts

Il video di Dunkin' Love riunisce Beyoncé e Dunkin Donuts

Anchondo gironzola in un vestito nero su una spiaggia, imitando le mosse originali di Beyonce da "Drunk in Love".

Un altro giorno e un altro video parodia di Beyoncé diventano virali. Questa volta, il video parodia si intitola "Dunkin' Love" e presenta gli intrattenitori di Internet Reggie White e Adrian Anchondo che si lamentano della mancanza di West Coast Dunkin' Donuts. Il video è praticamente un'imitazione inquadratura per inquadratura dell'originale video in bianco e nero di "Drunk in Love" festa d'amore/spiaggia in posa.

Alcuni dei momenti più intelligenti del video includono Anchondo che si contorce sulla spiaggia con indosso un vestito nero e una parrucca, cantando: "Perché non posso averti sulla costa occidentale, piccola, ti voglio proprio ora// Hai preso quei munchkin, munckins dunkin '// Ti voglio nah, nah//non riesco a staccare gli occhi da quel tortino di salsiccia, dunkin' love.” Nel frattempo, "Jay-Z" di Reggie White rappa il suo amore per Dunkin' mentre si versa un'intera "Box O' Joe" su se stesso al rallentatore.

Guarda la divertente parodia qui:

E già che ci sei, confronta "Dunkin' Love" con il popolarissimo successo originale Beyoncé e Jay-Z duetto:

Psst! Anchondo e White non dovranno aspettare ancora per molto. Dunkin' Donuts sta pianificando di farlo in espansione verso la costa occidentale nel 2015.


Una raccolta delle faide tra celebrità più intense!

Che li ami o li odi, le celebrità sono una parte importante della cultura pop mentre seguiamo le loro prove e tribolazioni mentre si fanno strada attraverso Hollywood. Per quanto ci piaccia sentire parlare di vari trionfi di celebrità, non possiamo fare a meno di essere un po' ossessionati anche da una buona parte del loro dramma.

Mentre molte celebrità sono piene di drammi personali, nel corso degli anni c'è stata anche una buona quantità di faide tra celebrità e questo è quando le cose si fanno davvero dispettose e succose!

Abbiamo compilato una raccolta di alcune delle faide di celebrità più riconosciute (e più discusse) di tutti i tempi per il tuo piacere di leggere. Assicurati di farci sapere se ce ne sono altri buoni che ritieni che potremmo aver perso!

Una delle faide più famose tra le celebrità si è verificata tra le attrici Bette Davis e Joan Crawford ed è diventata davvero brutta. La loro faida iniziò quando Joan Crawford, che all'epoca era conosciuta come una sirena del grande schermo, iniziò a frequentare il suo co-protagonista cinematografico Franchot Tone, che per caso era il protagonista del ruolo di Bette Davis nel film "Dangerous".

Sembra che la Davis avesse una cotta per Tone, ma alla fine ha scelto Crawford, che ha sposato subito dopo la conclusione delle riprese. Fu a quel punto che iniziò la faida! I due si erano solo odiati l'un l'altro, si facevano avanti e indietro sulla stampa e arrivavano persino al punto di tentare di rovinare una nomination all'Oscar per Davis.

Quando la Davis fu nominata all'Oscar nel 1963 per il suo ruolo in "Whatever Happened To Baby Jane", che era anche interpretato da Crawford, Crawford organizzò con gli altri candidati di ritirare il premio a loro nome, poiché si sentiva offesa dal L'affronto dell'Accademia. Anne Bancroft ha vinto e Crawford ha letto il suo discorso per lei, mentre Davis guardava nel backstage.

Mentre alcune faide di celebrità sono in grado di arrivare a una risoluzione, la faida tra Davis e Crawford è durata una vita. Quando Crawford ha appreso che Davis era morto, si dice che abbia detto "Non dovresti mai dire cose cattive sui morti, dovresti dire solo cose buone. Joan Crawford è morta. Bene!" Ahia!

Un'altra famigerata faida di celebrità dei tempi passati era tra le attrici sorelle Olivia de Havilland e Joan Fontaine. Fu un classico caso di rivalità tra fratelli tra la coppia che iniziò nel 1935 quando Olivia ottenne il suo primo grande ruolo a Hollywood e Fontaine in seguito seguì con il suo primo grande ruolo nel 1937. Negli anni che passarono le due sorelle iniziarono a competere ferocemente con una un altro su ruoli cinematografici, amanti, amici e premi per il resto della loro vita.

La faida tra i due ha colpito il punto peggiore quando Fontaine è stata costretta a prendere il cognome del suo patrigno, poiché c'erano troppi de Havilland a Hollywood. Ha finito per battere sua sorella per una vittoria dell'Oscar, tuttavia quando de Havilland alla fine ha vinto ha snobbato sua sorella quando ha tentato di congratularsi con lei ed è stato notoriamente catturato nel film.

È discutibile se la loro faida sia mai stata risolta, poiché Fontaine ha dichiarato pubblicamente nel corso degli anni che non c'era davvero nessuna "faida", solo normale rivalità tra fratelli. Ha affermato che non hanno mai condiviso parole dure o avuto una lite e la maggior parte della cosiddetta faida è stata creata dai media.

L'attrice Debbie Reynolds e la sua amica di lunga data, l'attrice Elizabeth Taylor, fecero notizia nel giorno in cui il terzo marito di Taylor, Mike Todd, morì tragicamente in un incidente aereo nel 1958. Come vedova in lutto finì per cadere tra le braccia del cantante Eddie Fisher, che appena così è successo che all'epoca era sposato con Reynolds.

Fisher ha finito per lasciare Reynolds per Taylor e i due hanno finito per risposarsi solo un anno dopo! Questo è sicuramente un modo per porre fine a un'amicizia! Fisher ha lasciato a Reynolds una madre single per crescere i loro due figli Carrie e Todd.

Alla fine Reynolds e Taylor finirono per rettificare la loro faida nel 1966 quando finirono per rimanere sullo stesso piano del transatlantico Queen Elizabeth. La coppia ha anche finito per recitare insieme in un film chiamato "These Old Broads" diretto dalla figlia di Reynold, la defunta Carrie Fisher.

Negli anni più recenti c'è stata una quantità epica di rivalità nelle classifiche musicali tra le icone Michael Jackson e Prince. Quando i loro album raggiunsero il primo posto nel 1982, la faida era decisamente iniziata! Prince non sembrava soddisfatto del fascino del flusso principale di Michael Jackson mentre Jackson prendeva in giro l'arte di Prince.

Prince ha rifiutato un ruolo nel video musicale di "Bad" di Michael Jackson che in seguito è andato all'attore Wesley Snipes e in un momento di estrema meschinità Prince avrebbe suonato il suo basso direttamente in faccia a Jackson durante un concerto dal vivo.

Non è noto se i due abbiano mai risolto le loro divergenze, tuttavia quando Prince ha appreso che Jackson era morto, si dice che abbia chiuso Paisley Park e si sia rinchiuso nella sua camera da letto per giorni in lutto. Sembra che dopo tutto si rispettassero l'un l'altro come artisti.

Un'altra famigerata faida musicale che deve essere menzionata nella faida tra la cantante Taylor Swift e il rapper Kanye West e sua moglie Kim Kardashian-West. Kayne West ha iniziato la faida quando è salito sul palco e ha interrotto il discorso di ringraziamento di Swift per aver vinto il miglior video femminile agli MTV Video Music Awards del 2009. West ha preso il microfono e ha detto a tutti che invece avrebbe dovuto vincere Beyonce.

West ha anche fatto un riferimento osceno a Swift nella sua canzone "Famous" durante la quale ha alluso che sarebbe andata a letto con lui. Swift afferma di non sapere che la frase sarebbe stata usata nella canzone, tuttavia la moglie di Kayne, Kim Kardashian, in seguito ha finito per pubblicare una registrazione di una conversazione telefonica tra West e Swift dove ha dato la sua benedizione per usare il testo.

Per quanto ne sappiamo, questa faida deve ancora essere risolta e sia West che Swift continuano a fare battute liriche l'uno contro l'altro attraverso la loro musica.

Taylor Swift ha anche notoriamente avuto una faida con la cantante pop Katy Perry. Mentre la coppia era una migliore amica, sembra che Perry sia andata alle spalle di Swift e abbia cercato di assumere alcuni membri dell'equipaggio da sotto di lei durante il suo tour dello stadio "RED". L'equipaggio ha finito per andare con Perry e questo è ciò che ha acceso il fuoco.

Swift ha rilasciato un'intervista a Rolling Stone e ha affermato che Perry ha fatto "qualcosa di così orribile" che ora erano "nemici diretti" e non era nemmeno finita un ragazzo! Non ha mai chiamato Perry per nome, ma tutti sono stati in grado di fare due più due, soprattutto dopo che Perry ha pubblicato un tweet criptico che esortava i suoi follower a "fare attenzione alla Regina George- travestita da pecora" facendo riferimento al personaggio cattivo del film "Mean Girls". ”.

Apparentemente anche questa faida continua, dato che Perry ha persino pubblicato uno Snapchat di se stessa mentre ballava la canzone di Kayne West "Famous" e dando un segnale facciale quando il testo di Taylor Swift è andato in onda!

Anche l'attrice Gwyneth Paltrow e il guru domestico Martha Stewart si sono scambiati la loro giusta dose di ombra nel corso degli anni, quando Martha Stewart ha iniziato a prendere in giro la pubblicazione "GOOP" di Paltrow. Ha detto che la Paltrow dovrebbe limitarsi a recitare.

Si sono lanciati beccaccini a vicenda sulle pagine delle rispettive pubblicazioni quando Stewart ha pubblicato un articolo sulle torte e lo ha intitolato "A Conscious Coupling" una frecciatina al "Conscious Uncoupling" di Paltrow con il cantante dei Coldplay Chris Martin. La Paltrow ha quindi risposto al fuoco pubblicando un articolo intitolato "Jailbird Cake" per colpire il tempo trascorso da Stewart dietro le sbarre.

Ultimamente tutto è stato tranquillo tra i due, ma dubitiamo che abbiano mai completamente risolto i loro problemi.

Non pensiamo che nessuno dimenticherà mai la famigerata guerra su Twitter tra il presidente Donald Trump e l'attrice Rosie O'Donnell. O'Donnell ha criticato Trump per non aver licenziato la signorina USA Tara Conner nonostante la sua ammissione di abuso di droghe e alcol illeciti.

Trump è saltato su Twitter e ha twittato alcuni orribili insulti a O'Donnell definendola una "vera perdente" e famigerata "un maiale". Durante uno dei dibattiti che hanno portato alle elezioni presidenziali, O'Donnell è stata sollevata ancora una volta con Trump che ha detto che nessuno si sentiva dispiaciuto per O'Donnell e che lei meritava i suoi commenti severi. O'Donnell afferma di non essersi mai sentita più vittima di bullismo in vita sua.

Ad oggi la loro faida continua con O'Donnell che continua a criticare Trump tramite i social media.

E infine una delle più grandi faide delle celebrità si è verificata tra i rapper Tupac Shakur e Biggie Smalls aka Notorious B.I.G. che si concluse con la tragica morte di entrambe le superstar del rap. La faida è iniziata quando Tupac ha derubato e sparato cinque volte nel 1994 nell'atrio di uno studio di registrazione di New York City. Si sostiene che Biggie fosse a conoscenza dell'incidente con circa una settimana di anticipo, quindi sarebbe stato pianificato.

Questo ha dato il via alla famosa faida tra East Coast e West Coast che ha plasmato il volto della musica hip-hop negli anni a venire. Secondo Time Magazine, la faida ha raggiunto l'apice ai Source Awards del 1995, mentre non si sono verificati problemi fisici tra Tupac e Biggie, sono state tracciate linee tra entrambi i rispettivi gruppi, mostrando quanto sia radicata la rivalità tra i due rapper e quanto rappresentavano era. Il momento clou della serata è stato l'ormai famigerato discorso di Suge Knight sulla Death Row Records (l'etichetta di Tupac) che apparentemente ha messo in ombra la Diddy e la Bad Boy Records (l'etichetta di Biggie). A un certo punto durante la cerimonia, l'amico di Tupac Snoop Dogg ha chiamato la East Coast ( "La costa orientale non ha amore per Dr. Dre e Snoop Dogg?") mentre Diddy lo difendeva ("Vivo a est e morirò a est")."

La faida tra i due rapper non è mai stata riparata e hanno continuato a insultarsi a vicenda attraverso la loro musica fino alla loro prematura scomparsa. Tupac è stato colpito a morte a Las Vegas e Biggie è morto un anno dopo. Penseresti che il loro manzo sarebbe morto con loro, tuttavia la battaglia tra East Coast e West Coast continua a prosperare.

Bene, gente, ecco la nostra raccolta di alcune delle peggiori faide di celebrità di tutti i tempi. Dobbiamo aggiungere alcune menzioni d'onore come la faida tra Tom Cruise e Brook Shields per l'uso di antidepressivi e la depressione post-partum, Heather Locklear e Denise Richards che litigano per Richie Sambora e Charlie Sheen e, naturalmente, i pugili Mohammad Ali e Joe Frazier.


Harpoon Brewery e Dunkin's8217 Donuts insieme per lanciare Dunkin's8217 Coffee Porter

Birrificio Harpoon (Boston Massachusetts) e Dunkin’ Donuts (Canton, Massachusetts) hanno annunciato che Dunkin’ Portacaffè, la loro birra in collaborazione a rilascio limitato, sta arrivando ufficialmente sugli scaffali ora e sarà disponibile per tutto l'autunno.

Sviluppato per servire come un nuovo modo audace. . . per brindare all'inizio dell'autunno”, Dunkin Coffee Porter porta “due dei marchi di bevande iconici d'America. . . insieme per la prima volta” unendo “il gusto di Dunkin's Miscela di caffè espresso con arpioni famosa birra artigianale.” Questo connubio di “prodotti di base del New England” si traduce in un “robusto e arrosto” Dunkin Coffee Porter (6% vol.) “che ha un palato morbido con aromi di espresso e cioccolato fondente.”

"Dunkin' è stato lì per noi sin dai primi giorni in cui far funzionare il birrificio richiedeva molta birra e ancora più caffè", ha affermato Dan Kenary, CEO e co-fondatore di Harpoon Brewery. "Non potevamo pensare a un modo migliore per rendere omaggio all'azienda che ha contribuito ad alimentare il nostro successo che creare qualcosa di speciale per i nostri fan combinando il gusto della loro birra mattutina preferita con una delle nostre".

Secondo Tony Weisman, Chief Marketing Officer di Dunkin' U.S., "I nostri marchi hanno fan così appassionati e fedeli, che iniziano la loro giornata impegnativa con una tazza di caffè Dunkin' e la concludono gustando una delle famose birre artigianali di Harpoon. Siamo entusiasti di riunire finalmente i due, collaborando con uno dei birrifici artigianali più rispettati del paese per offrire agli amanti del caffè e agli appassionati di birra un nuovo gusto classico per celebrare la stagione”.

Dunkin’ Portacaffè è ufficialmente in uscita questa settimana con l'intenzione di rimanere nei mesi autunnali. Puoi aspettarti di trovare questa versione limitata disponibile in 6 confezioni da 12 once. bottiglie e alla spina in stabilimenti selezionati per la birra artigianale situati in Alabama, Florida, Massachusetts, Vermont e nel resto del Birrificio Harpoon’s impronta distributiva. Prosta!

Informazioni vitali per Dunkin's Coffee Porter da Harpoon Brewery & Dunkin's 8217 Donuts


CarMax e Dunkin' sono "Doin' Donuts" per la nuova esperienza di test drive di 24 ore

Oggi CarMax, Inc. (NYSE: KMX), il più grande rivenditore di auto usate della nazione, e Dunkin', la sosta quotidiana e quotidiana preferita in America per caffè e prodotti da forno, stanno invitando le persone a "are ciambelle" durante il loro test drive di 24 ore — il tipo delizioso con glassa e codette. A partire da oggi fino al 16 maggio, i clienti CarMax che partecipano al test drive di 24 ore riceveranno una carta regalo Dunkin' da $ 10 per continuare la loro routine quotidiana durante il test drive - e questo, ovviamente, significa un viaggio al Dunkin' drive -attraverso per il loro caffè preferito e l'ordine di ciambelle.

Questo comunicato stampa presenta contenuti multimediali. Visualizza la versione completa qui: https://www.businesswire.com/news/home/20210412005143/en/

"In CarMax, crediamo che l'esperienza di acquisto di un'auto debba essere il più piacevole possibile, garantendo al tempo stesso ai clienti la sicurezza della loro decisione, motivo per cui abbiamo introdotto i test drive 24 ore su 24 come parte della garanzia Love Your Car di CarMax", ha affermato Sarah Lane, vice presidente, marketing presso CarMax. "Vogliamo che i clienti sperimentino un giorno della loro vita con la loro nuova auto, e poiché America Runs on Dunkin', sappiamo che include un viaggio attraverso il drive-thru Dunkin' per il loro ordine preferito. Collaborare con Dunkin' su "Fare le ciambelle" rende l'esperienza di 24 ore di prova su 24 ore di CarMax molto più dolce."

I clienti delle sedi CarMax partecipanti che effettuano un test drive di 24 ore riceveranno una lista di controllo creativa di idee per garantire che stiano ottenendo il massimo dalle loro 24 ore, come portare il cane a fare un giro, caricare il bagagliaio con il loro carico preferito per assicurarsi che si adatti e, naturalmente, visitare un drive-thru per assicurarsi che il portabicchieri possa adattarsi al loro Dunkin' Iced Coffee. I clienti che condividono la loro esperienza di test drive di 24 ore su Twitter o Instagram taggando @CarMax, #DoinDonuts e #24HrTestDrive possono partecipare a una lotteria in cui 24 persone hanno la possibilità di vincere ciambelle gratuite per un anno e un "Doin' Donuts" porta ciambella firmato. Maggiori informazioni su regole ufficiali, ammissibilità e luoghi partecipanti sono disponibili su carmax.com/doindonuts.

"Non sai mai veramente se un'auto è giusta per te finché non l'hai guidata attraverso un drive-thru di Dunkin", ha affermato Melanie Rabino, direttore, impegno del marchio di Dunkin'. "Assicurarsi che i portabicchieri del tuo nuovo veicolo funzionino perfettamente nel contenere il tuo Dunkin’ Iced Coffee, o altri prodotti da ordinare, è il test perfetto."

Attrice, New York Times autore di best-seller e conduttore di podcast Philipps occupato si unisce anche al divertimento. È impegnata come sempre e con un test drive CarMax 24 ore su 24, può fare il test drive in movimento. Che stia sbrigando delle commissioni o sia diretta al suo prossimo concerto di recitazione, Busy sta dimostrando tramite Instagram cosa consiglia di fare durante un test drive per assicurarsi che un'auto soddisfi tutte le sue esigenze prima di impegnarsi. E ovviamente non può iniziare la giornata senza un aiuto da parte di Dunkin'.

"Tutti vogliono avere il controllo delle proprie decisioni di acquisto di auto", ha affermato Busy Philipps. "CarMax non solo ha reso la mia esperienza divertente, ma mi ha anche fornito facilità e sicurezza con un test drive di 24 ore alimentato da Dunkin'. Avere l'auto per un'intera giornata mi ha dato la possibilità di vedere e imparare ogni caratteristica e come si adattasse perfettamente al mio programma fitto di appuntamenti."

L'offerta di 24 ore di prova su 24 ore di CarMax fa parte dell'esperienza distintiva dell'azienda, la garanzia Love Your Car, che offre una tranquillità senza pari e la fiducia dell'acquirente mentre i clienti sperimentano un giorno della loro vita con una nuova corsa prima dell'acquisto. La garanzia Love Your Car di CarMax include anche una garanzia di rimborso di 30 giorni, che offre ai clienti 30 giorni per innamorarsi della propria auto o restituirla per un rimborso completo fino a 1.500 miglia. Questa offerta non ha eguali nel settore automobilistico.

Per le regole ufficiali, le località partecipanti e ulteriori informazioni su "Doin’ Donuts", visita carmax.com/doindonuts.

CarMax, il più grande rivenditore di auto usate della nazione, ha rivoluzionato il settore della vendita al dettaglio automobilistico promuovendo integrità, onestà e trasparenza in ogni interazione. L'azienda offre un'esperienza davvero personalizzata con la possibilità per i clienti di fare tanto o poco online e in negozio quanto vogliono. CarMax offre anche una varietà di metodi di consegna dei veicoli, tra cui la consegna a domicilio, il ritiro a domicilio senza contatto e gli appuntamenti nei suoi negozi. Durante l'anno fiscale terminato il 28 febbraio 2021, CarMax ha venduto più di 750.000 auto usate e più di 425.000 veicoli all'ingrosso nelle sue aste virtuali e in negozio. Inoltre, CarMax Auto Finance ha originato oltre $ 6 miliardi di crediti per auto durante l'anno fiscale 2021, aggiungendosi al suo portafoglio di quasi $ 14 miliardi. CarMax ha 220 negozi, oltre 25.000 associati ed è orgogliosa di essere stata riconosciuta per 17 anni consecutivi come una delle 100 migliori aziende per cui lavorare nella Fortune 100®. Per ulteriori informazioni, visitare il sito www.carmax.com.

Fondato nel 1950, Dunkin è la tappa quotidiana e quotidiana preferita dagli americani per caffè e prodotti da forno. Dunkin' è leader di mercato nelle categorie di caffè caldo normale/decaffeinato/aromatizzato, normale ghiacciato/decaffeinato/aromatizzato, ciambelle, bagel e muffin. Dunkin's ha ottenuto da Brand Keys la classifica n. 1 per la fidelizzazione dei clienti nella categoria del caffè per 15 anni consecutivi. L'azienda ha più di 12.600 ristoranti in 40 paesi in tutto il mondo. Dunkin fa parte della famiglia di ristoranti Inspire Brands. Per ulteriori informazioni, visitare il sito www.DunkinDonuts.com.

Merkel's Twilight Months Cloud Rimbalzo della crisi tedesca: Eco Week

La volatilità dei bitcoin mette i trader del fine settimana in una corsa allo stomaco

Lunedì i leader dell'UE discuteranno di "possibili sanzioni" contro la Bielorussia

I leader dell'UE discuteranno dell'atterraggio forzato di Ryanair al vertice di lunedì

L'epidemia negli Stati Uniti rallenta mentre aumenta la preoccupazione per la variante: aggiornamento del virus

Il debito della carta di credito è crollato, ma cosa succede se sei ancora fino al collo?

Se le tue finanze sono state duramente colpite dalla pandemia, potrebbe essere necessario essere creativi.

Il proprietario di Zara, Inditex, chiuderà tutti i negozi in Venezuela, afferma il partner locale

Inditex, proprietario di marchi tra cui Zara, Bershka e Pull & Bear, chiuderà tutti i suoi negozi in Venezuela nelle prossime settimane poiché è in fase di revisione un accordo tra il rivenditore e il suo partner locale Phoenix World Trade, ha detto un portavoce di Phoenix World Trade. Phoenix World Trade, una società con sede a Panama e controllata dall'uomo d'affari venezuelano Camilo Ibrahim, ha rilevato la gestione dei negozi Inditex nel paese sudamericano nel 2007. "Phoenix World Trade sta rivalutando la presenza commerciale dei suoi marchi in franchising Zara, Bershka e Pull&Bear in Venezuela, per renderlo coerente con il nuovo modello di integrazione e trasformazione digitale annunciato da Inditex", ha affermato la società in risposta a una richiesta di Reuters.

Anno DominiMetti una borsa sullo specchietto dell'auto quando viaggi

Trucchi geniali per la pulizia dell'auto I rivenditori locali vorrebbero che tu non lo sapessi

La SEC approva la proposta del Nasdaq per consentire un'alternativa all'IPO per raccogliere fondi

In un documento https://bit.ly/3vc3jHV del 19 maggio, la SEC ha affermato che la modifica della regola proposta dal Nasdaq era coerente con le regole e i regolamenti del regolatore e potrebbe essere vantaggiosa per gli investitori come alternativa a un'offerta pubblica iniziale tradizionale . La mossa è un grande passo avanti per l'operatore di cambio che ha spinto per un'alternativa per le aziende per raccogliere fondi. Reuters aveva riferito ad agosto https://www.reuters.com/article/us-nasdaq-direct-listing-exclusive-idUSKBN25L1BC che il Nasdaq aveva presentato alla SEC una modifica delle sue regole per consentire alle società che debuttano sul mercato azionario attraverso un quotazione diretta per raccogliere capitali.

Comprare Bitcoin in questo momento è un'idea intelligente?

Non è più una novità che la drammatica caduta di Bitcoin di giovedì abbia pesato relativamente sui sentimenti del mercato, ma Willy Woo, uno dei migliori analisti di criptovalute, crede ancora che il sipario per il rally generale al rialzo di Bitcoin non si sia ancora verificato.

I rischi di bolle mettono alla prova l'impegno della Cina a non cambiare bruscamente la politica

(Bloomberg) – Nonostante i migliori sforzi di Pechino, in Cina si stanno formando bolle patrimoniali. I prezzi delle case stanno aumentando, spingendo i funzionari a rilanciare l'idea di una tassa nazionale sulla proprietà. Un'impennata dei prezzi delle materie prime ha stimolato le promesse di aumentare l'offerta interna, rafforzare la supervisione del mercato e reprimere la speculazione e l'accumulo. - qualcosa che la Banca Popolare Cinese ha detto che eviterà. Il rischio è che i tentativi del governo di frenare gli aumenti dei prezzi non saranno sufficienti, forzando la mano della banca centrale in un momento vulnerabile per i consumi interni. Sarebbe uno shock per i mercati finanziari della nazione, che stanno scontando uno scenario relativamente favorevole. Il rendimento dei titoli di stato a 10 anni è sceso al livello più basso in otto mesi, mentre l'indice di riferimento azionario CSI 300 è il meno volatile da gennaio. La calma contrasta con il resto del mondo, dove gli investitori stanno diventando sempre più ossessionati dal modo in cui le banche centrali possono reagire alla minaccia di un'economia globale in surriscaldamento. "Come mitigare il boom delle proprietà e delle materie prime senza inasprire la politica macro: è un vero sfida per il governo cinese", ha affermato Zhou Hao, economista di Commerzbank AG a Singapore. Più di 15 mesi dopo che la pandemia ha costretto la Cina a tagliare i tassi e iniettare trilioni di yuan nel sistema finanziario, i responsabili politici di Pechino sono - come molti altri in tutto il mondo, affrontando le conseguenze. Con l'accelerazione della ripresa economica globale, alcuni sono costretti ad agire a causa dell'inflazione: il Brasile a marzo è diventato il primo Paese del Gruppo dei 20 ad alzare gli oneri finanziari, seguito da Turchia e Russia. Anche l'Islanda ha alzato un tasso a breve termine a maggio. Altri, come la Federal Reserve e la Banca centrale europea, hanno insistito che i picchi dei prezzi sono solo temporanei. La PBOC ha anche minimizzato le preoccupazioni sull'inflazione nel suo rapporto monetario del primo trimestre, pubblicato poco dopo che i dati hanno mostrato che i prezzi di fabbrica sono aumentati del 6,8% ad aprile, il ritmo più veloce dal 2017. Cosa dicono gli economisti di Bloomberg. “Sarà una sfida per la Cina contenere l'aumento dei prezzi alla produzione perché poche materie prime hanno un prezzo all'interno del paese. Non c'è molto che la Cina possa fare, e anche l'inasprimento della politica monetaria non sarà in grado di cambiare la situazione", ha affermato David Qu, economista cinese presso Bloomberg Economics.-- Gli abbonati al Bloomberg Terminal possono accedere a maggiori informazioni QUI Mentre il rapido aumento dei prezzi delle materie prime è moderato nei giorni scorsi una continuazione dei guadagni potrebbe spingere le aziende a trasferire i costi crescenti sui consumatori, che già spendono meno del previsto. Gli analisti di Huachuang Securities Co. hanno affermato in un rapporto del 9 maggio che i prezzi dei beni di consumo, come elettrodomestici e mobili, nonché veicoli elettrici e cibo, sono in aumento. Tuttavia, ci sono poche prove di pressioni guidate dalla domanda, con l'inflazione di fondo, che elimina i costi volatili di cibo ed energia, abbastanza contenuti. La minaccia dell'inflazione - unita a un'economia fragile - tende a essere una cattiva notizia per le azioni a causa di come erode i profitti aziendali e per le obbligazioni riduce il valore dei flussi di cassa futuri. L'accelerazione dei prezzi ha colpito il mercato obbligazionario cinese nel 2019 e ha contribuito a una forte svendita delle azioni all'inizio del 2016. Come segno di quanto seriamente venga presa questa minaccia, il governo cinese ha affermato mercoledì che è necessario compiere maggiori sforzi per affrontare l'aumento dei prezzi delle materie prime. Un funzionario della PBOC ha affermato che la Cina dovrebbe consentire allo yuan di apprezzarsi per compensare l'impatto dell'aumento dei prezzi delle importazioni, secondo un articolo pubblicato venerdì. La valuta viene scambiata vicino a un massimo di quasi tre anni contro il dollaro. L'inflazione importata è un mal di testa per i leader cinesi che stanno già affrontando i rischi causati da un'impennata degli afflussi di capitali. Negli ultimi anni Pechino ha aperto canali di investimento per consentire l'ingresso di più fondi nel proprio sistema finanziario. L'obiettivo era usare il peso delle istituzioni straniere per ancorare i suoi mercati e stabilizzare la sua valuta, ma la liquidità record liberata dalle banche centrali globali sulla scia della pandemia sta ora facendo pressione sui prezzi in Cina. Ciò ha richiesto un linguaggio forte da parte degli alti funzionari. Il principale regolatore dei titoli Yi Huiman ha affermato a marzo che i grandi flussi di "denaro caldo" in Cina devono essere rigorosamente controllati. Lo stesso mese, il regolatore bancario Guo Shuqing si è detto "molto preoccupato" che le bolle patrimoniali nei mercati esteri esplodano presto, mettendo a rischio l'economia globale. Decidere se i recenti picchi dei prezzi sono temporanei o uno spostamento permanente verso un'inflazione sostenuta è qualcosa I politici cinesi devono fare i conti con. Per ora, l'attuale approccio di Pechino di stroncare, aumentare l'offerta e penalizzare la speculazione sembra essere mirato al primo. "È ancora troppo presto per dire se la Cina può contenere l'aumento dei prezzi alla produzione e, se non può, se ciò avrà impatto su larga scala sui prezzi al consumo", ha affermato Raymond Yeung, capo economista per la Grande Cina presso l'Australia e il New Zealand Banking Group Ltd. "Questa inflazione è in gran parte importata - non è qualcosa che può essere risolta dalla PBOC". Altre storie come questi sono disponibili su bloomberg.comIscriviti ora per rimanere al passo con la fonte di notizie economiche più affidabile.©2021 Bloomberg LP

Huobi scala indietro a causa della repressione della Cina Bitcoin scende sotto $ 32K, Ether oltre $ 2K

Lo scambio si è mosso sulla scia di una serie di avvisi di repressione da Pechino nelle ultime settimane.

Poiché i tassi dei mutui raggiungono nuovamente il 3%, l'esperto prevede che quest'anno vedremo tassi del 4%

Sebbene i tassi siano aumentati gradualmente, non è troppo tardi per ottenere un tasso basso da acquistare o rifinanziare.

Conclusione del mercato: la Cina rompe le criptovalute mentre Bitcoin scende a $ 36K, ETH scende a $ 300 in due ore

Entro due ore dalla dichiarazione del Consiglio di Stato, BTC è sceso dell'11%, in base ai dati di CoinDesk 20.

Bitcoin, Ether ora in calo del 50% rispetto agli ATH del mese scorso mentre riprende la rotta

Anche se Huobi è il catalizzatore specifico per il crollo di oggi, è solo l'ultima notizia negativa nel settore che è stata battuta nelle ultime settimane.

Summers afferma che le criptovalute hanno possibilità di diventare "oro digitale"

(Bloomberg) - L'ex segretario al Tesoro degli Stati Uniti Lawrence Summers ha affermato che le criptovalute potrebbero rimanere una caratteristica dei mercati globali come qualcosa di simile all'"oro digitale", anche se la loro importanza nelle economie rimarrà limitata. , Summers ha dichiarato alla "Wall Street Week" di Bloomberg Television con David Westin che le criptovalute offrivano un'alternativa all'oro per coloro che cercavano un bene "separato e separato dalle attività quotidiane dei governi". gentile per molto tempo", ha detto Summers, un collaboratore pagato di Bloomberg. "Le criptovalute hanno la possibilità di diventare una forma concordata in cui le persone in cerca di sicurezza detengono ricchezza. La mia ipotesi è che le criptovalute siano qui per restare, e probabilmente qui per restare come una sorta di oro digitale." Se le criptovalute diventassero anche un terzo del valore totale dell'oro, Summers ha detto che sarebbe un "sostanziale apprezzamento dai livelli attuali" e ciò significa che c'è una "buona prospettiva che le criptovalute faranno parte del sistema per un bel po' di tempo a venire". è comune nella comunità cripto, con varie stime su se e quanto velocemente i loro valori di mercato totali potrebbero equalizzarsi.Yassine Elmandjra, analista crittografico presso Ark Investment Management LLC di Cathie Wood, ha affermato all'inizio di questo mese che se si presume che l'oro abbia una capitalizzazione di circa $ 10 trilioni, "non è fuori discussione che Bitcoin raggiungerà la parità dell'oro nei prossimi cinque anni". Con la capitalizzazione di mercato di Bitcoin di circa $ 700 miliardi, ciò potrebbe significare un apprezzamento del prezzo di circa 14 volte o più. Ma Summers ha affermato che le criptovalute non contano per l'economia generale ed è improbabile che servano mai come maggioranza dei pagamenti. Summers è nel consiglio di amministrazione di i direttori di Square Inc. La società ha dichiarato questo mese che le vendite nel primo trimestre sono più che triplicate, guidate dai vertiginosi acquisti di Bitcoin tramite l'app Cash dell'azienda. scambio o potere d'acquisto stabile, ma ha affermato che alcune forme di esso potrebbero continuare a esistere come alternativa all'oro. "Le criptovalute sono destinate a un crollo a breve? Non necessariamente", ha scritto Krugman sul New York Times. "Un fatto che fa riflettere anche gli scettici sulle criptovalute come me è la durabilità dell'oro come bene di grande valore." Summers ha anche affermato che l'amministrazione del presidente Joe Biden si sta dirigendo nella "giusta direzione" chiedendo alle aziende di pagare più tasse. Ha sostenuto che i responsabili politici in passato non erano stati colpevoli di perseguire una regolamentazione "troppa antitrust", sebbene avesse avvertito che sarebbe stato "gravemente sbagliato" perseguire le aziende solo a causa dell'aumento della quota di mercato e dei profitti. Tornando alla sua preoccupazione che l'economia degli Stati Uniti rischia di surriscaldarsi, Summers ha affermato che la Federal Reserve dovrebbe essere più consapevole della minaccia inflazionistica. "Non credo che la Fed stia proiettando in un modo che rifletta la potenziale gravità del problema", ha affermato. "Sono preoccupato che con tutto quello che sta succedendo, l'economia potrebbe essere un po' caricata verso un muro." (Aggiunge Summers è sulla lavagna di Square nell'ottavo paragrafo) Altre storie come questa sono disponibili su bloomberg.comIscriviti ora per stare al passo con il fonte di notizie economiche più affidabile. © 2021 Bloomberg LP

L'euforia del rimbalzo globale mette alla prova i nervi dei banchieri centrali sul rischio

(Bloomberg) – Con il mondo che ha appena superato il peggio di una crisi senza precedenti, i banchieri centrali si stanno già chiedendo se la prossima sia dietro l'angolo. Da Washington a Francoforte, ciò che è iniziato mesi fa come un mormorio di preoccupazione si è trasformato in un coro mentre i funzionari chiedono se un'abbuffata di assunzione di rischi su più mercati di attività potrebbe presagire una rotta destabilizzante che potrebbe far deragliare la ripresa globale. Proprio la scorsa settimana, la Banca centrale europea e la Banca del Canada hanno citato crescenti minacce, consapevoli del ridimensionamento che ne è seguito durante il Crisi finanziaria del 2008. Nel frattempo, le drammatiche oscillazioni di Bitcoin dopo un avvertimento sulle criptovalute della People's Bank of China hanno mostrato quanto siano diventati sensibili alcuni mercati. I pessimisti delle istituzioni monetarie globali possono trovare bolle quasi ovunque guardino, dalle azioni agli immobili, mentre funzionari come il capo della Federal Reserve Jerome Powell sostiene che qualsiasi minaccia rimane contenuta. Le banche centrali hanno una certa responsabilità per il fervore del mercato finanziario dopo enormi dosi di stimoli e iniezioni di liquidità per mantenere a galla le economie. L'entusiasmo che ne risulta è almeno in parte un effetto di euforia, che applaude a una ripresa della crescita la cui portata può essere solo intuita, con eventuali ripercussioni che dovrebbero andare da un boom benigno a una spirale inflazionistica. "Dove vediamo più esuberanza è in giro aspettative di crescita", ha detto a Bloomberg Television Max Kettner, stratega di HSBC Holdings Plc. “Soprattutto negli Stati Uniti sono stati cresciuti in misura enorme. Quindi questa è, penso, l'esuberanza. "La speculazione di mercato ha portato a una forte volatilità negli ultimi tempi, comprese le girate selvagge e i cali di Bitcoin da un massimo storico superiore a $ 60.000 ad aprile. Anche gli asset più tradizionali sono in difficoltà, con i tassi sui titoli di Stato tedeschi, ad esempio, che quest'anno sono saliti di circa 50 punti base, arrivando a entrare in territorio positivo per la prima volta in più di due anni. La menzione di "esuberanza" di Kettner ha seguito il L'uso di parole simili da parte della Banca centrale europea mercoledì, riecheggiando l'osservazione dell'ex presidente della Fed Alan Greenspan del 1996 sull'"esuberanza irrazionale" prima della bolla delle dotcom. L'istituzione della zona euro ha osservato la minaccia di ricadute economiche, ad esempio, una correzione del mercato azionario statunitense . I funzionari della Bank of Canada hanno espresso preoccupazioni simili il giorno dopo e hanno evidenziato il mercato immobiliare poiché le aspettative di continui aumenti dei prezzi alimentano gli acquisti. Tre settimane prima, una riunione politica della Fed si è trasformata in un dibattito sulla stabilità, in cui i partecipanti hanno osservato una "elevata" propensione al rischio e hanno discusso pericoli posti dall'attività degli hedge fund. In un rapporto successivo, hanno avvertito di "vulnerabilità" e "valutazioni allungate", esacerbate dall'elevato debito societario. Nel frattempo, il governatore della Banca d'Inghilterra Andrew Bailey si è recentemente chiesto ad alta voce se la speculazione in azioni e Bitcoin potrebbe essere di per sé un "segnale di allarme". E un funzionario norvegese ha affermato che la volatilità delle criptovalute potrebbe minacciare i prestatori se le loro esposizioni continuano ad aumentare. Le banche centrali hanno avuto preoccupazioni fastidiose per un po'. Già a gennaio, il capo dei mercati della BCE Isabel Schnabel ha detto ai colleghi che le azioni potrebbero diventare vulnerabili a "riprezzamento più ampio". In Cina, con un ciclo di ripresa più avanzato di quello degli Stati Uniti, il principale regolatore bancario ha rivelato a marzo di "molto preoccupato" per le bolle, specificando investimenti immobiliari "molto pericolosi". Questo potrebbe essere in parte ciò che l'amministratore delegato di UBS AG Ralph Hamers aveva in mente alla fine di aprile con la sua visione allarmante. Notando "bolle in alcune classi di attività", compreso il settore immobiliare, ha detto a Bloomberg Television che "ci stiamo avvicinando al culmine delle cose". Alcuni alti banchieri centrali stanno cercando di essere ottimisti nonostante le spie lampeggianti. Dopo la decisione della Fed di aprile, Powell ha insistito sul fatto che "il quadro generale della stabilità finanziaria è misto ma, a conti fatti, è gestibile". la scorsa settimana affermando che i rischi economici sono "molto più equilibrati che in passato". La difficoltà per le banche centrali sta nel gestire le conseguenze sui prezzi delle attività delle loro politiche monetarie, una sfida che le assilla dalla calamità del 2008. Periodicamente, ciò rende istituzioni come la Fed oggetto di critiche. "Le banche centrali vogliono disperatamente essere sicure, essere certe", ha affermato James Athey, direttore degli investimenti di Aberdeen Asset Management Plc. "Significa anche che mantengono la politica troppo facile per troppo tempo". L'alternativa che i funzionari devono affrontare è osare di ridurre lo stimolo, assumendosi il rischio di soffocare una ripresa economica con un corrispondente costo per i mezzi di sussistenza. L'Islanda ha fatto il grande passo la scorsa settimana , offrendo il primo inasprimento delle politiche in Europa occidentale con un aumento dei tassi di interesse per contenere l'inflazione e un mercato immobiliare dilagante. così agile. Ecco perché la BCE raccomanda un sostegno fiscale "più mirato" alle aziende, evitando al contempo il ritiro degli stimoli. Allo stesso modo, la Fed ha citato l'uso di strumenti macroprudenziali come importante per consentire alla politica monetaria di fare il suo corso. Gli economisti di JPMorgan hanno scritto questo mese che anticipano che il regolatore bancario australiano "formalizzerà" presto le restrizioni sul debito e sul reddito. Per quanto le banche centrali e i regolatori finanziari rispondano all'entusiasmo, sanno che la posta in gioco è più alta che mai, con la necessità di cementare un rimbalzo da una grave crisi in un mondo che farà fatica a tollerarne un'altra. Almeno i funzionari possono trarre conforto nel riconoscere un ambiente pre-pandemia più familiare: l'ultima volta che le loro preoccupazioni sul rischio sono state così sincronizzate è stato nel novembre 2019, solo poche settimane prima che il coronavirus iniziasse a paralizzare l'economia globale.Altre storie come questa sono disponibili su bloomberg.comIscriviti ora per rimanere al passo con la fonte di notizie economiche più affidabile.©2021 Bloomberg LP

Lontano dalla grande esplosione delle criptovalute, si allenta un'altra tensione di mercato

(Bloomberg) -- Un mercato ribassista in Bitcoin. Un mercato rialzista in Bitcoin. Taper talk, o parlarne. Il più grande pop per le scorte di meme della stagione. Sono successe molte cose, eppure quando la storia di questa settimana sarà scritta, è possibile che uno sviluppo molto più tranquillo sarà il vantaggio. Dopo essersi intensificato all'inizio di questo mese, l'ansia da inflazione sembra allentarsi. I tassi sui breakeven a 10 anni sono scesi di più su base settimanale da settembre, limitando qualsiasi aumento dei rendimenti dei Treasury. Nel frattempo, un'impennata delle materie prime ha continuato a sbuffare, con l'indice Bloomberg Commodity Spot che è sceso per la seconda settimana consecutiva. Ciò è stato sufficiente per confortare gli investitori nella grande tecnologia. Il Nasdaq 100 ha registrato il suo primo guadagno settimanale in oltre un mese, dopo essere stato scosso dagli avvertimenti che l'aumento dei prezzi avrebbe intaccato i futuri flussi di cassa e avrebbe gettato una luce dura su valutazioni costose. E mentre i minuti della riunione di aprile della Federal Reserve segnalavano un'apertura alla discussione di un ridimensionamento degli acquisti di asset, i commenti che "probabilmente ci sarebbe voluto del tempo" prima che l'economia si riprendesse a quel punto ha aiutato a prevenire qualsiasi reazione istintiva. "L'inflazione è davvero solo un problema per le azioni se porterà la Fed fuori dai margini”, ha affermato Brian Nick, chief investment strategist di Nuveen. "Se vedete scendere i tassi di interesse, se vedete diminuire le aspettative di inflazione, se vedete che la Fed continua a presentare verbali accomodanti, tende a essere un ambiente piuttosto favorevole per la tecnologia". crescita, una serie di rapporti più deboli del previsto hanno contribuito a sedare i timori di inflazione. L'inizio delle abitazioni il mese scorso è stato inferiore al previsto, mentre il ritmo delle richieste di mutui è rallentato rispetto al mese precedente. Giovedì, i dati della Fed di Filadelfia hanno mostrato che l'attività manifatturiera nella regione è diminuita a maggio da un massimo di 48 anni il mese precedente. Di conseguenza, l'indicatore di sorpresa economica di Citigroup Inc. o perdere le previsioni: questa settimana è sceso brevemente in territorio negativo per la prima volta da giugno 2020. Il Nasdaq 100 ha mantenuto un guadagno dello 0,1% questa settimana poiché le aspettative di inflazione sono diminuite, interrompendo una serie di quattro settimane di sconfitte. La tecnologia ha ottenuto un guadagno con il rimbalzo delle criptovalute, con Bitcoin in calo del 12% solo venerdì dopo che la Cina ha ribadito la sua intenzione di reprimere il mining. Tuttavia, alcuni avvertono che è troppo presto per segnalare il via libera sui rischi di inflazione. Secondo State Street Global Advisors, l'ansia per le pressioni sui prezzi nei prossimi mesi dovrebbe essere un vantaggio per i settori difensivi e favorire in particolare i finanziari, mentre si nutre di titoli in crescita con flussi di cassa sensibili alla durata. , quel disaccordo nel mercato porterà inevitabilmente alla volatilità”, ha affermato Olivia Engel, chief investment officer del team attivo di azioni quantitative di SSGA. "Se guardi il mercato aggregato, nasconde parte di quella rotazione del mercato: è lì che puoi vedere movimenti molto più grandi." (Aggiorna il prezzo di Bitcoin nel settimo paragrafo.) Altre storie come questa sono disponibili su bloomberg.comIscriviti ora per rimanere avanti con la fonte di notizie economiche più affidabile. © 2021 Bloomberg LP

Musk dice che supporta le criptovalute nella battaglia con il denaro fiat

Musk ha precedentemente confrontato il bitcoin con il denaro fiat e spesso twitta sulle criptovalute che hanno inviato valori per bitcoin e la valuta digitale meme dogecoin su e giù. A febbraio, il bitcoin è schizzato più in alto dopo che Tesla ha rivelato di aver acquistato 1,5 miliardi di dollari della criptovaluta e che presto l'avrebbe accettata come forma di pagamento per le auto.

Analisi tecnica dei future sull'indice del dollaro USA (DX) - Potrebbe essere impostata per l'inizio del rally di controtendenza

Una chiusura superiore a 89,795 formerà un minimo di inversione del prezzo di chiusura. Se confermato, ciò potrebbe innescare l'inizio di un rally in controtendenza di 2 o 3 giorni.

Biden cancellerà il massiccio debito del prestito studentesco? Improvvisamente, sembra dubbioso

New signs indicate the president may be shying from forgiving even $10,000 per person.


Dunkin’ and Harpoon Launch Donut-Infused Beers for Fall

Harpoon Brewery and Dunkin’ are at it again, launching a series of new coffee and—for the first time—donut-infused beers for fall. A trio of new beers, Harpoon Dunkin’ Pumpkin Spiced Latte Ale, Boston Kreme Stout, and Jelly Donut IPA, join Harpoon Dunkin’ Coffee Porter on shelves this September and mark the first time beers have been brewed with actual donuts from Dunkin’.

After the extremely positive reaction the Harpoon Dunkin’ Coffee Porter received from fans for two consecutive seasons, the brewers at Harpoon took it a step further to see what would happen if they brewed a beer made with Dunkin’s famous donuts, creating a new lineup that celebrates classic fall coffee and donut flavors:

Harpoon Dunkin’ Pumpkin | Inspired by everyone’s favorite fall pumpkin latte, this “Spiced Latte Ale” is brewed with real pumpkin, pumpkin pie spices, and a splash of coffee. Light in color and easy-drinking, it’s a perfect blend of all the autumn flavors we love, with just a touch of espresso-like roast! ABV: 5.2%

Harpoon Dunkin’ Boston Kreme | This “Boston Kreme Stout” is brewed with real Dunkin’ donuts and cacao nibs, which add extra dough-like and chocolatey notes to an easy-drinking, creamy Dry Irish Stout. ABV: 4.3%

Harpoon Dunkin’ Jelly Donut | Brewed with real Dunkin’ donuts and raspberry purée, this slightly hazy IPA has bright notes of jelly and citrus from the addition of fruit-forward Hüll Melon and Citra hops. ABV: 5.7%

Harpoon Dunkin’ Coffee Porter | Harpoon’s first ever tribute to the Dunkin’ coffee that has helped keep Harpoon brewers running, this classic American Porter combines malty notes of chocolate, caramel, and toffee with the comforting and familiar flavor of Dunkin’ Original Blend coffee. ABV: 6.0%

“We’re excited to elevate our collaboration with Harpoon this fall with the introduction of Harpoon Dunkin’ Pumpkin beer and the first ever Harpoon beer made with real Dunkin’ donuts,” says Brian Gilbert, Vice President of Retail Business Development at Dunkin’. “We have no doubt the new donut brews, along with the rest of this new fall lineup, will bring the same moments of sweetness and smiles our coffee and donuts have created for 70 years.”

“After more than two years and three seasons of collaborating with the Dunkin’ team, our fans have come to expect a delicious fall beer from us, but we wanted to give them something extra special this year,” adds Dan Kenary, Harpoon CEO and co-founder. “Our brewers have always been master innovators, but brewing beer made with real donuts was a first even for them. It’s hard to pick a favorite of the four recipes – just like it’s hard to pick a favorite donut from Dunkin’ – but we hope both our and Dunkin’s fans have a blast trying.”

Harpoon Dunkin’ Pumpkin will be available on draft and in bottled 6-packs as well as in the new Harpoon Dunkin’ Dozen mix pack, which features 3 cans of each seasonal beer flavor. These limited releases will be available everywhere Harpoon is sold beginning in September.


You Can Now Paint Your Home in Dunkin’s Iconic Orange and Pink Colors

In an unexpected collaboration, the hues made famous by Dunkin’ are now Backdrop paint colors.

Backdrop

Photo by: Photo courtesy of Dunkin'

Dunkin’ and Backdrop, an online paint retailer, have teamed up to create a collection of paints modeled after the famous orange and pink shades the fast-food chain is known for. The two limited-edition paints are designed for indoor use only and are now available in half gallons for $39 exclusively on Backdrop’s website.

According to a press release, the Dunkin’ and Backdrop teams worked together to ensure that each can of paint matches the brand's iconic hues. Additionally, this collaboration marks the first time Backdrop has offered half gallons of their recyclable, stainless steel cans, since the bold Dunkin’-inspired shades are perfect for an accent wall or playful shape.

If you’re interested in getting your hands on some of this brightly colored magic, you better act soon, as there are only a limited number of orange and pink paint cans available for purchase.

Dunkin' Pink (Half Gallon)

Per Jamie Kelly, the associate manager of strategic partnerships at Dunkin’, the idea to create a paint collection stemmed from the rise in home improvement projects seen over the past several months in the midst of the coronavirus pandemic. “Our fans have absolutely loved the fresh new ways we've helped them show their Dunkin’ passion and pride over the years,” she said in a statement. “With home improvements on the rise this year, we’re thrilled to team up with Backdrop to give Dunkin' devotees the opportunity to really bring home their love for our brand with a fresh coat of paint for the ultimate home décor.”

What’s more? The Backdrop team hinted that there could be more Dunkin’ paint collaborations to come. “Dunkin’ is an iconic American brand and we couldn't be more thrilled to launch their first paint colors,” Backdrop co-founder Natalie Ebel explained. “The sensorial overlap between donuts and icing and sprinkles and paint, combined with Dunkin’s vibrant brand colors make for the perfect collaboration. We hope brand fans have just as much fun bringing these colors to life in their homes as we did creating them.”


Dunkin' Sprints Into the Future

It seemed like an April Fools’ joke. Only it wasn’t—just a headline-grabbing jolt of marketing genius.

In the lead-up to April’s Boston Marathon, one of the globe’s most treasured sporting events, Dunkin’ Donuts teamed with running footwear and apparel company Saucony to release a limited-edition Dunkin’ Donuts–branded running shoe.

Featuring Dunkin’s characteristic orange and pink hues, the Saucony x Dunkin’ Kinvara 9 included the vibrant image of a strawberry-frosted doughnut with orange, magenta, and chocolate-colored sprinkles pictures of Dunkin’ beverages on the insoles and the quick-service concept’s “America runs on Dunkin’” tagline printed vertically down the heel.

A viral hit, the shoe quickly sold out while generating abundant attention on social media, running forums, and tastemaker blogs and publications.

While a collaboration between a running shoe brand and a doughnut-peddling conglomerate wouldn’t seem the most natural of partnerships, Dunkin’ Donuts knows plenty about forward momentum.

Last year, the company added 280 units to its system, raising its total store count to 12,538 and propelling system-wide sales to nearly $9.2 billion. Those rising gains compel Dunkin’ Donuts chief marketing officer Tony Weisman to use but one word when describing the state of the Dunkin’ Donuts enterprise: “Energetic.”

“There’s never been a better time to be part of the Dunkin’ Donuts brand, and we’re excited about our brand’s future,” Weisman says.

There’s certainly reason for optimism and enthusiasm to reign at Dunkin’s corporate office on the outskirts of Boston. Though admittedly facing challenges in a hyper-competitive environment, Dunkin’ has positioned itself well for the years ahead with a slew of innovative products, accelerating digital initiatives, and a dynamic new restaurant prototype designed around convenience and marketplace relevance.

“Dunkin’ has a lot in its pipeline that sets the stage for improvement on the same-store sales and traffic fronts,” says Morningstar senior restaurant analyst R.J. Hottovy.

Today’s Dunkin’ Donuts menu reflects its rejuvenated, uber-focused mindset on the contemporary consumer and system-wide success. Over the last year, Dunkin’ has worked to simplify its menu, ridding stores of slow-moving, complex, and off-strategy items and slimming its menu by about 10 percent.

“As they were searching for answers to drive growth [in past years], they expanded their menu out and made it more difficult than it needed to be,” BMO Capital Markets analyst Andrew Strelzik says of Dunkin’.

Though Dunkin’ executives cited the menu simplification efforts as the reason for a recent slide in transactions and sales, it was largely considered short-term pain for long-term gain. Now active in all of its U.S. restaurants, Dunkin’s simplified menu has spurred labor savings and allowed staff added opportunity to focus on the guest experience.

“We’re pleased with the results to date,” Weisman says. “In addition to faster, more accurate service and a more consistent consumer experience from store to store, menu simplification allows us to make room for future menu innovations.”

And innovate Dunkin’ will. In recent months, the chain has unveiled clever LTOs ranging from last May’s Royal Love Donut celebrating the nuptials of Prince Harry and Meghan Markle to Girl Scout Cookie–flavored beverages, as well as new espresso products and extensions to its premium tea and frozen beverage lineup.

Dunkin's $2 Run Snacking menu was created to pair with the chain's signature beverages.

Dunkin's DD Perks rewards program was owered by more than 2 million new enrollees in 2017.

Dunkin’ also tested a $2 snacking menu at select Boston-area stores before launching it nationwide in late July. The options include an eccentric mix of sweet and savory items, such as doughnut fries, Munchkin dippers, gluten-free brownies, and pretzel bites all designed to pair with Dunkin’s signature beverages for an afternoon snack.

“In the snacking category, it’s clear they’re trying to hit on consumer trends and build resonance with a younger customer base,” Strelzik says.

The $2 snack menu test further signified Dunkin’s march toward value plays as well. Earlier this year, the company launched its national value menu built around the $2, $3, and $5 price points. Called Dunkin’ Go2s, the menu includes some of the chain’s most popular breakfast sandwiches, such as a $2 Two Egg & Cheese Wake-up Wrap Sandwich or a pair of Bacon, Egg & Cheese Croissants for $5.

Driven by the success of its breakfast sandwiches, Dunkin’s morning business—its bread and butter for nearly 70 years and representing about 60 percent of the systemwide sales—has surged in recent quarters, strengthening the brand’s presence in a daypart filled with powerhouse players like McDonald’s and Starbucks.

“Dunkin’s a legacy player ripe for encroachment, yet they’re hitting on trends and reinvigorating the brand while leveraging brand equity against core usage occasions to compete effectively,” Strelzik says.

Meanwhile, Dunkin’ continues heeding consumers’ calls for cleaner ingredients, removing artificial dyes from its doughnuts and beginning to eliminate synthetic dyes from its entire food and beverage lineup. The company has also launched a test of a digital catering platform in several key markets, investigated third-party delivery options, and committed itself to growing its consumer packaged goods (cpg) business in an effort to bolster revenue and branding. In the past three years, in fact, Dunkin’s CPG business, which includes ready-to-drink Iced Coffee and Dunkin’ K-Cup pods, has more than doubled, from $400 million in retail sales to $900 million.

That’s all part of the energy Weisman speaks so enthusiastically about.

“Dunkin’ Donuts is a brand that’s always on the move … [and] we’re pleased with the results of many different initiatives we have in motion,” he says.

But company leaders recognize they’re in the early miles of a trying endurance run that will test their resolve.

Setting the stage for future gains

Recognizing that success in the competitive quick-service environment requires steady performance in the present as well as an eye on the future, Dunkin’ executives have continued to explore ways in which they might build on the brand’s well-established heritage while delivering modern and relevant experiences capable of fueling sustainable, long-term growth.

Central to that effort is Dunkin’s DD Perks rewards program. Powered by more than 2 million new enrollees in 2017, the loyalty program is pushing toward 9 million members.

“We see DD Perks as an important part of our brand strategy, especially as we look for ways to further reward our loyal guests and offer them more relevant promotions tailored just for them, as well as in-store conveniences with our On-the-Go Mobile Ordering,” Weisman says.

Indeed, Dunkin’s DD Perks program is uniquely tied to its mobile-ordering platform, which strives to make the brand even more convenient and accessible for guests. With On-the-Go Mobile Ordering, guests can place their order ahead of time and then speed past the line to pick up their order at the store.

“Our On-the-Go Mobile Ordering has a roughly 80 percent retrial rate, showing that the program is clearly resonating with our guests and bringing them value,” Weisman says, adding that Dunkin’ will continue exploring ways to make DD Perks more flexible and attractive to guests.

Hottovy calls the continued success of DD Perks and mobile important to Dunkin’s vitality in the years ahead.

“They’re making headway on the mobile front, and that’s one of the great ways to keep consistent traffic,” Hottovy says.

But with plans of opening as many as 1,000 new stores over the next two years and soon reaching as many as 18,000 U.S. units, it will take even more for Dunkin’ to cement its spot among the quick-service elite.

Enter Dunkin’s NextGen store, the first of which opened in Quincy, Massachusetts, in January. (In one particularly notable turn, the store’s exterior drops the “Donuts” and simply reads “Dunkin’” in a nod to the store’s more diverse, albeit recently slimmed-down menu.)

Located about one mile away from the original Dunkin’ Donuts unit, the 2,200-square-foot store features a drive-thru line exclusively dedicated to mobile orders, a brighter interior design characterized by an open layout and natural light, espresso machines, a digital order status board, an expanded grab-and-go unit, and a tap system serving eight signature cold beverages, including coffee, iced tea, cold brew, and nitro-infused cold brew. Company leaders are betting that the NextGen store will refresh the brand and drive same-store sales growth for years to come.

“The launch of our NextGen store design and restaurant experience marks one of the most important moments in our growth as an on-the-go, beverage-led brand,” Weisman says. “Our new store design emphasizes and enhances the unparalleled speed and convenience that distinguishes Dunkin’ from competitors.”

Dunkin’ plans on developing roughly 50 NextGen stores across the U.S. over the course of 2018. In the meantime, though, various Dunkin’ franchisees have deferred restaurant remodels in the short-term in order to convert their restaurants to the new design.

“[That] is a great indicator that when we move forward together, we will be able to do so in a meaningful way,” Weisman says of the company’s relationship with its franchise partners.

Paired with nontraditional store growth, a particularly successful play that has seen Dunkin’ unveil units in casinos, travel centers, colleges, hospitals, and stadiums, Weisman says he and his colleagues see “significant opportunity” to grow the Dunkin’ Donuts brand across the U.S. In particular, the brand sees sizable potential in markets across the West like California, where Dunkin’, once a foreigner, now boasts more than 70 locations.

“Ultimately, our goal is to give consumers broad access to our brand, especially as they’re on the go in their day-to-day lives,” Weisman says.

After finding some early momentum with its simplified menu, DD Perks, mobile ordering, the NextGen store, and the like, Strelzik says it’s now imperative that Dunkin’ consistently reinforces some of these viable elements to compete in the long run.


More Keto Fat Bombs

Need even more low carb keto fat bombs to help you stay on track? We’ve got you covered with tons of delicious keto fat bomb recipes that are sure to knock your socks off.

    Fat Bombs- We’ve come up with tons of low carb recipes overtime, but we are especially proud of this 1g of carb cookie dough fat bomb! – Ice cream fat bombs are a delicacy in our household. These snickers fat bombs are the perfect serving size so that you can have one bite size piece and move on with your evening. – Always on the go and need something easy to bring along with you? These shelf stable fat bombs make the perfect high fat treat if you want a simpler recipe than these cream cheese fat bombs. – The best coco-nutty, chocolaty, fat bombs recipe out there. Never feel like you’re missing out on your favorite candy again with these tasty treats!

If that’s not enough check out our whole Keto Fat Bomb Bible packed with sweet AND savory recipes great for a ketogenic diet.


Harpoon Brewery and Dunkin’ Launch New Coffee and Donut-Infused Beers for Fall

BOSTON and CANTON, Mass. – Harpoon Brewery and Dunkin’ are at it again, launching a series of new coffee and—for the first time—donut-infused beers for fall. A trio of new beers, Harpoon Dunkin’ Pumpkin Spiced Latte Ale, Boston Kreme Stout, and Jelly Donut IPA, join Harpoon Dunkin’ Coffee Porter on shelves this September and mark the first time beers have been brewed with actual donuts from Dunkin’.

After the extremely positive reaction the Harpoon Dunkin’ Coffee Porter received from fans for two consecutive seasons, the brewers at Harpoon took it a step further to see what would happen if they brewed a beer made with Dunkin’s famous donuts, creating a new lineup that celebrates classic fall coffee and donut flavors:

  • Harpoon Dunkin’ Pumpkin | Inspired by everyone’s favorite fall pumpkin latte, this “Spiced Latte Ale” is brewed with real pumpkin, pumpkin pie spices, and a splash of coffee. Light in color and easy-drinking, it’s a perfect blend of all the autumn flavors we love, with just a touch of espresso-like roast! ABV: 5.2%
  • Harpoon Dunkin’ Boston Kreme | This “Boston Kreme Stout” is brewed with real Dunkin’ donuts and cacao nibs, which add extra dough-like and chocolatey notes to an easy-drinking, creamy Dry Irish Stout. ABV: 4.3%
  • Harpoon Dunkin’ Jelly Donut | Brewed with real Dunkin’ donuts and raspberry purée, this slightly hazy IPA has bright notes of jelly and citrus from the addition of fruit-forward Hüll Melon and Citra hops. ABV: 5.7%
  • Harpoon Dunkin’ Coffee Porter | Harpoon’s first ever tribute to the Dunkin’ coffee that has helped keep Harpoon brewers running, this classic American Porter combines malty notes of chocolate, caramel, and toffee with the comforting and familiar flavor of Dunkin’ Original Blend coffee. ABV: 6.0%

“We’re excited to elevate our collaboration with Harpoon this fall with the introduction ofHarpoon Dunkin’ Pumpkin beer and the first ever Harpoon beer made with real Dunkin’ donuts,” said Brian Gilbert, Vice President of Retail Business Development at Dunkin’. “We have no doubt the new donut brews, along with the rest of this new fall lineup, will bring the same moments of sweetness and smiles our coffee and donuts have created for 70 years.”

“After more than two years and three seasons of collaborating with the Dunkin’ team, our fans have come to expect a delicious fall beer from us, but we wanted to give them something extra special this year,” said Dan Kenary, Harpoon CEO and co-founder. “Our brewers have always been master innovators, but brewing beer made with real donuts was a first even for them. It’s hard to pick a favorite of the four recipes – just like it’s hard to pick a favorite donut from Dunkin’ – but we hope both our and Dunkin’s fans have a blast trying.”

Harpoon Dunkin’ Pumpkin will be available on draft and in bottled 6-packs as well as in the new Harpoon Dunkin’ Dozen mix pack, which features 3 cans of each seasonal beer flavor. These limited releases will be available everywhere Harpoon is sold beginning in September.

To find them all near you, check out the Harpoon beer finder:https://www.harpoonbrewery.com/beer-finder/.

About the Harpoon Brewery

The Harpoon Brewery was founded in 1986 by beer lovers who wanted more and better beer options. When the Brewery was founded, Harpoon was issued Brewing Permit #001 by the Commonwealth of Massachusetts, since it was the first to brew commercially in Boston after a dormant period of about 25 years. Since then, it has expanded to a second brewery in Windsor, VT. Harpoon’s line of craft beer features its award-winning IPA and seasonal beers, along with special limited releases. In 2014, Harpoon became an employee-owned company.


10. Birthday Cake Coolatta

This is the craziest of all the drinks I have tried from Dunkin, but totally worth the crazy order. Buckle up, here we go. For this one, you’re going to order a vanilla bean coolatta with two pumps of hazelnut swirl, whipped cream, and donut sprinkles blended in. While there is not a lot to order for this drink, getting all of these ingredients together for this drink will be a pain for your barista, so please be kind! This will either excite your barista if they like their job or make them want to spit in your drink. But, personally, I think it’s worth the risk! They also might have a bit of mercy on you if you’re ordering this on your actual birthday!


Guarda il video: Beyoncé - Drunk in Love Explicit ft. JAY Z (Dicembre 2021).