Nuove ricette

Dormi nel lusso su un letto da $ 9.000 in questo Tokyo Nap Café

Dormi nel lusso su un letto da $ 9.000 in questo Tokyo Nap Café

I clienti possono gustare un caffè decaffeinato prima di dormire e saranno trattati con una tazza di caffè normale dopo il risveglio

Il bar pop-up è dotato di 10 letti su cui i clienti possono fare un pisolino.

Quando si tratta di caffè a tema, Tokyo ha tutto: la città è stata sede di pop-up dedicati a tutto, da Il mio piccolo pony a Super Mario. L'ultimo pop-up di Tokyo ha trasformato un caffè locale in un mondo da sogno, ed è perfetto per i perennemente assonnati.

In onore della Giornata Mondiale del Sonno (che si è svolta il 17 marzo), Nescafé e France Bed Co. hanno collaborato per lanciare un nap café al Nescafé Harajuku, RocketNews24 segnalato.

Al Nescafé x France Bed Sleep Café, i clienti possono fare un pisolino di due ore in tre tipi di lussuosi letti reclinabili elettrici tra cui il "Bosutesso BO-08", che viene venduto al dettaglio per circa $ 8.694, e il "RP1000DLX", che viene venduto al dettaglio per circa $ 1.065. In ogni letto, i visitatori possono controllare le impostazioni della luce in modalità "rilassamento" e ascoltare la musica su un Sony Walkman.

Per provare il caffè, i clienti devono acquistare almeno un alimento dal menu normale di Nescafé Harajuku.

Se sei a Tokyo e stai cercando di ricaricarti durante il giorno, il nap café sarà aperto fino al 26 marzo.

Per leggere del pop-up café di Chanel a Tokyo, clicca qui.


Neko JaLaLa Cat Café, Akihabara, Tokyo

Quando stavamo cercando cose stravaganti e meravigliose da fare a Tokyo, abbiamo appreso dei caffè per gatti. A Tokyo, dove gli appartamenti sono più simili a una cabina armadio americana, i residenti spesso non sono in grado di tenere animali domestici. In effetti, lo stile di vita di Tokyo è tale che si lavora fino alle 21:00 (o più tardi), si mangia un boccone e poi spesso si torna a casa a dormire. La maggior parte degli intrattenimenti, dei pasti e del relax avvengono fuori casa – ed è qui che entrano in gioco i cat café. In una città piena di persone in cui quasi il corpo naviga in metropolitana ogni giorno, le persone hanno bisogno di un luogo di tregua. E quasi niente è così rilassante come passare il tempo con gli animali... leggere un libro e avere un gatto rannicchiato accanto a te... ed è per questo che le persone vengono ai cat café. Siamo entrati intorno alle 17:30 di lunedì per vedere di cosa si trattava.

Proprio dietro l'angolo del quartiere dell'elettronica e degli anime di Akihabara a Tokyo si trova il Neko JaLaLa Cat Café. In realtà neko = gatto in giapponese e otto delle creature pelose risiedono dietro la maniglia della porta a zampa di ottone di Neko JaLaLa. Abbiamo avuto un po' di problemi a trovarlo inizialmente, dal momento che il sito web non aveva un indirizzo formale (almeno non in inglese), ma non preoccuparti... il proprietario è stato super disponibile al telefono e infatti ci ha fornito le indicazioni stradali mentre camminavamo dalla stazione della metropolitana. Perfetto!

Siamo stati quindi accolti alla porta dal proprietario che ci ha accolto calorosamente per incontrare i gattini. Mentre sorseggiavo un tè freddo allo zenzero e limone, ho iniziato a guardarmi intorno. In parte parco giochi per gattini e in parte caffè, c'erano gatti sulle librerie... in lussuosi letti da gattino... su sgabelli... su alberi per gatti imbottiti e lungo le pareti. C'era... su uno sgabello... il Maine Coon più grande che abbia mai visto e dubito seriamente che ne vedrò mai uno più grande. Aveva le dimensioni di un cane e aveva un aspetto piuttosto privo di umorismo. Un persiano arancione con la faccia schiacciata dormiva, si stiracchiava e dormiva ancora un po'. Un tabby Scottish Fold si svegliò da un pisolino e ci scrutò con un occhio. E “Jack” un gatto nero, noto anche come il gestore del locale, si è avvicinato a noi come per darci il benvenuto nella sua umile attività.

Un caffè pieno di gatti può sembrare una disconnessione in una città così preoccupata per la pulizia...dove persino i bagni pubblici hanno disinfettanti liquidi all'interno delle bancarelle, musica mascherata per nascondere lo scomodo imbarazzo di vedere la tua minzione ascoltata da altri e bidet con acqua calda a pulsante . Ma in effetti Neko JaLaLa era abbastanza ordinato e igienico... con le scarpe che venivano rimosse alla porta (comune nelle case private ma non necessariamente negli spazi pubblici), le borse messe negli angoli degli sgabuzzini e le mani igienizzate con un processo in 2 fasi. E solo allora si possono incontrare i gattini.

All'inizio eravamo un po' timidi, ma presto siamo entrati nel vivo delle cose con l'aiuto di un cesto di giocattoli. Tutti i gattini erano amichevoli... anche il feroce Maine Coon. (Assicurati di chiedere il bios del gatto - hanno in giapponese e inglese). Tutti i felini erano amichevoli, ma abbiamo notato che alcuni dei clienti sembravano legarsi in modo univoco a determinati gatti. Ad esempio, i gattini che hanno mostrato solo un interesse passeggero per me, si sono attaccati a un vicino e gli hanno tenuto compagnia per tutto il tempo. La mia preferita era una civettuola abissina dalla faccia tonda di nome Anne che amava suonare, accoccolarsi e inseguire la corda, non importa dove o quanto in alto fosse appesa.

Quando abbiamo deciso che era ora di partire, mi sono resa conto di avere un sorriso sul viso, un passo elastico e quella sensazione di dolore al collo era diminuita. Ehi, forse c'è davvero qualcosa in questa idea di terapia felina. Lascia che siano i giapponesi a superare in astuzia il resto di noi non solo sulla carineria, ma anche sul relax! Purrrr……rrrr……rrrr.

(2 tè freddo + 2 persone 1,5 ore nella caffetteria costano $ 26 USD)

Neko JaLaLa
Akihabara, Tokyo, Giappone
2 minuti a piedi dalla fermata Suehirocho della metropolitana di Tokyo
Telefono: +81 (0)3 3258 2525
Aperto dalle 11:00 alle 19:00


Neko JaLaLa Cat Café, Akihabara, Tokyo

Quando stavamo cercando cose stravaganti e meravigliose da fare a Tokyo, abbiamo appreso dei caffè per gatti. A Tokyo, dove gli appartamenti sono più simili a una cabina armadio americana, i residenti spesso non sono in grado di tenere animali domestici. In effetti, lo stile di vita di Tokyo è tale che si lavora fino alle 21:00 (o più tardi), si mangia un boccone e poi spesso si torna a casa per dormire. La maggior parte degli intrattenimenti, dei pasti e del relax avvengono fuori casa – ed è qui che entrano in gioco i cat café. In una città piena di persone in cui quasi il corpo naviga in metropolitana ogni giorno, le persone hanno bisogno di un luogo di tregua. E quasi niente è così rilassante come passare il tempo con gli animali... leggere un libro e avere un gatto rannicchiato accanto a te... ed è per questo che le persone vengono ai cat café. Siamo entrati intorno alle 17:30 di lunedì per vedere di cosa si trattava.

Proprio dietro l'angolo del quartiere dell'elettronica e degli anime di Akihabara a Tokyo si trova il Neko JaLaLa Cat Café. In realtà neko = gatto in giapponese e otto delle creature pelose risiedono dietro la maniglia della porta a zampa di ottone di Neko JaLaLa. Abbiamo avuto un po' di problemi a trovarlo inizialmente, dal momento che il sito web non aveva un indirizzo formale (almeno non in inglese), ma non preoccuparti... il proprietario è stato super disponibile al telefono e infatti ci ha parlato delle indicazioni mentre camminavamo dalla stazione della metropolitana. Perfetto!

Siamo stati quindi accolti alla porta dal proprietario che ci ha accolto calorosamente per incontrare i gattini. Mentre sorseggiavo un tè freddo allo zenzero e limone, ho iniziato a guardarmi intorno. In parte parco giochi per gattini e in parte caffè, c'erano gatti sulle librerie….in lussuosi letti per gattini…su sgabelli….su alberi di gatto imbottiti e lungo le pareti. C'era... su uno sgabello... il Maine Coon più grande che abbia mai visto e dubito seriamente che ne vedrò mai uno più grande. Aveva le dimensioni di un cane e aveva un aspetto piuttosto privo di umorismo. Un persiano arancione con la faccia schiacciata dormiva, si stiracchiava e dormiva ancora un po'. Un tabby Scottish Fold si svegliò da un pisolino e ci scrutò con un occhio. E “Jack” un gatto nero, noto anche come il gestore del locale, si è avvicinato a noi come per darci il benvenuto nella sua umile attività.

Un caffè pieno di gatti può sembrare una disconnessione in una città così preoccupata per la pulizia...dove persino i bagni pubblici hanno disinfettanti liquidi all'interno delle bancarelle, musica mascherata per nascondere lo scomodo imbarazzo di vedere la tua minzione ascoltata da altri e bidet con acqua calda a pulsante . Ma in effetti Neko JaLaLa era abbastanza ordinato e igienico... con le scarpe che venivano rimosse alla porta (comune nelle case private ma non necessariamente negli spazi pubblici), le borse messe negli angoli degli sgabuzzini e le mani igienizzate con un processo in 2 fasi. E solo allora si possono incontrare i gattini.

All'inizio eravamo un po' timidi, ma presto siamo entrati nel vivo delle cose con l'aiuto di un cesto di giocattoli. Tutti i gattini erano amichevoli... anche il feroce Maine Coon. (Assicurati di chiedere il bios del gatto - hanno in giapponese e inglese). Tutti i felini erano amichevoli, ma abbiamo notato che alcuni dei clienti sembravano legarsi in modo univoco a determinati gatti. Ad esempio, i gattini che hanno mostrato solo un interesse passeggero per me, si sono attaccati a un vicino e gli hanno tenuto compagnia per tutto il tempo. La mia preferita era una civettuola abissina dalla faccia tonda di nome Anne che amava suonare, accoccolarsi e inseguire la corda, non importa dove o quanto in alto fosse appesa.

Quando abbiamo deciso che era ora di partire, mi sono resa conto di avere un sorriso sul viso, un passo elastico e quella sensazione di dolore al collo era diminuita. Ehi, forse c'è davvero qualcosa in questa idea di terapia felina. Lascia che siano i giapponesi a superare in astuzia il resto di noi non solo sulla carineria, ma anche sul relax! Purrrr……rrrr……rrrr.

(2 tè freddo + 2 persone 1,5 ore nel caffè costano $ 26 USD)

Neko JaLaLa
Akihabara, Tokyo, Giappone
2 minuti a piedi dalla fermata Suehirocho della metropolitana di Tokyo
Telefono: +81 (0)3 3258 2525
Aperto dalle 11:00 alle 19:00


Neko JaLaLa Cat Café, Akihabara, Tokyo

Quando stavamo cercando cose stravaganti e meravigliose da fare a Tokyo, abbiamo appreso dei caffè per gatti. A Tokyo, dove gli appartamenti sono più simili a una cabina armadio americana, i residenti spesso non sono in grado di tenere animali domestici. In effetti, lo stile di vita di Tokyo è tale che si lavora fino alle 21:00 (o più tardi), si mangia un boccone e poi spesso si torna a casa a dormire. La maggior parte degli intrattenimenti, dei pasti e del relax avvengono fuori casa – ed è qui che entrano in gioco i cat café. In una città piena di persone dove quasi il corpo naviga in metropolitana ogni giorno, le persone hanno bisogno di un luogo di ristoro. E quasi niente è così rilassante come passare il tempo con gli animali... leggere un libro e avere un gatto rannicchiato accanto a te... ed è per questo che le persone vengono ai cat café. Siamo entrati intorno alle 17:30 di lunedì per vedere di cosa si trattava.

Proprio dietro l'angolo del quartiere dell'elettronica e degli anime di Akihabara a Tokyo si trova il Neko JaLaLa Cat Café. In realtà neko = gatto in giapponese e otto delle creature pelose risiedono dietro la maniglia della porta a zampa di ottone di Neko JaLaLa. Abbiamo avuto un po' di problemi a trovarlo inizialmente, dal momento che il sito web non aveva un indirizzo formale (almeno non in inglese), ma non preoccuparti... il proprietario è stato super disponibile al telefono e infatti ci ha parlato delle indicazioni mentre camminavamo dalla stazione della metropolitana. Perfetto!

Siamo stati poi accolti alla porta dal proprietario che ci ha accolto calorosamente per incontrare i gattini. Mentre sorseggiavo un tè freddo allo zenzero e limone, ho iniziato a guardarmi intorno. In parte parco giochi per gattini e in parte caffè, c'erano gatti sulle librerie….in lussuosi letti per gattini…su sgabelli….su alberi di gatto imbottiti e lungo le pareti. C'era... su uno sgabello... il Maine Coon più grande che abbia mai visto e dubito seriamente che ne vedrò mai uno più grande. Aveva le dimensioni di un cane e aveva un aspetto piuttosto privo di umorismo. Un persiano arancione con la faccia schiacciata dormiva, si stiracchiava e dormiva ancora un po'. Un tabby Scottish Fold si svegliò da un pisolino e ci scrutò con un occhio. E “Jack” un gatto nero, noto anche come il gestore del locale, si è avvicinato a noi come per darci il benvenuto nella sua umile attività.

Un caffè pieno di gatti può sembrare una disconnessione in una città così preoccupata per la pulizia...dove persino i bagni pubblici hanno disinfettanti liquidi all'interno delle bancarelle, musica mascherata per nascondere lo scomodo imbarazzo di far sentire la tua minzione da altri e bidet con acqua calda a pulsante . Ma in effetti Neko JaLaLa era abbastanza ordinato e igienico... con le scarpe che venivano rimosse alla porta (comune nelle case private ma non necessariamente negli spazi pubblici), le borse messe negli angoli degli sgabuzzini e le mani igienizzate con un processo in 2 fasi. E solo allora si possono incontrare i gattini.

All'inizio eravamo un po' timidi, ma presto siamo entrati nel vivo delle cose con l'aiuto di un cesto di giocattoli. Tutti i gattini erano amichevoli... anche il feroce Maine Coon. (Assicurati di chiedere il bios del gatto - hanno in giapponese e inglese). Tutti i felini erano amichevoli, ma abbiamo notato che alcuni dei clienti sembravano legarsi in modo univoco a determinati gatti. Ad esempio, i gattini che hanno mostrato solo un interesse passeggero per me, si sono attaccati a un vicino e gli hanno tenuto compagnia per tutto il tempo. La mia preferita era una civettuola abissina dalla faccia tonda di nome Anne che amava suonare, accoccolarsi e inseguire la corda, non importa dove o quanto in alto fosse appesa.

Quando abbiamo deciso che era ora di partire, mi sono resa conto di avere un sorriso sul viso, un passo elastico e quella sensazione di dolore al collo era diminuita. Ehi, forse c'è davvero qualcosa in questa idea di terapia felina. Lascia che siano i giapponesi a superare in astuzia il resto di noi non solo sulla carineria, ma anche sul relax! Purrrr……rrrr……rrrr.

(2 tè freddo + 2 persone 1,5 ore nella caffetteria costano $ 26 USD)

Neko JaLaLa
Akihabara, Tokyo, Giappone
2 minuti a piedi dalla fermata Suehirocho della metropolitana di Tokyo
Telefono: +81 (0)3 3258 2525
Aperto dalle 11:00 alle 19:00


Neko JaLaLa Cat Café, Akihabara, Tokyo

Quando stavamo cercando cose stravaganti e meravigliose da fare a Tokyo, abbiamo appreso dei caffè per gatti. A Tokyo, dove gli appartamenti sono più simili a una cabina armadio americana, i residenti spesso non sono in grado di tenere animali domestici. In effetti, lo stile di vita di Tokyo è tale che si lavora fino alle 21:00 (o più tardi), si mangia un boccone e poi spesso si torna a casa a dormire. La maggior parte dell'intrattenimento, della ristorazione e del relax avviene fuori casa – ed è qui che entrano in gioco i cat café. In una città piena di persone dove quasi il corpo naviga in metropolitana ogni giorno, le persone hanno bisogno di un luogo di tregua. E quasi niente è così rilassante come passare il tempo con gli animali... leggere un libro e avere un gatto rannicchiato accanto a te... ed è per questo che le persone vengono ai cat café. Siamo entrati intorno alle 17:30 di lunedì per vedere di cosa si trattava.

Proprio dietro l'angolo del quartiere dell'elettronica e degli anime di Akihabara a Tokyo si trova il Neko JaLaLa Cat Café. In realtà neko = gatto in giapponese e otto delle creature pelose risiedono dietro la maniglia della porta a zampa di ottone di Neko JaLaLa. Abbiamo avuto un po' di problemi a trovarlo inizialmente, dal momento che il sito web non aveva un indirizzo formale (almeno non in inglese), ma non preoccuparti... il proprietario è stato super disponibile al telefono e infatti ci ha fornito le indicazioni stradali mentre camminavamo dalla stazione della metropolitana. Perfetto!

Siamo stati poi accolti alla porta dal proprietario che ci ha accolto calorosamente per incontrare i gattini. Mentre sorseggiavo un tè freddo allo zenzero e limone, ho iniziato a guardarmi intorno. In parte parco giochi per gattini e in parte caffè, c'erano gatti sulle librerie….in lussuosi letti per gattini…su sgabelli….su alberi di gatto imbottiti e lungo le pareti. C'era... su uno sgabello... il Maine Coon più grande che abbia mai visto e dubito seriamente che ne vedrò mai uno più grande. Aveva le dimensioni di un cane e aveva un aspetto piuttosto privo di umorismo. Un persiano arancione con la faccia schiacciata dormiva, si stiracchiava e dormiva ancora un po'. Un tabby Scottish Fold si svegliò da un pisolino e ci scrutò con un occhio. E “Jack” un gatto nero, noto anche come il gestore del locale, si è avvicinato a noi come per darci il benvenuto nella sua umile attività.

Un caffè pieno di gatti può sembrare una disconnessione in una città così preoccupata per la pulizia...dove persino i bagni pubblici hanno disinfettanti liquidi all'interno delle bancarelle, musica mascherata per nascondere lo scomodo imbarazzo di vedere la tua minzione ascoltata da altri e bidet con acqua calda a pulsante . Ma in effetti Neko JaLaLa era abbastanza ordinato e igienico... con le scarpe che venivano rimosse alla porta (comune nelle case private ma non necessariamente negli spazi pubblici), le borse messe negli angoli degli sgabuzzini e le mani igienizzate con un processo in 2 fasi. E solo allora si possono incontrare i gattini.

All'inizio eravamo un po' timidi, ma presto siamo entrati nel vivo delle cose con l'aiuto di un cesto di giocattoli. Tutti i gattini erano amichevoli... anche il feroce Maine Coon. (Assicurati di chiedere il bios del gatto - hanno in giapponese e inglese). Tutti i felini erano amichevoli, ma abbiamo notato che alcuni dei clienti sembravano legarsi in modo univoco a determinati gatti. Ad esempio, i gattini che hanno mostrato solo un interesse passeggero per me, si sono attaccati a un vicino e gli hanno tenuto compagnia per tutto il tempo. La mia preferita era una civettuola abissina dalla faccia tonda di nome Anne che amava suonare, accoccolarsi e inseguire la corda, non importa dove o quanto in alto fosse appesa.

Quando abbiamo deciso che era ora di partire, mi sono resa conto di avere un sorriso sul viso, un passo elastico e quella sensazione di dolore al collo era diminuita. Ehi, forse c'è davvero qualcosa in questa idea di terapia felina. Lascia che siano i giapponesi a superare in astuzia il resto di noi non solo sulla carineria, ma anche sul relax! Purrrr……rrrr……rrrr.

(2 tè freddo + 2 persone 1,5 ore nella caffetteria costano $ 26 USD)

Neko JaLaLa
Akihabara, Tokyo, Giappone
2 minuti a piedi dalla fermata Suehirocho della metropolitana di Tokyo
Telefono: +81 (0)3 3258 2525
Aperto dalle 11:00 alle 19:00


Neko JaLaLa Cat Café, Akihabara, Tokyo

Quando stavamo cercando cose stravaganti e meravigliose da fare a Tokyo, abbiamo appreso dei caffè per gatti. A Tokyo, dove gli appartamenti sono più simili a una cabina armadio americana, i residenti spesso non sono in grado di tenere animali domestici. In effetti, lo stile di vita di Tokyo è tale che si lavora fino alle 21:00 (o più tardi), si mangia un boccone e poi spesso si torna a casa per dormire. La maggior parte dell'intrattenimento, della ristorazione e del relax avviene fuori casa – ed è qui che entrano in gioco i cat café. In una città piena di persone dove quasi il corpo naviga in metropolitana ogni giorno, le persone hanno bisogno di un luogo di tregua. E quasi niente è così rilassante come passare il tempo con gli animali... leggere un libro e avere un gatto rannicchiato accanto a te... ed è per questo che le persone vengono ai cat café. Siamo entrati intorno alle 17:30 di lunedì per vedere di cosa si trattava.

Proprio dietro l'angolo del quartiere dell'elettronica e degli anime di Akihabara a Tokyo si trova il Neko JaLaLa Cat Café. In realtà neko = gatto in giapponese e otto delle creature pelose risiedono dietro la maniglia della porta a zampa di ottone di Neko JaLaLa. Abbiamo avuto un po' di problemi a trovarlo inizialmente, dal momento che il sito web non aveva un indirizzo formale (almeno non in inglese), ma non preoccuparti... il proprietario è stato super disponibile al telefono e infatti ci ha fornito le indicazioni stradali mentre camminavamo dalla stazione della metropolitana. Perfetto!

Siamo stati poi accolti alla porta dal proprietario che ci ha accolto calorosamente per incontrare i gattini. Mentre sorseggiavo un tè freddo allo zenzero e limone, ho iniziato a guardarmi intorno. In parte parco giochi per gattini e in parte caffè, c'erano gatti sulle librerie….in lussuosi letti per gattini…su sgabelli….su alberi di gatto imbottiti e lungo le pareti. C'era... su uno sgabello... il Maine Coon più grande che abbia mai visto e dubito seriamente che ne vedrò mai uno più grande. Aveva le dimensioni di un cane e aveva un aspetto piuttosto privo di umorismo. Un persiano arancione con la faccia schiacciata dormiva, si stiracchiava e dormiva ancora un po'. Un tabby Scottish Fold si svegliò da un pisolino e ci scrutò con un occhio. E “Jack” un gatto nero, noto anche come il gestore del locale, si è avvicinato a noi come per darci il benvenuto nella sua umile attività.

Un caffè pieno di gatti può sembrare una disconnessione in una città così preoccupata per la pulizia...dove persino i bagni pubblici hanno disinfettanti liquidi all'interno delle bancarelle, musica mascherata per nascondere lo scomodo imbarazzo di vedere la tua minzione ascoltata da altri e bidet con acqua calda a pulsante . Ma in effetti Neko JaLaLa era abbastanza ordinato e igienico... con le scarpe che venivano rimosse alla porta (comune nelle case private ma non necessariamente negli spazi pubblici), le borse messe negli angoli degli sgabuzzini e le mani igienizzate con un processo in 2 fasi. E solo allora si possono incontrare i gattini.

All'inizio eravamo un po' timidi, ma presto siamo entrati nel vivo delle cose con l'aiuto di un cesto di giocattoli. Tutti i gattini erano amichevoli... anche il feroce Maine Coon. (Assicurati di chiedere il bios del gatto - hanno in giapponese e inglese). Tutti i felini erano amichevoli, ma abbiamo notato che alcuni dei clienti sembravano legarsi in modo univoco a determinati gatti. Ad esempio, i gattini che hanno mostrato solo un interesse passeggero per me, si sono attaccati a un vicino e gli hanno tenuto compagnia per tutto il tempo. La mia preferita era una civettuola abissina dalla faccia tonda di nome Anne che amava suonare, accoccolarsi e inseguire la corda, non importa dove o quanto in alto fosse appesa.

Quando abbiamo deciso che era ora di partire, mi sono resa conto di avere un sorriso sul viso, un passo elastico e quella sensazione di dolore al collo era diminuita. Ehi, forse c'è davvero qualcosa in questa idea di terapia felina. Lascia che siano i giapponesi a superare in astuzia il resto di noi non solo sulla carineria, ma anche sul relax! Purrrr……rrrr……rrrr.

(2 tè freddo + 2 persone 1,5 ore nella caffetteria costano $ 26 USD)

Neko JaLaLa
Akihabara, Tokyo, Giappone
2 minuti a piedi dalla fermata Suehirocho della metropolitana di Tokyo
Telefono: +81 (0)3 3258 2525
Aperto dalle 11:00 alle 19:00


Neko JaLaLa Cat Café, Akihabara, Tokyo

Quando stavamo cercando cose stravaganti e meravigliose da fare a Tokyo, abbiamo appreso dei caffè per gatti. A Tokyo, dove gli appartamenti sono più simili a una cabina armadio americana, i residenti spesso non sono in grado di tenere animali domestici. In effetti, lo stile di vita di Tokyo è tale che si lavora fino alle 21:00 (o più tardi), si mangia un boccone e poi spesso si torna a casa a dormire. La maggior parte degli intrattenimenti, dei pasti e del relax avvengono fuori casa – ed è qui che entrano in gioco i cat café. In una città piena di persone in cui quasi il corpo naviga in metropolitana ogni giorno, le persone hanno bisogno di un luogo di tregua. E quasi niente è così rilassante come passare il tempo con gli animali... leggere un libro e avere un gatto rannicchiato accanto a te... ed è per questo che le persone vengono ai cat café. Siamo entrati intorno alle 17:30 di lunedì per vedere di cosa si trattava.

Proprio dietro l'angolo del quartiere dell'elettronica e degli anime di Akihabara a Tokyo si trova il Neko JaLaLa Cat Café. In realtà neko = gatto in giapponese e otto delle creature pelose risiedono dietro la maniglia della porta a zampa di ottone di Neko JaLaLa. Abbiamo avuto un po' di problemi a trovarlo inizialmente, dal momento che il sito web non aveva un indirizzo formale (almeno non in inglese), ma non preoccuparti... il proprietario è stato super disponibile al telefono e infatti ci ha fornito le indicazioni stradali mentre camminavamo dalla stazione della metropolitana. Perfetto!

Siamo stati poi accolti alla porta dal proprietario che ci ha accolto calorosamente per incontrare i gattini. Mentre sorseggiavo un tè freddo allo zenzero e limone, ho iniziato a guardarmi intorno. In parte parco giochi per gattini e in parte caffè, c'erano gatti sulle librerie….in lussuosi letti per gattini…su sgabelli….su alberi di gatto imbottiti e lungo le pareti. C'era... su uno sgabello... il Maine Coon più grande che abbia mai visto e dubito seriamente che ne vedrò mai uno più grande. Aveva le dimensioni di un cane e aveva un aspetto piuttosto privo di umorismo. Un persiano arancione con la faccia schiacciata dormiva, si stiracchiava e dormiva ancora un po'. Un tabby Scottish Fold si svegliò da un pisolino e ci scrutò con un occhio. E “Jack” un gatto nero, noto anche come il gestore del locale, si è avvicinato a noi come per darci il benvenuto nella sua umile attività.

Un caffè pieno di gatti può sembrare una disconnessione in una città così preoccupata per la pulizia...dove persino i bagni pubblici hanno disinfettanti liquidi all'interno delle bancarelle, musica mascherata per nascondere lo scomodo imbarazzo di vedere la tua minzione ascoltata da altri e bidet con acqua calda a pulsante . Ma in effetti Neko JaLaLa era abbastanza ordinato e igienico... con le scarpe che venivano rimosse alla porta (comune nelle case private ma non necessariamente negli spazi pubblici), le borse messe negli angoli degli sgabuzzini e le mani igienizzate con un processo in 2 fasi. E solo allora si possono incontrare i gattini.

All'inizio eravamo un po' timidi, ma presto siamo entrati nel vivo delle cose con l'aiuto di un cesto di giocattoli. Tutti i gattini erano amichevoli... anche il feroce Maine Coon. (Assicurati di chiedere il bios del gatto - hanno in giapponese e inglese). Tutti i felini erano amichevoli, ma abbiamo notato che alcuni dei clienti sembravano legarsi in modo univoco a determinati gatti. Ad esempio, i gattini che hanno mostrato solo un interesse passeggero per me, si sono attaccati a un vicino e gli hanno tenuto compagnia per tutto il tempo. La mia preferita era una civettuola abissina dalla faccia tonda di nome Anne che amava suonare, accoccolarsi e inseguire la corda, non importa dove o quanto in alto fosse appesa.

Quando abbiamo deciso che era ora di partire, mi sono resa conto di avere un sorriso sul viso, un passo elastico e quella sensazione di dolore al collo era diminuita. Ehi, forse c'è davvero qualcosa in questa idea di terapia felina. Lascia che siano i giapponesi a superare in astuzia il resto di noi non solo sulla carineria, ma anche sul relax! Purrrr……rrrr……rrrr.

(2 tè freddo + 2 persone 1,5 ore nella caffetteria costano $ 26 USD)

Neko JaLaLa
Akihabara, Tokyo, Giappone
2 minuti a piedi dalla fermata Suehirocho della metropolitana di Tokyo
Telefono: +81 (0)3 3258 2525
Aperto dalle 11:00 alle 19:00


Neko JaLaLa Cat Café, Akihabara, Tokyo

Quando stavamo cercando cose stravaganti e meravigliose da fare a Tokyo, abbiamo appreso dei caffè per gatti. A Tokyo, dove gli appartamenti sono più simili a una cabina armadio americana, i residenti spesso non sono in grado di tenere animali domestici. In effetti, lo stile di vita di Tokyo è tale che si lavora fino alle 21:00 (o più tardi), si mangia un boccone e poi spesso si torna a casa a dormire. La maggior parte degli intrattenimenti, dei pasti e del relax avvengono fuori casa – ed è qui che entrano in gioco i cat café. In una città piena di persone in cui quasi il corpo naviga in metropolitana ogni giorno, le persone hanno bisogno di un luogo di tregua. E quasi niente è così rilassante come passare il tempo con gli animali... leggere un libro e avere un gatto rannicchiato accanto a te... ed è per questo che le persone vengono ai cat café. Siamo entrati intorno alle 17:30 di lunedì per vedere di cosa si trattava.

Proprio dietro l'angolo del quartiere dell'elettronica e degli anime di Akihabara a Tokyo si trova il Neko JaLaLa Cat Café. In realtà neko = gatto in giapponese e otto delle creature pelose risiedono dietro la maniglia della porta a zampa di ottone di Neko JaLaLa. Abbiamo avuto un po' di problemi a trovarlo inizialmente, dal momento che il sito web non aveva un indirizzo formale (almeno non in inglese), ma non preoccuparti... il proprietario è stato super disponibile al telefono e infatti ci ha fornito le indicazioni stradali mentre camminavamo dalla stazione della metropolitana. Perfetto!

Siamo stati poi accolti alla porta dal proprietario che ci ha accolto calorosamente per incontrare i gattini. Mentre sorseggiavo un tè freddo allo zenzero e limone, ho iniziato a guardarmi intorno. In parte parco giochi per gattini e in parte caffè, c'erano gatti sulle librerie... in lussuosi letti da gattino... su sgabelli... su alberi per gatti imbottiti e lungo le pareti. C'era... su uno sgabello... il Maine Coon più grande che abbia mai visto e dubito seriamente che ne vedrò mai uno più grande. Aveva le dimensioni di un cane e aveva un aspetto piuttosto privo di umorismo. Un persiano arancione con la faccia schiacciata dormiva, si stiracchiava e dormiva ancora un po'. Un tabby Scottish Fold si svegliò da un pisolino e ci scrutò con un occhio. E “Jack” un gatto nero, noto anche come il gestore del locale, si è avvicinato a noi come per darci il benvenuto nella sua umile attività.

Un caffè pieno di gatti può sembrare una disconnessione in una città così preoccupata per la pulizia...dove persino i bagni pubblici hanno disinfettanti liquidi all'interno delle bancarelle, musica mascherata per nascondere lo scomodo imbarazzo di vedere la tua minzione ascoltata da altri e bidet con acqua calda a pulsante . Ma in effetti Neko JaLaLa era abbastanza ordinato e igienico... con le scarpe che venivano rimosse alla porta (comune nelle case private ma non necessariamente negli spazi pubblici), le borse messe negli angoli degli sgabuzzini e le mani igienizzate con un processo in 2 fasi. E solo allora si possono incontrare i gattini.

All'inizio eravamo un po' timidi, ma presto siamo entrati nel vivo delle cose con l'aiuto di un cesto di giocattoli. Tutti i gattini erano amichevoli... anche il feroce Maine Coon. (Assicurati di chiedere il bios del gatto - hanno in giapponese e inglese). Tutti i felini erano amichevoli, ma abbiamo notato che alcuni dei clienti sembravano legarsi in modo univoco a determinati gatti. Ad esempio, i gattini che hanno mostrato solo un interesse passeggero per me, si sono attaccati a un vicino e gli hanno tenuto compagnia per tutto il tempo. La mia preferita era una civettuola abissina dalla faccia tonda di nome Anne che amava suonare, accoccolarsi e inseguire la corda, non importa dove o quanto in alto fosse appesa.

Quando abbiamo deciso che era ora di partire, mi sono resa conto di avere un sorriso sul viso, un passo elastico e quella sensazione di dolore al collo era diminuita. Ehi, forse c'è davvero qualcosa in questa idea di terapia felina. Lascia che siano i giapponesi a superare in astuzia il resto di noi non solo sulla carineria, ma anche sul relax! Purrrr……rrrr……rrrr.

(2 tè freddo + 2 persone 1,5 ore nella caffetteria costano $ 26 USD)

Neko JaLaLa
Akihabara, Tokyo, Giappone
2 minuti a piedi dalla fermata Suehirocho della metropolitana di Tokyo
Telefono: +81 (0)3 3258 2525
Aperto dalle 11:00 alle 19:00


Neko JaLaLa Cat Café, Akihabara, Tokyo

Quando stavamo cercando cose stravaganti e meravigliose da fare a Tokyo, abbiamo appreso dei caffè per gatti. A Tokyo, dove gli appartamenti sono più simili a una cabina armadio americana, i residenti spesso non sono in grado di tenere animali domestici. In effetti, lo stile di vita di Tokyo è tale che si lavora fino alle 21:00 (o più tardi), si mangia un boccone e poi spesso si torna a casa a dormire. La maggior parte degli intrattenimenti, dei pasti e del relax avvengono fuori casa – ed è qui che entrano in gioco i cat café. In una città piena di persone in cui quasi il corpo naviga in metropolitana ogni giorno, le persone hanno bisogno di un luogo di tregua. E quasi niente è così rilassante come passare il tempo con gli animali... leggere un libro e avere un gatto rannicchiato accanto a te... ed è per questo che le persone vengono ai cat café. Siamo entrati intorno alle 17:30 di lunedì per vedere di cosa si trattava.

Proprio dietro l'angolo del quartiere dell'elettronica e degli anime di Akihabara a Tokyo si trova il Neko JaLaLa Cat Café. In realtà neko = gatto in giapponese e otto delle creature pelose risiedono dietro la maniglia della porta a zampa di ottone di Neko JaLaLa. Abbiamo avuto un po' di problemi a trovarlo inizialmente, dal momento che il sito web non aveva un indirizzo formale (almeno non in inglese), ma non preoccuparti... il proprietario è stato super disponibile al telefono e infatti ci ha parlato delle indicazioni mentre camminavamo dalla stazione della metropolitana. Perfetto!

Siamo stati poi accolti alla porta dal proprietario che ci ha accolto calorosamente per incontrare i gattini. Mentre sorseggiavo un tè freddo allo zenzero e limone, ho iniziato a guardarmi intorno. In parte parco giochi per gattini e in parte caffè, c'erano gatti sulle librerie….in lussuosi letti per gattini…su sgabelli….su alberi di gatto imbottiti e lungo le pareti. C'era... su uno sgabello... il Maine Coon più grande che abbia mai visto e dubito seriamente che ne vedrò mai uno più grande. Aveva le dimensioni di un cane e aveva un aspetto piuttosto privo di umorismo. Un persiano arancione con la faccia schiacciata dormiva, si stiracchiava e dormiva ancora un po'. A tabby Scottish Fold awoke from a nap and peered at us with one eye. And “Jack” a black cat, also known as the manager of the place, made his way over to us as if to welcome us to his humble operation.

A café full of cats may seem like a disconnect in a city so concerned with cleanliness…where even public toilets have liquid sanitizers inside stalls, masking music to hide the inconvenient embarrassment of having your urination heard by others and push-button warm-water bidets. But in fact Neko JaLaLa was quite tidy and hygienic…with shoes being removed at the door (common in private homes but not necessarily in public spaces), bags put up into cubby holes and hands sanitized with a 2-step process. And only then, does one get to meet the kitties.

We were a bit shy at first, but soon we got into the swing of things with the help of a basket of toys. All the kitties were friendly…even the ferocious looking Maine Coon. (Make sure to ask for the cat bios – they have in Japanese and English). All the felines were friendly but we did notice that some of the customers seemed to uniquely bond with certain cats. For example, kitties that only showed passing interest in me, latched on to a neighbour and kept him company the entire time. My favourite was a coquettish round-faced Abyssinian named Anne who loved to play and snuggle and chase the string no matter where or how high it was dangled.

When we decided it was time to leave, I realized I had a smile on my face, a spring in my step and that achy feeling in my neck was lessened. Hey, maybe there really is something to this idea of feline therapy. Leave it to the Japanese to outsmart the rest of us not only on cuteness, but also on relaxation! Purrrr……rrrr……rrrr.

(2 iced teas + 2 people 1.5 hours in the café was $26 USD)

Neko JaLaLa
Akihabara, Tokyo, Japan
2 minute walk from the Suehirocho stop on the Tokyo Metro
Telephone: +81 (0)3 3258 2525
Open 11am – 7pm


Neko JaLaLa Cat Café, Akihabara, Tokyo

When we were looking up wacky and wonderful things to do in Tokyo we learned about the cat cafes. In Tokyo, where flats are more like an American walk-in closet, residents are often not able to keep pets. In fact, the Tokyo lifestyle is such that one works until 9pm (or later), grabs a bite to eat and then often just heads home to sleep. Most entertainment, dining and relaxation happen outside the home – and this is where cat cafes come in. In a city packed with people where one nearly body surfs the subway everyday, people are in need of a place of respite. And almost nothing is as soothing as spending time with animals…reading a book and having a cat curl up beside you…and this is why people come to cat cafés. We dropped in around 5:30pm on a Monday to see what it was all about.

Just around the bend from the electronics and anime district of Akihabara in Tokyo lies Neko JaLaLa Cat Café. Actually neko = cat in Japanese and eight of the furry creatures reside behind the brass-paw door handle of Neko JaLaLa. We had a little bit of trouble to find it initially, since the website had no formal address (at least not in English), but no worries…the owner was super helpful on the phone and in fact talked us through the directions as we walked from the subway station. Purrfect!

We were then greeted at the door by the owner who warmly ushered us in to meet the kitties. As I was sipping a ginger and lemon iced tea, I started to look around. Part kitty playground and part café, there were cats on bookcases….in plush kitty beds…on stools….on upholstered cat trees and lining the walls. There was…on a footstool…the biggest Maine Coon I have ever seen and I seriously doubt I will ever see one bigger. He was the size of a dog and had a rather humourless look about him. An orange Persian with a squished up face slept and stretched and slept some more. A tabby Scottish Fold awoke from a nap and peered at us with one eye. And “Jack” a black cat, also known as the manager of the place, made his way over to us as if to welcome us to his humble operation.

A café full of cats may seem like a disconnect in a city so concerned with cleanliness…where even public toilets have liquid sanitizers inside stalls, masking music to hide the inconvenient embarrassment of having your urination heard by others and push-button warm-water bidets. But in fact Neko JaLaLa was quite tidy and hygienic…with shoes being removed at the door (common in private homes but not necessarily in public spaces), bags put up into cubby holes and hands sanitized with a 2-step process. And only then, does one get to meet the kitties.

We were a bit shy at first, but soon we got into the swing of things with the help of a basket of toys. All the kitties were friendly…even the ferocious looking Maine Coon. (Make sure to ask for the cat bios – they have in Japanese and English). All the felines were friendly but we did notice that some of the customers seemed to uniquely bond with certain cats. For example, kitties that only showed passing interest in me, latched on to a neighbour and kept him company the entire time. My favourite was a coquettish round-faced Abyssinian named Anne who loved to play and snuggle and chase the string no matter where or how high it was dangled.

When we decided it was time to leave, I realized I had a smile on my face, a spring in my step and that achy feeling in my neck was lessened. Hey, maybe there really is something to this idea of feline therapy. Leave it to the Japanese to outsmart the rest of us not only on cuteness, but also on relaxation! Purrrr……rrrr……rrrr.

(2 iced teas + 2 people 1.5 hours in the café was $26 USD)

Neko JaLaLa
Akihabara, Tokyo, Japan
2 minute walk from the Suehirocho stop on the Tokyo Metro
Telephone: +81 (0)3 3258 2525
Open 11am – 7pm


Neko JaLaLa Cat Café, Akihabara, Tokyo

When we were looking up wacky and wonderful things to do in Tokyo we learned about the cat cafes. In Tokyo, where flats are more like an American walk-in closet, residents are often not able to keep pets. In fact, the Tokyo lifestyle is such that one works until 9pm (or later), grabs a bite to eat and then often just heads home to sleep. Most entertainment, dining and relaxation happen outside the home – and this is where cat cafes come in. In a city packed with people where one nearly body surfs the subway everyday, people are in need of a place of respite. And almost nothing is as soothing as spending time with animals…reading a book and having a cat curl up beside you…and this is why people come to cat cafés. We dropped in around 5:30pm on a Monday to see what it was all about.

Just around the bend from the electronics and anime district of Akihabara in Tokyo lies Neko JaLaLa Cat Café. Actually neko = cat in Japanese and eight of the furry creatures reside behind the brass-paw door handle of Neko JaLaLa. We had a little bit of trouble to find it initially, since the website had no formal address (at least not in English), but no worries…the owner was super helpful on the phone and in fact talked us through the directions as we walked from the subway station. Purrfect!

We were then greeted at the door by the owner who warmly ushered us in to meet the kitties. As I was sipping a ginger and lemon iced tea, I started to look around. Part kitty playground and part café, there were cats on bookcases….in plush kitty beds…on stools….on upholstered cat trees and lining the walls. There was…on a footstool…the biggest Maine Coon I have ever seen and I seriously doubt I will ever see one bigger. He was the size of a dog and had a rather humourless look about him. An orange Persian with a squished up face slept and stretched and slept some more. A tabby Scottish Fold awoke from a nap and peered at us with one eye. And “Jack” a black cat, also known as the manager of the place, made his way over to us as if to welcome us to his humble operation.

A café full of cats may seem like a disconnect in a city so concerned with cleanliness…where even public toilets have liquid sanitizers inside stalls, masking music to hide the inconvenient embarrassment of having your urination heard by others and push-button warm-water bidets. But in fact Neko JaLaLa was quite tidy and hygienic…with shoes being removed at the door (common in private homes but not necessarily in public spaces), bags put up into cubby holes and hands sanitized with a 2-step process. And only then, does one get to meet the kitties.

We were a bit shy at first, but soon we got into the swing of things with the help of a basket of toys. All the kitties were friendly…even the ferocious looking Maine Coon. (Make sure to ask for the cat bios – they have in Japanese and English). All the felines were friendly but we did notice that some of the customers seemed to uniquely bond with certain cats. For example, kitties that only showed passing interest in me, latched on to a neighbour and kept him company the entire time. My favourite was a coquettish round-faced Abyssinian named Anne who loved to play and snuggle and chase the string no matter where or how high it was dangled.

When we decided it was time to leave, I realized I had a smile on my face, a spring in my step and that achy feeling in my neck was lessened. Hey, maybe there really is something to this idea of feline therapy. Leave it to the Japanese to outsmart the rest of us not only on cuteness, but also on relaxation! Purrrr……rrrr……rrrr.

(2 iced teas + 2 people 1.5 hours in the café was $26 USD)

Neko JaLaLa
Akihabara, Tokyo, Japan
2 minute walk from the Suehirocho stop on the Tokyo Metro
Telephone: +81 (0)3 3258 2525
Open 11am – 7pm


Guarda il video: Japan 2016 - Day 8 - Short Stroll Down Memory Lane, Little Nap Coffee, Narita (Gennaio 2022).